NAGEL NON METTE A CUCCIA MILLERI - LA PROPOSTA DI INTESA (IN REALTÀ UN ULTIMATUM) PER PRESENTARE UNA LISTA UNICA PER IL NUOVO CDA DI MEDIOBANCA, FIRMATA DAL CEO DI PIAZZETTA CUCCIA, ALBERTO NAGEL, È STATA RIFIUTATA DALLA DELFIN, LA SOCIETÀ LUSSEMBURGHESE CHE FA CAPO AGLI EREDI DEL VECCHIO ED È GUIDATA OGGI DA FRANCESCO MILLERI. NON SAREBBE INVECE ANCORA AGLI ATTI LA RISPOSTA UFFICIALE DI FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE - DELFIN CHIEDE UN NUOVO PRESIDENTE SUPER PARTES, IL CDA SI ARROCCA SU QUELLO IN CARICA, RENATO PAGLIARO...

-

Condividi questo articolo


milleri nagel caltagirone milleri nagel caltagirone

Marigia Mangano per il Sole 24 Ore - Estratti

 

Quattro paginette, sette articoli e un elenco di reciproci impegni. È l’«Accordo di Cooperazione» presentato da Mediobanca ai suoi principali azionisti, il gruppo Delfin (20%) e il gruppo Caltagirone (10%) per redigere una lista unica in vista del rinnovo del consiglio di amministrazione della banca di fine ottobre.

 

La proposta di intesa, firmata dal Ceo di piazzetta Cuccia, Alberto Nagel, in realtà un ultimatum, è stata rifiutata dalla società lussemburghese che fa capo agli eredi di Leonardo Del Vecchio ed è guidata oggi da Francesco Milleri. Allo stato attuale, si apprende, non sarebbe invece ancora agli atti la risposta ufficiale del socio Francesco Gaetano Caltagirone, anche se l’impressione è che a stretto giro arriverà e definirà la proposta come irricevibile.

 

ALBERTO NAGEL ALBERTO NAGEL

 

Il documento, consultato da Il Sole 24Ore, si inserisce nella faticosa trattativa per la creazione di una lista unica da parte del cda e dei suoi principali azionisti. Trattativa che, secondo molti osservatori, è oramai definitivamente tramontata, anche perché i tempi sono strettissimi: lunedì 18 si riunirà il comitato nomine di Mediobanca e due giorni dopo, mercoledì, sono attese le liste ufficiali.

 

Il tentativo di trovare una intesa condivisa si è infatti arenato di fronte a due questioni chiave su cui le parti coinvolte sono apparse da subito irremovibili: la candidatura di Renato Pagliaro alla presidenza di piazzetta Cuccia, opzione bocciata a più riprese da Delfin e Caltagirone, e gli impegni straordinariamente stringenti richiesti da piazzetta Cuccia ai soci in cambio dell’apertura della lista stessa a quattro rappresentanti in cda, fino a tre per Delfin e uno per l’imprenditore romano. Per capire la complessità delle negoziazioni basta scorrere il documento del patto proposto da Nagel.

 

FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE PHILIPPE DONNET FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE PHILIPPE DONNET

(…)

FRANCESCO MILLERI FRANCESCO MILLERI

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

MOLTO FRACASSO PER NULLA! QUANDO IL DIRETTORE HA PAURA, FA SOLO CASINO E RUMORE. IL "DON CARLO" DI CHAILLY È PAURA (SUA) E FRACASSO – IL DAGOREPORT SULLA PRIMA DELLA SCALA - "LO SPETTACOLO NON HA UNA DIREZIONE, NON RESTERÀ NELLA MEMORIA. TENERE VERDI IN UNA VISIONE UNITARIA, (DON CARLO, PIÙ DI OGNI ALTRO TITOLO), È IMPRESA TITANICA. IL TRIO LESCANO, MELI, PERTUSI, SALSI LE PRENDE DI SANTA RAGIONE DALLE DUE STRANIERE NETREBKO E GARANCA. DEI MASCHIETTI LO SVOCIATO PERTUSI È DI GRAN LUNGA È IL MIGLIORE, GLI ALTRI DUE HANNO LA PATATA IN BOCCA. PER UCCIDERE IL RITO, PRIMA DELL'INNO E DELL'OPERA È USCITO UN OMINO, IL SOPRINTENDENTE DOMINIQUE MEYER, CHE HA ROTTO LA SACRALITÀ DEL 7 DICEMBRE PER NON DIRE NULLA SE NON UNA… - VIDEO

DAGOREPORT - PER LE EUROPEE, LA ZELIG DI COLLE OPPIO HA GIÀ PRONTO UN PIANO PER AVERE LA MOGLIE DROGATA E LA SIRINGA PIENA: LASCIARE LIBERTÀ DI VOTO AGLI ULTRÀ DI ECR, GLI SPAGNOLI DI VOX E I POLACCHI DEL PIS, COSÌ SARÀ LIBERA DI TRASFORMARSI IN DEMOCRISTIANA E VOTARE PER LA “MAGGIORANZA URSULA” O PER LA NUOVA ARRIVATA ROBERTA METSOLA - CONTATI I VOTI (I FRATELLINI D’ITALIA SONO CERTI CHE SALVINI PRENDERÀ UNA BRUTTA BOTTA), LA MELONI SI RIMBOCCHERÀ LE MANICHE PER UN RIMPASTO DI GOVERNO: I PAPABILI A GIRARE I TACCHI SONO SANGIULIANO, ZANGRILLO E SANTANCHÉ (GIÀ SPINTA DA ARIANNA A DIMETTERSI DA COORDINATRICE FDI IN LOMBARDIA) - PER QUANTO RIGUARDA IGNAZIO LA RUSSA, LA DUCETTA SE LO TIENE FINCHE’ PUO’…

DAGOREPORT – ZELENSKY, T’HANNO RIMASTO SOLO: L’EX COMICO, CHE SI È AVVITATO SU UNA POSIZIONE DI TOTALE INTRANSIGENZA AI NEGOZIATI CON PUTIN, DEVE FARE I CONTI NON SOLO CON LA CHIUSURA DEI RUBINETTI DEGLI AIUTI DA PARTE DEGLI USA, MA ANCHE CON L’OPPOSIZIONE INTERNA. GLI UCRAINI SONO STANCHI DELLA GUERRA, COME DIMOSTRANO LE ACCUSE DEL SINDACO DI KIEV, VITALY KLITSCHKO – DI FRONTE AL FLOP DELLA CONTROFFENSIVA, INVECE DI TRATTARE CON PUTIN, ZELENSKY HA RISPOSTO CON LE PURGHE – BIDEN VUOLE LA PACE PRIMA DELLE ELEZIONI NEGLI USA: PER ASSENZA DI ALTERNATIVE, SI ARRIVERA' ALLA CESSIONE AI RUSSI DI CRIMEA E PARTE DEL DONBASS…