FIAT BLUFF - PER COMMENTARE LE SCELTE DI MARPIONNE NON C’è BISOGNO DI CORAGGIO: BASTA METTERE IN FILA I NUMERI - MUCCHETTI: \"I governi americano e canadese sono stati rimborsati facendo altri debiti con le banche USA, salvate dalla Casa Bianca - Né la Fiat né Chrysler hanno il voto di sufficienza delle agenzie di rating. Ecco perché si tengono tanta, costosa liquidità in casa: l’accesso ai mercati finanziari rimane una scommessa\"...

Condividi questo articolo

Massimo Mucchetti per il \"Corriere della Sera\"

obamaobama marchionne

C\'è qualcosa che stona nel modo in cui Sergio Marchionne, reduce dall\'ascesa al 52%della Chrysler, si rivolge all\'Italia: in questo suo ripetuto lagnarsi di non ricevere gli stessi elogi che gli vengono rivolti negli Stati Uniti. Stona, perché a un\'intelligenza tanto veloce non sfugge la differenza di peso tra il vasto coro dei consensi e le isolate riserve della Fiom e le impertinenze di qualche osservatore.

Nel Paese dove la libertà si esercita anche dicendo male di Garibaldi, un manager che giostra sui due mondi, ma non ha una Caprera nel suo domani, sa bene che né lui né gli Agnelli possono vantare verso lo Stato italiano lo stesso credito politico che hanno verso la Casa Bianca: là la Fiat ha aiutato, qui è stata aiutata. La verità è che Marchionne segue la politica del carciofo. Mette sul piatto una foglia per volta.

Così si discute della parte, non del tutto. E allora lamentarsi dell\'ingratitudine serve a lasciarsi le mani più libere: se fa, è un benefattore; se non fa, è colpa degli ingrati. Ora la notizia è che la Fiat si mette in condizione di arrivare al 100%di Chrysler. Rimborsati i 7,5 miliardi di dollari ai governi di Usa e Canada, Torino ha ottenuto un\'emissione di azioni Chrysler che, al prezzo di 1,26 miliardi di dollari, le ha dato un 16%da aggiungere al 30%che già aveva avuto senza esborsi monetari.

Per altri 500 milioni, la Fiat riceve il 6%del governo Usa, al quale versa ulteriori 75 milioni per avere il diritto a rilevare la partecipazione del fondo sindacale Veba in Chrysler per 4,25 miliardi. Con l\'ultimo 5%che le spetta gratis, la Fiat marcia verso il pieno controllo della casa di Auburn Hills. Questi accordi, tutti price sensitive, sono stati resi noti a rate. La Consob avrebbe potuto esigere maggiore puntualità e trasparenza nell\'informazione. D\'altra parte, pure le banche subiscono.

NAPOLITANONAPOLITANO MARCHIONNE e LAPO

Alla vigilia di Natale, le italiane hanno aperto nuove linee di credito per 3,5 miliardi di euro, oltre a rifinanziarne di vecchie per un miliardo, senza ottenere nessuna notizia seria, ancorché adesso sembri che quei fidi servano più a chiudere il primo tempo dell\'operazione Chrysler che a finanziare Fabbrica Italia. Ma stiamo alla sostanza. E la sostanza è che la Fiat sta aumentando il debito finanziario consolidato. Al 31 marzo 2011, la Fiat Spa dichiarava 16,3 miliardi di euro di debiti e 13 di liquidità.

A questi vanno sommati i debiti della casa americana, l\'equivalente di 9,3 miliardi di euro, e la liquidità, 6,8 miliardi. Con gli ultimi acquisti di azioni Chrysler, il debito consolidato in euro sale da 25,6 a 27 miliardi; qualora fosse esercitata l\'opzione sulle azioni del fondo Veba, il debito volerebbe a 30 miliardi di euro. E la posizione finanziaria netta, negativa, passerebbe da 5,4 a 9,6 miliardi.

CHRYSLERCHRYSLER VETRINA

Troppo, se la si confronta con quella delle tedesche, che esercitano l\'attività industriale con i propri soldi e con margini ben superiori. I governi americano e canadese, per capirci, sono stati rimborsati facendo altri debiti con le banche americane, salvate dalla Casa Bianca. I nuovi tassi sono inferiori ai precedenti, decisi in situazione fallimentare, ma restano superiori all\'8%.

Né la Fiat, che riscuote comunque maggior fiducia, né Chrysler hanno l\'investment grade, ovvero il voto di sufficienza da parte delle agenzie di rating. E questo spiegherebbe, secondo gli analisti, perché si tengano tanta, costosa liquidità in casa: l\'accesso ai mercati finanziari rimane una scommessa. Per il governo italiano, impegnato a trattare la questione sul mercato della propaganda, la Fiat non è un problema, ma per la Cassazione dei tassi d\'interesse le sue obbligazioni restano junk bond, titoli spazzatura.

MassimoMassimo Mucchetti

Per quanto sia banale ripeterlo, la sufficienza si conquista fabbricando automobili gradite dal pubblico. Ma per farlo ci vuole una dedizione all\'industria e uno stato patrimoniale che al momento paiono deboli.

Basti pensare che Chrysler ha un patrimonio netto tangibile negativo per 9,2 miliardi di dollari. La fantasia di Marchionne potrà arrivare perfino a esplorare la strada di un reverse take over della società figlia Chrysler su mamma Fiat, consentendo all\'Exor degli Agnelli di diluire il proprio impegno nell\'auto e di sanare la situazione Chrysler come ha fatto il London Stock Exchange con Borsa Italiana.

E poi, magari, pensare a integrare una casa giapponese minore o a farsi integrare dalla rinata Gm. In ogni caso, i conti prospettano l\'esigenza di un aumento di capitale. E se questo avverrà in capo a Chrysler, ne uscirà ancor più rafforzata la capacità di attrazione del polo americano del gruppo su quello italiano.

 

 

Condividi questo articolo

business

DI MANLEVA IN PEGGIO – I BENETTON PROVANO A FARE I FURBI E AGGIRARE IL NODO DELLA MANLEVA CON UNA SORTA DI RISK ASSESSMENT, CIOÈ UN’ANALISI PREVENTIVA DEI RISCHI CONNESSI AL CROLLO DEL PONTE DA SCONTARE AL PREZZO DELL’OFFERTA DI CASSA DEPOSITI E PRESTITI. MA STIMARE ORA QUANTO COSTERANNO LE CAUSE CIVILE È IMPOSSIBILE - LA PORTAVOCE DELLE VITTIME EGLE POSSETTI: “SE MI DANNO UN’AUTO VECCHIA CON I FRENI ROTTI E COMBINO UN GUAIO È DIFFICILE PENSARE CHE SI POSSA DARA LA COLPA A ME. CAPISCO LA RILUTTANZA DI CDP…”