IL METODO MELONI: BLINDARE I COLOSSI DI STATO CON MANAGER AFFIDABILI PER METTERE A TERRA IL PNRR - IL CONTROLLO DELLE PARTECIPATE DIVENTA ANCORA PIÙ STRATEGICO GRAZIE ALLA RICCA DOTAZIONE DEI FONDI EUROPEI - LEONARDO SARA’ DECISIVA PER LA RIVOLUZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, ENEL SULLA TRANSIZIONE ECOLOGICA, ENI SUI BIOCARBURANTI - ALLA RETE FERROVIARIA ITALIANA FANNO CAPO BEN 24,3 MILIARDI DI OPERE, PARI ALL'11% DELL'INTERO PNRR ITALIANO - E POSTE DOVRA’ IMPLEMENTARE I SERVIZI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Paolo Baroni per “la Stampa”

 

CLAUDIO DESCALZI E GIORGIA MELONI CLAUDIO DESCALZI E GIORGIA MELONI

Il ruolo delle «Sei sorelle», i grandi gruppi pubblici di prima fascia controllati dallo Stato, è strategico: lo è stato sino ad ora nell'avanzamento del Pnrr e lo è altrettanto per la sua implementazione legata ai fondi aggiuntivi del REpowerEu che garantirà all'Italia molti miliardi di euro di fondi aggiuntivi per rafforzare la nostra autonomia sul fronte dell'energia.

 

[…] ha la sua importanza […] piazzare persone di fiducia negli altri gruppi nel momento in cui si vorrà affidare a Enel, piuttosto che a Leonardo o Terna […] i fondi che non si riescono a spendere a causa dei ritardi accumulati da altri progetti.

 

ENEL

STEFANO DONNARUMMA STEFANO DONNARUMMA

Valgono in tutto quasi 4 miliardi i progetti assegnati all'Enel nell'ambito del Pnrr per lo più concentrati nella missione relativa alla «Rivoluzione verde e transizione ecologica». Di questi 3,5 miliardi riguardano investimenti sulle nuove reti intelligenti di distribuzione dell'energia (smart grids) e sul fronte della resilienza agli eventi climatici estremi.

 

Con 190 milioni di euro viene invece finanziato l'ampliamento della fabbrica di pannelli fotovoltaici di Catania. Altri 130 milioni serviranno a sviluppare progetti per la produzione di idrogeno verde, a cui si aggiungono una serie di gare vinte in Puglia, Calabria e Liguria.

[…]

 

ENI

ROBERTO CINGOLANI ROBERTO CINGOLANI

Fino ad oggi il ruolo dell'Eni nell'ambito del Pnrr è stato marginale: il gruppo […] partecipa solamente ad una serie di progetti nell'ambito della ricerca e sviluppo di tecnologie innovative assieme a università e centri ricerca. Il salto di qualità, ora, Eni lo potrebbe fare sfruttando i miliardi del REpowrEu ed aumentando il proprio impegno sul fronte dello sviluppo dei biocarburanti, col sito di Gela destinato ad incrementare la propria capacità, e sul fronte della cattura della Co2 sfruttando i giacimenti esauriti di gas dell'Adriatico.

 

LEONARDO

terna terna

La […] società […] gioca un ruolo importante soprattutto nel campo della digitalizzazione del Paese. Leonardo, assieme a Tim, Cdp e Sogei ha infatti dato vita al «Polo strategico nazionale» per dotare la Pubblica amministrazione di tecnologie e infrastrutture cloud che possano beneficiare delle più alte garanzie di affidabilità, resilienza e indipendenza.

 

Il nuovo Cloud nazionale, nell'ambito di un piano che nel complesso vale 3 miliardi, è destinato ad ospitare dati e servizi critici e strategici di tutte le amministrazioni centrali (circa 200), delle aziende sanitarie locali e delle principali amministrazioni locali (Regioni, città metropolitane, comuni con più di 250 mila abitanti).

[…]

 

TERNA

MATTEO DEL FANTE MATTEO DEL FANTE

Sono tre i progetti, valore complessivo circa 1 miliardo di euro, che il gestore della rete elettrica nazionale ha proposto […] realizzare il «Ramo est» del Tyrrhenian Link che collega Campania e Sicilia e migliorare l'integrazione tra le varie zone di mercato ed utilizzare in maniera più efficiente i flussi di energia provenienti da fonti rinnovabili. […]

 

POSTE

Da Poste Italiane passa uno dei progetti più rilevanti […] con circa 7.000 uffici postali situati nei comuni più piccoli sotto i 15 mila abitanti, nei quali saranno aperti sportelli unici per l'accesso ai servizi della Pubblica amministrazione, e con una rete di oltre 250 aree di coworking su tutto il territorio nazionale […] I cittadini potranno richiedere certificati anagrafici, carte d'identità e passaporti, codice fiscale, certificati previdenziali e giudiziari e numerosi altri servizi che si aggiungono a quelli postali, finanziari, logistici, assicurativi e di telecomunicazioni.

 

GRUPPO FS

frecciarossa 1000 1 frecciarossa 1000 1

[…] Da rinnovare ci sono però i vertici di Rfi e Trenitalia, poltrone […] ambite per effetto dei maxi investimenti previsti in questo campo dal Pnrr. Ad oggi a Rete Ferroviaria Italiana, in particolare, fanno capo ben 24,3 miliardi di opere, pari all'11% dell'intero Pnrr italiano. […] Riguardavano l'affidamento lavori Napoli-Bari per un valore di 370 milioni e quello dei lavori per estendere il sistema di gestione e controllo del traffico ferroviario Ertms (3,27 miliardi) e dei lavori Palermo-Catania per un valore di 1,21 miliardi. […]

MATTEO DEL FANTE MATTEO DEL FANTE IL CAMMINO DELLA SPERANZA - LE NOMINE BY MACONDO IL CAMMINO DELLA SPERANZA - LE NOMINE BY MACONDO descalzi meloni descalzi meloni la conquista della poltrona vignetta by macondo la conquista della poltrona vignetta by macondo AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA - VIGNETTA BY MACONDO AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA - VIGNETTA BY MACONDO

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI AQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)    

DAGOREPORT – L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...