MEDIOBANCA, LA QUIETE DOPO LA TEMPESTA – PER PIAZZETTA CUCCIA I PRIMI NOVE MESI D'ESERCIZIO SI CHIUDONO CON UN UTILE IN CRESCITA DEL 10%, A 791 MILIONI – ORA L’ATTESA È TUTTA PER IL PIANO 2023-2026 CHE NAGEL PRESENTREÀ IL 24 MAGGIO: SARÀ UNA MANO TESA A CALTAGIRONE IN VISTA DELL’ASSEMBLEA DI OTTOBRE CHE RINNOVERA’ IL BOARD - L'AD È DIALOGANTE: “IL NOSTRO COMPITO È TENTARE DI DARE LE MIGLIORI SODDISFAZIONI POSSIBILI A TUTTI GLI AZIONISTI…”  

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Marcello Astorri per “il Giornale”

 

Alberto Nagel Alberto Nagel

Mediobanca va verso la presentazione del nuovo piano con il conforto di una buona trimestrale. L’ad Alberto Nagel, che presenterà il piano 2023-2026 al mercato il prossimo 24 maggio, ha chiuso i primi nove mesi dell’esercizio con un utile netto in crescita del 10% a 791 milioni (su 2,4 miliardi di ricavi). In particolare, il cda ha approvato i conti di un terzo trimestre con profitti a 235 milioni e i ricavi a quota 759,4 milioni (quest’ultimo dato è il secondo migliore di sempre). Numeri che portano Piazzetta Cuccia a ipotizzare il superamento dei target di fine anno. A fare la parte del leone il margine d’interesse a 1,3 miliardi (+17%) nei 9 mesi.

Alberto Nagel Caltagirone Alberto Nagel Caltagirone

 

[…]

 

Ma al di là dei conti, l’interesse intorno all’istituto è tornato forte dopo la notizia che ha confermato la salita nel capitale al 9,9% dell’imprenditore Francesco Gaetano Caltagirone, che in passato ha provato insieme a Delfin (azionista di Mediobanca al 19,8%) di conquistare, senza successo, le Generali. Mediobanca, primo socio del Leone al 13,1%, potrebbe essere la leva per un cambio al vertice a Trieste.

 

Anche se, a una prima vista, l’aria sembra cambiata: in primis, non si conoscono le volontà di Francesco Milleri, che ha in mano le chiavi della società degli eredi di Leonardo Del Vecchio. Il timoniere di EssilorLuxottica continuerà la battaglia del fondatore di Luxottica scomparso quasi un anno fa o inaugurerà una nuova e più pacifica fase? A prima vista, Milleri avrebbe altro per la testa in questo momento, con tre figli di Del Vecchio che hanno accettato l’eredità con beneficio d’inventario e potrebbero impugnare il testamento.

FRANCESCO MILLERI FRANCESCO MILLERI

 

Sta di fatto che la salita di Caltagirone può essere un pungolo per Nagel. Il titolo di Mediobanca, nonostante conti positivi, ieri è sceso del 2,75% a 9,68 euro. Secondo alcune fonti finanziarie potrebbe aver inciso, oltre al contesto negativo per le banche, la notizia della scomparsa dal decreto Omnibus della norma che avrebbe rinforzato i soci di riferimento nelle società quotate (dando un trampOlino alla coppia Delfin-Caltagirone).

FRANCESCO MILLERI LEONARDO DEL VECCHIO FRANCESCO MILLERI LEONARDO DEL VECCHIO

 

L’attesa è dunque tutta sul piano di Nagel: sarà una mano tesa a Caltagirone oppure l’antipasto di uno scontro nell’assemblea di ottobre che sarà chiamata a rinnovare il board? L’ad di Mediobanca, per ora, sembra propendere per l’approccio dialogante: «Il nostro compito è quello di tentare di dare le migliori soddisfazioni possibili a tutti i nostri azionisti e incentivare un engagement con loro, che sia il più genuino e proficuo possibile».

Alberto Nagel Alberto Nagel Alberto Nagel Alberto Nagel

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP