IL TESORO NASCOSTO DI UNICREDIT - LA “GENIALE” OPERAZIONE LEGAL-FINANZIARIA MESSA IN PIEDI DA CHRISTIAN SAVATTERI, AZIONISTA DI UNICREDIT, CHE IN UN’ASSEMBLEA DI SETTE ANNI FA ANNUNCIÒ DI AVER RITROVATO 353 MILIARDI DI EURO DI PROPRIETÀ DELLA BANCA, RAPPRESENTATA DAL DENARO CONTABILE CREATO AL MOMENTO DELL'EROGAZIONE DEI PRESTITI - LUI AVREBBE VOLUTO FARSI PAGARE 17 MILIARDI PER IL RITROVAMENTO. MA ALLA FINE LA CASSAZIONE LO HA COSTRETTO A PAGARE...

-

Condividi questo articolo


 

Mario Gerevini per www.corriere.it

 

unicredit unicredit

Nelle casse di Unicredit, all’insaputa di Unicredit, c’è un gigantesco tesoro nascosto: 353 miliardi di euro. Christian Savatteri, azionista della banca, ne è talmente convinto da essere andato in tribunale poi in corte d’Appello e infine in Cassazione per sentirsi dare ragione. Dice: l’ho scoperto io, loro non se n’erano nemmeno accorti.

 

Sembra la nobile battaglia di un disinteressato Davide contro il Golia-bank che nasconde il malloppo. In realtà Savatteri, di cui si sa poco o nulla, si è appellato alle norme 927 (cose ritrovate) e 930 (premio dovuto al ritrovatore) del Codice Civile. Sostanzialmente avrebbe voluto farsi pagare circa 17,6 miliardi di euro per il ritrovamento. Non è andata esattamente come sperava, ma la banca si è arricchita.

 

federico ghizzoni federico ghizzoni

Il denaro creato dal nulla

La «geniale» operazione legal-finanziaria prende il via in un’assemblea Unicredit di sette anni fa nella quale Savatteri si fa rappresentare da Marco Saba, non nuovo a pindariche teorie su presunti patrimoni nascosti delle banche.

 

«Egregi soci — è la sintesi dell’intervento davanti ai vertici di allora, in testa l’amministratore delegato Federico Ghizzoni —, il signor Savatteri ha ritrovato un’ingente somma di denaro di proprietà di Unicredit , rappresentata dal denaro contabile creato dal nulla dalla banca nel corso del 2013, al momento dell’erogazione di prestiti …».

 

Ecco il segreto a cui generazioni di contabili, revisori, bancari e banchieri non erano mai arrivati: se presti denaro lo crei. E poco importa che le risorse derivino da operazioni di provvista con i clienti, con le altre banche, con il mercato. Quindi altro che i 15 miliardi di perdita: emerge «un utile di esercizio di almeno 353 miliardi».

 

Un sogno da super ricco

unicredit unicredit

Sorprendentemente la notizia e la conseguente proposta di distribuire un enorme dividendo non provocano entusiasmo tra i soci e lasciano freddo perfino Ghizzoni. Così Savatteri è costretto a far causa per «aver fatto emergere — leggiamo nelle carte giudiziarie — una maggiore ricchezza della banca, 353 miliardi, di cui essa era prima inconsapevole» e non essere stato premiato.

 

Se avesse ragione, infatti, la legge prevede che gli spetti un decimo del valore fino a 10mila euro e un ventesimo oltre i diecimila. Quindi più o meno 17,6 miliardi che l’avrebbero collocato al terzo posto dei super ricchi in Italia: Giovanni Ferrero, Leonardo Del Vecchio, Christian Savatteri. In tribunale nel 2017 gli va male. In corte d’Appello nel 2019 pure e arriviamo al marzo 2021 con la pubblicazione della sentenza della Cassazione.

 

«Non intelligere quod ...»

FEDERICO GHIZZONI FEDERICO GHIZZONI

Qui i sogni miliardari del socio visionario si infrangono definitivamente contro il rigore dei giudici supremi che emettono una sentenza durissima. Non solo il tesoro non esiste, come si poteva intuire, non solo il ricorso si basa su «una tesi ardita» ma «costituisce almeno un’ipotesi di colpa grave, consistente nel non intelligere quod omnes intelligunt». Quindi lite temeraria. Morale: Savatteri dovrà pagare 30 mila euro a Unicredit.

 

Condividi questo articolo

business

MAZZARELLA IN CARROZZASORPRESA AMARA PER CIMBRI ALL’ASSEMBLEA DI BPER CHE HA ELETTO IL NUOVO CDA: I GRANDI SOCI DELL'EX POPOLARE EMILIANA CONTROLLATA DA UNIPOL NON SONO RIUSCITI A IMPORSI IN ASSEMBLEA – IN COMPENSO CIMBRI CONOSCE BENE IL NEO PRESIDENTE DI BPER, FLAVIA MAZZARELLA: NELLA CALDA ESTATE 2012 PROPRIO LEI, A CAPO DI IVASS, ARBITRÒ L'ASPRA BATTAGLIA PER FONDIARIA SAI. NON SOLO: DAL 1994 AL 2002 È STATA LA DEVOTA PUPILLA DI DRAGHI, DIRETTORE GENERALE DEL TESORO PER LE PRIVATIZZAZIONI