RETE DI VENDETTA – IL NO SECCO DI VIVENDI AL BONUS DELL’AD DI TIM, PIETRO LABRIOLA, È UN MODO PER FAR SENTIRE IL FIATO SUL COLLO AL BOARD IN VISTA DELLA PARTITA DELLA RETE – I FRANCESI VALUTANO L’ASSET INTORNO AI 30 MILIARDI E DIFFICILMENTE ACCETTERÀ OFFERTE TROPPO DISTANTI. BOLLORÉ TEME DI FINIRE IN MINORANZA DURANTE UN’ASSEMBELA DEI SOCI ORDINARIA, E NE CHIEDE UNA STRAORDINARIA…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Marcello Astorri per “il Giornale”

 

PIETRO LABRIOLA TIM PIETRO LABRIOLA TIM

Si avvicinano i giorni della resa dei conti sulla cessione della rete di Tim. In vista del 18 aprile, infatti, i contendenti di Cdp-Macquarie e Kkr si preparano ad affinare i rispettivi rilanci per strappare il pass e guadagnarsi i colloqui in esclusiva.

 

Sullo sfondo, però, c’è la figura di Vivendi, il socio che controlla il 23,7% di Tim, che valuta l’asset della rete intorno ai 30 miliardi di euro e ben difficilmente accetterà di buon grado un’offerta distante dai suoi desiderata. Il socio francese, che ha già ritirato tutti i suoi rappresentanti dal cda, lancia segnali d’irrequietezza.

 

BOLLORE' DE PUYFONTAINE BOLLORE' DE PUYFONTAINE

Infatti se, da un lato, l’ad di Tim, Pietro Labriola, ha assicurato: «Tuteleremo Vivendi e tutti gli altri azionisti», dall’altra Vivendi teme in qualche modo un’imboscata. Ossia di poter essere messa in minoranza durante un’assemblea dei soci ordinaria su un’eventuale proposta dei due contendenti.

 

[…]  Vivendi ritiene che la cessione di un asset rilevante come quello della rete debba essere sottoposta a un’assemblea straordinaria, che ha quorum differenti nella votazione e la vedrebbe in una situazione di forza (di fatto il suo voto costituirebbe una minoranza di blocco).

 

PIETRO LABRIOLA PIETRO LABRIOLA

Dall’altra, però, nel cda di Tim la decisione non sarebbe ancora stata presa e potrebbe essere affidata dal cda al verdetto di un’assemblea ordinaria, dove la linea di Vivendi potrebbe anche soccombere. […]

 

Alla luce di questa situazione, quindi, Vivendi sta giocando le sue carte. E il no secco al bonus dell’ad Labriola, recapitato attraverso una missiva al cda nei giorni scorsi, potrebbe anche essere letto come un modo per far sentire il fiato sul collo al board. […]

 

[…] Tornando però al dossier rete, i due contendenti verosimilmente si prenderanno tutto il tempo necessario per i rilanci. Nella prima tornata di offerte, sia Cdp-Macquarie che Kkr avevano messo sul piatto cifre vicine ai 20 miliardi. Ora, secondo le ultime indiscrezioni, entrambi sarebbero alla caccia di corposi finanziamenti per provare a convincere il board di Tim. Secondo le prime ipotesi, faranno rilanci di almeno due miliardi rispetto alle offerte precedenti.

 

DARIO SCANNAPIECO DARIO SCANNAPIECO

Ma a fare la differenza sarà non solo il valore finale, ma anche come saranno formulate le proposte: insomma, il progetto industriale più convincente. Una volta arrivate le offerte, la palla passerà di nuovo al cda di Tim con i riflettori che si sposteranno verso il prossimo appuntamento in calendario il 10 maggio.

DE PUYFONTAINE BOLLORE DE PUYFONTAINE BOLLORE

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - DOVE VA IL PD, SENZA LA BANANA DELLA LEADERSHIP? IL FALLIMENTO DI ELLY SCHLEIN È SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. GENTILONI È UNA “SAPONETTA” SCIVOLATA DA RUTELLI A RENZI, PRIVO DI PERSONALITÀ E DI CARISMA. QUALITÀ ASSENTI ANCHE NEL DNA DI FRANCESCHINI, ORLANDO E GUERINI, PER NON PARLARE DI BONACCINI, CHE HA LO STESSO APPEAL DI UNA POMPA DI BENZINA - ECCO PERCHÉ, IN TALE SCENARIO DI NANI E BALLERINI, SOSTENUTO DAI MAGHI DELL’ULIVO BAZOLI E PRODI, BEPPE SALA POTREBBE FARCELA A RAGGRUPPARE LA SINISTRA E IL CENTRO E GUIDARE LE ANIME DIVERSE E CONTRADDITTORIE DEL PD. NELLO STESSO TEMPO TROVARE, ESSENDO UN TIPINO PRAGMATICO, UN EQUILIBRIO CON L’EGO ESPANSO DI GIUSEPPE CONTE E SQUADERNARE COSÌ UNA VERA OPPOSIZIONE AL GOVERNO MELONI IN CUI SCHLEIN HA FALLITO

DAGOREPORT: IL DELITTO PAGA SEMPRE (PURE IN VATICANO) - IL DUO BERGOGLIO-PAROLIN AVEVA DEPOSTO MONSIGNOR ALBERTO PERLASCA DA RESPONSABILE DELL'UFFICIO ECONOMICO DELLA SEGRETERIA DI STATO, ALL’INDOMANI DELLO SCANDALO DELLA COMPRAVENDITA DEL PALAZZO LONDINESE. ACQUA (SANTA) PASSATA: IL TESTIMONE CHIAVE DEL PROCESSO BECCIU, IN OTTIMI RAPPORTI CON FRANCESCA CHAOUQUI E GENOVEFFA CIFERRI, E’ STATO RINOMINATO PROMOTORE DI GIUSTIZIA AGGIUNTO AL SUPREMO TRIBUNALE DELLA SEGNATURA APOSTOLICA, CHE FUNGE ANCHE DA TRIBUNALE AMMINISTRATIVO PER TUTTA LA CHIESA - DOPO IL CARDINALE BECCIU, CHISSÀ A CHI TOCCHERÀ...