LA "PAX TECH" È FINITA – DOPO LA CAUSA DI "FORTNITE", ANCHE FACEBOOK VA ALL’ATTACCO DI APPLE SULLE COMMISSIONI DA STROZZINI DEL SUO STORE: “ABBIAMO CHIESTO DI RIDURRE LA TASSA DEL 30% O DI CONSENTIRCI DI OFFRIRE FACEBOOK PAY IN MODO DA POTER ASSORBIRE I COSTI PER LE AZIENDE IN DIFFICOLTÀ” – LA MELA E GOOGLE FANNO TRANSITARE TUTTI I PAGAMENTI IN-APP DAL LORO SISTEMA CHIUSO, APPROFITTANDOSI DELL'ASSENZA DI ALTERNATIVE E DEL DUOPOLIO DI FATTO

-

Condividi questo articolo


 

 

Fabrizio Goria per “la Stampa”

 

facebook pay 1 facebook pay 1

Dopo Fortnite, Facebook. Trova nuovi adepti la crociata iniziata da Epic Games, lo sviluppatore del videogioco più popolare tra gli adolescenti, contro Apple e Google in merito alla percentuale trattenuta dai due giganti delle Silicon Valley sulle transazioni nei rispettivi negozi digitali.

 

Secondo la società di Mark Zuckerberg il 30% di "tassa" imposto da App Store e Google Play è troppo e si studiano soluzioni alternative. Il social network di Menlo Park non parla di monopolio, come invece fatto dall'azienda di Tim Sweeney, ma l'impressione è che la mossa di Facebook sia il preludio a un cambio di rotta.

mark zuckerberg mark zuckerberg

 

L'emergenza sanitaria, i confinamenti, il lavoro da casa. Tre elementi che hanno caratterizzato la prima metà del 2020, e che hanno alimentato i conti dei colossi del web, complice il maggiore utilizzo del commercio elettronico e dell'intrattenimento digitale. Ma che hanno anche fatto inviperire gli sviluppatori di app, i quali hanno sempre mal digerito l'obolo, imposto da Apple e Google, sulle transazioni monetarie effettuate sulle applicazioni presenti sui negozi virtuali di iOs e Android.

FORTNITE FORTNITE

 

La prima ad agire, dopo una gestazione durata mesi, è stata Epic, la software house di Fortnite, lo sparatutto più amato dalla generazione Z, i nati negli anni Duemila. Il nuovo aggiornamento, infatti, prevedeva che ogni micropagamento passasse in modo diretto dalla società di Sweeney.

EPIC GAMES EPIC GAMES

 

Google e Apple hanno rimosso Fortnite ed Epic ha citato in giudizio le due compagnie, tacciandole di aver creato un monopolio. Inevitabili le ripercussioni, considerato che Fortnite ha circa 350 milioni di giocatori a livello globale. Pochi analisti, tuttavia, pensavano che Menlo Park appoggiasse la causa di Epic Games. Invece, in una nota pubblicata sul blog aziendale, Facebook ha annunciato la rottura.

 

IL VIDEO CON CUI EPIC GAMES ACCUSA APPLE DI CONTROLLARE IL MERCATO DELLE APP IL VIDEO CON CUI EPIC GAMES ACCUSA APPLE DI CONTROLLARE IL MERCATO DELLE APP

«Abbiamo chiesto ad Apple di ridurre la tassa del 30% sull'App Store o di consentirci di offrire Facebook Pay (il sistema di pagamento di proprietà, ndr) in modo da poter assorbire tutti i costi per le aziende in difficoltà durante il Covid-19», ha scritto Fidji Simo, numero uno della divisione dedicata alla app di Facebook. L'obiettivo, secondo Simo, è agevolare le piccole e medie imprese nella lunga rincorsa alla ripresa post pandemia. Come?

 

Fornendo loro la possibilità, tramite le pagine di Fb, di organizzare eventi virtuali a pagamento, come classi di cucina o lezioni di pittura. Un'innovazione annunciata da settimane e arrivata ora a regime. La finalità di Menlo Park è chiara: il 100% degli introiti deve arrivare in tasca agli imprenditori e quindi è ritenuto inconcepibile il 30% erogato a Apple e Google.

tim cook tim cook

 

«Solo il 19% delle piccole imprese ha ricevuto un sostegno finanziario durante la pandemia», ha spiegato Simo. La mossa di Zuckerberg, che segue quella di Epic, potrebbe avere conseguenze sull'intero segmento delle applicazioni per smartphone. Cruciali saranno le decisioni degli sviluppatori di videogame più popolari, come EA Sports (quindi la serie di Fifa), Rockstar, Activision, Konami e Square Enix. Ma anche Disney, la cui app Disney+ è sui negozi per iOs e Android.

facebook pay 3 facebook pay 3 facebook pay facebook pay

 

zuckerberg meme zuckerberg meme FORTNITE FORTNITE MARK ZUCKERBERG SELENA GOMEZ MARK ZUCKERBERG SELENA GOMEZ

 

FORTNITE FORTNITE FORTNITE FORTNITE zuckerberg meme zuckerberg meme

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDONO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"?