DAGOREPORT! GENERALI, VINTI E VINCITORI – AHÒ, TUTTO ‘STO CASINO PER RITROVARSI 3 CONSIGLIERI ANZICHÉ 4, COME NEL PRECEDENTE CDA, DOVE CALTAGIRONE RICOPRIVA PURE LA CARICA DI VICEPRESIDENTE? - OLTRE AD AVER INVESTITO QUASI 3 MILIARDI NELLE AZIONI DEL LEONE, LA CAMPAGNA DI CONQUISTA HA COSTRETTO L’EDITORE DEL MESSAGGERO A SCUCIRE UNA VALANGA DI SOLDI (10/15 MILIONI?), NECESSARIA PER ARRUOLARE AVVOCATONI COME SERGIO ERDE, AGENZIE DI COMUNICAZIONE, ADVISOR, MANAGER DEL CALIBRO DI COSTAMAGNA E CATTANEO, CIRINÀ E PALERMO, TIPINI FINI CHE NON VANNO LEGGERI QUANDO SPARANO LE LORO PARCELLE. NE VALEVA LA PENA?

-

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

Caltagirone Caltagirone

Tutto ‘sto casino per ritrovarsi 3 consiglieri anziché 4, come nel precedente Cda, dove Caltagirone ricopriva pure la carica di vicepresidente? Oltre ad aver investito quasi 3 miliardi nelle azioni del Leone, la campagna di conquista ha costretto l’editore del Messaggero a scucire una valanga di soldi (10/15 milioni?), necessaria per arruolare quell'indotto zeppo di avvocatoni come Sergio Erede, agenzie di comunicazione internazionali, advisor di tutti i generi, manager del calibro di Costamagna e Cattaneo, Cirinà e Palermo, tipini fini che non vanno leggeri quando sparano le loro parcelle. 

 

ALBERTO NAGEL ALBERTO NAGEL

Certo, l’attivismo per portare voti alla lista Calta di Luca Monteprezzemolo (per via del suo legame con Cattaneo nei treni Italo) o di Pierfurby Casini (ex vispo marito di Azzurra Caltagirone) è risultato sterile: i votanti anti-Nagel (Calta, Del Vecchio, Benetton, Crt) hanno raggiunto il 29,5% del capitale di Generali a cui si aggiunge un misero 3% di altri investitori; mentre la lista Donnet, al di là dei loro voti (39,5%), ha raccolto il 19% di altri azionisti.

FLAVIO CATTANEO LUCA CORDERO DI MONTEZEMOLO FLAVIO CATTANEO LUCA CORDERO DI MONTEZEMOLO

 

Chi ne esce peggio è l’aureola di Claudio Costamagna, candidato presidente che doveva conquistare il mercato internazionale dei fondi, che hanno invece preferito proseguire sulla sicurezza della vecchia strada (dei dividendi sicuri) anziché imbarcarsi con i nuovi arrivati. E si è pure incazzato quando ha letto le raccomandazioni di tutti i principali proxy advisor, ovvero i consulenti che danno agli investitori internazionali le raccomandazioni sui voti assembleari, tutti schierati in favore della lista del CdA di Generali.

PIERFERDINANDO CASINI AZZURRA CALTAGIRONE PIERFERDINANDO CASINI AZZURRA CALTAGIRONE

 

E lo scorso 11 aprile, in occasione di una audizione con i consiglieri di CRT guidati da Quaglia, l’ex banchiere di Goldman Sachs lo ha pure detto: “Quei giudizi lasciano il tempo che trovano perché gli investitori sono pochi e soprattutto capiscono poco o nulla”. Con accanto il povero Ciccio Cirinà in pieno conflitto di interessi avendo collaborato e approvato il piano industriale di Donnet per poi, oplà!, schierarsi sull’altra sponda, capace solo di balbettare un ruolo, quello di Ceo, cui non era ovviamente allenato. 

CLAUDIO COSTAMAGNA FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE LUCIANO CIRINA CLAUDIO COSTAMAGNA FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE LUCIANO CIRINA

 

Nella sua guerra per la liberazione di Trieste, oltre al suo “Messaggero”, Caltagirone ha avuto un supporto mediatico da “Il Foglio”, “Libero”, “La Verità”, “Il Giornale”, mentre i giornaloni hanno preferito stare alla finestra, dando un colpo al cerchio e uno alla botte. Anche “Il Sole” ha dovuto tener presente che gli imprenditori associati a Confindustria, compresi i Benetton, tifavano Calta, malsopportando lo stile in modalità Cuccia di Alberto Nagel. 

Erede Sergio Erede Sergio

 

Per l’avvocato Sergio Erede, a capo del più potente studio legale italiano, la disfatta triestina di Calta si aggiunge a quella di Del Vecchio su Mediobanca (per ora) e alla questione Cairo-Blackstone per l’immobile di via Solferino.

 

giovanni quaglia giovanni quaglia

Se Palazzo Chigi (malgrado l’amicizia Funiciello-Corsico) e il Mef di Franco e Rivera, non hanno preso posizione, la Consob di Savona ha provato in ogni modo di far sorridere Caltariccone conciando di non trovare “nessuna asimmetria informativa, nessun patto occulto, nessuna violazione da parte degli ex pattisti, a proposito della partecipazione costruita nel Leone negli ultimi mesi da Francesco Gaetano Caltagirone, Fondazione CrT e Leonardo Del Vecchio”.

CARLO BERTAGNIN BENETTON - ALESSANDRO BENETTON - ERMANNO BOFFA CHRISTIAN BENETTON CARLO BERTAGNIN BENETTON - ALESSANDRO BENETTON - ERMANNO BOFFA CHRISTIAN BENETTON

 

Mentre Calta e i suoi due consiglieri si preparano alla gueriglia nel consiglio di Generali, non si hanno notizie dell’altro sconfitto. Come si dice: Del Vecchio e Milleri tireranno le loro conclusioni dopo un’attenta riflessione.... Intanto, a seguire, la dichiarazione che più rosicante non si può. Da parte di Caltariccone.

 

GENERALI, CALTAGIRONE: CONTINUERÒ AD OPERARE PER IL CAMBIAMENTO

(askanews) – “Fin quando lo riterrò ragionevole, continuerò a operare perché il cambiamento avvenga. Ringrazio chi ci ha sostenuto e supportato votandoci”. Lo ha dichiarato Francesco Gaetano Caltagirone alla luce della sconfitta in assemblea della lista presentata dal suo gruppo per il rinnovo del cda di Generali. “Gli azionisti hanno votato: la maggioranza (oltre il 55%) ha preferito proseguire con Donnet piuttosto che l’alternativa di sviluppo proposta dal mio Gruppo. Sono convinto che Generali possa essere migliore e possa crescere molto”. 

 

FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE PHILIPPE DONNET FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE PHILIPPE DONNET

“Per questo – ha sottolineato – il mio gruppo ha presentato una lista che ha avuto il 42% dei voti, tutti gli italiani sono con noi senza eccezioni e sono tutti soci stabili. Soci che vogliono che Generali rimanga una società radicata in Italia e legata all’Italia”, ha commentato l’imprenditore, azionista ed ex vice presidente di Generali, che con la sua lista ho ottenuto solo tre posti su tredici nel consiglio, dove tornerà a sedersi dopo essersi dimesso nei mesi scorsi in vista della battaglia assembleare. Gli altri 10 posti sono andati, invece, alla lista presentata dal board uscente e sostenuta dall’azionista Mediobanca. 

Claudio Costamagna Claudio Costamagna

 

“Chi è socio stabile – ha affermato – vuole che insieme al grano che si semina ad ottobre e si raccoglie a giugno, si pianti l’albero che darà frutto negli anni. La speculazione, invece, vuole prendere subito quello che può e scappare”. 

 

francesco gaetano caltagirone francesco gaetano caltagirone

“Sono convinto che parte del risultato sarà comunque conseguito perché un consiglio di amministrazione eletto dal 55% dei voti non potrà non tenere conto dell’altro 45%”, ha detto ancora Caltagirone, secondo il quale “sono mancati i voti dei soci stranieri più lontani dalla realtà italiana, che credo non abbiano pienamente percepito quanto sia necessario il cambiamento per una società forte a lungo termine che deve rimontare le posizioni perse negli ultimi venti anni”. 

CLAUDIO COSTAMAGNA LUCIANO CIRINA CLAUDIO COSTAMAGNA LUCIANO CIRINA

 

 

Condividi questo articolo

business

“MI HA DETTO CHE SONO AL MASSIMO” – “REUTERS” RIVELA I DETTAGLI DI UNA CONVERSAZIONE TRA MACRON E BIDEN, A MARGINE DEI LAVORI DEL G7 IN GERMANIA: IL TOYBOY DELL’ELISEO AVREBBE RIFERITO AL PRESIDENTE AMERICANO DI AVER AVUTO UNA TELEFONATA CON L’EMIRATINO MOHAMMED BIN ZAYED – “MI HA DETTO DUE COSE: SONO AL MASSIMO, AL MASSIMO. E I SAUDITI POSSONO AUMENTARE DI 150 MIGLIAIA DI BARILI AL GIORNO)". DUNQUE, CHE FARE? PER “SLEEPY JOE” NON RESTANO CHE VENEZUELA E IRAN, IN BARBA AI VECCHI DISSIDI…

“NE SENTIRÒ LA MANCANZA COME AMICO” – FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE RICORDA IL COMPAGNO DI BATTAGLIA (NELL’ASSALTO FALLITO A GENERALI), LEONARDO DEL VECCHIO: “SE N’È ANDATO UN GRANDE ITALIANO. ERA UN UOMO DI PRINCIPI. HO SEMPRE APPREZZATO LA SUA LEALTÀ E LA SUA VOGLIA DI LAVORARE PER IL BENE DELL'AZIENDA” – ANCHE L’EX AD DI LUXOTTICA, ANDREA GUERRA, METTE DA PARTE LE VECCHIE RUGGINI: “GRAZIE PER ESSERE STATO UN ESEMPIO SILENZIOSO, CONTINUO E COSTANTE” – MELONI, RENZI, SALVINI, DI MAIO: IL CORDOGLIO DELLA POLITICA

SAI CHE SORPRESA: LE BANCHE SVIZZERE “RIPULISCONO” IL DENARO DI TRAFFICANTI E CRIMINALI! – UN TRIBUNALE PENALE HA CONDANNATO CREDIT SUISSE PER RICICLAGGIO DI DENARO: ALL'ORIGINE CI SONO I SOLDI DI EVELIN BANEV, EX LOTTATORE DIVENTATO TRAFFICANTE DI DROGA PER LA MAFIA BULGARA. LA BANCA ELVETICA LO AVREBBE AIUTATO A RICICLARE 146 MILIONI DI FRANCHI PROVENTO  DEI TRAFFICI DI COCAINA – PER L’ISTITUTO È ARRIVATA UNA MULTA DI 2 MILIONI DI FRANCHI, ED È STATO CONDANNATO ANCHE UN CONSULENTE. SI TRATTA DI UN PRECEDENTE STORICO: È IL PRIMO PROCESSO CONTRO UNA BANCA IN SVIZZERA. ORA CHE È STATO APERTO IL VASO DI PANDORA, NE SEGUIRANNO ALTRI OPPURE TORNERÀ SUBITO TUTTO COME PRIMA?

CHIARA FERRAGNI NON METTE DA PARTE L’EGO NEMMENO DI FRONTE ALLA MORTE: L’INFLUENCER PER MANCANZA DI TERMOMETRI CELEBRA PRIMA SE STESSA, POI LEONARDO DEL VECCHIO – IL NECROLOGIO PUBBLICATO DAL “CORRIERE DELLA SERA”: “DA IMPRENDITRICE ITALIANA L’HO SEMPRE AMMIRATO. HO AVUTO L'ONORE DI CONOSCERLO VISITANDO LO STABILIMENTO CHE LUI STESSO HA COSTRUITO AD AGORDO. MI UNISCO AL CORDOGLIO DELLA FAMIGLIA E DI TUTTA LUXOTTICA PER LA SCOMPARSA DI UNO DEI PADRI DELL'INDUSTRIA ITALIANA…”