VIVENDI E LASCIA VIVERE – LA LETTERA DEL DG DI BOLLORÉ FREDERIC CREPIN AL CDA DI MEDIASET NON POTEVA ESSERE PIÙ CHIARA: SMETTIAMOLA DI LITIGARE E PROVIAMO A METTERE INSIEME LE FORZE PER RIPRENDERE IL PERCORSO DI NETFLIX EUROPEA – LE DIPLOMAZIE SONO AL LAVORO, L’AEREO PRIVATO È PRONTO A DECOLLARE DA PARIGI CON A BORDO BOLLORÉ IN PERSONA, CHE VORREBBE INCONTRARE DIRETTAMENTE SILVIO O PIERSILVIO – ORMAI ANCHE A COLOGNO MONZESE IL PARTITO DELLA PACE HA RAGGIUNTO QUASI L’UNANIMITÀ…

-

Condividi questo articolo

DAGOREPORT

 

Frederic crepin vivendi Frederic crepin vivendi

La lettera spedita al cda di Mediaset da Frederic Crepin, direttore generale di Vivendi e uomo storico di Vincent Bolloré, non poteva essere più chiara: smettiamola di litigare e proviamo a mettere insieme le forze per riprendere il percorso di Netflix Europea tanto caro ai francesi.

BOLLORE' VIVENDI BOLLORE' VIVENDI

 

Non è un caso che l’invito arrivi nel momento in cui Vivendi si senta più forte, sulla scorta di cause vinte in tutta europa che hanno costretto il Biscione a bloccare il progetto di Mediaset for Europe.

 

berlusconi bollore vivendi mediaset berlusconi bollore vivendi mediaset

La missiva contiene altri due messaggi importanti: il bastone (è inutile che pensiate di chiedere i danni a Vivendi, al limite chiedeteli ai giudici di tre paesi che hanno bloccato la fusione) e la carota (siamo disponibili a venire in Italia a parlare quando volete).

CONFALONIERI PIERSILVIO BERLUSCONI CONFALONIERI PIERSILVIO BERLUSCONI

 

Le diplomazie sono al lavoro, l’aereo privato è pronto a decollare da Parigi con a bordo Vincent Bolloré in persona insieme al fido Arnaud De Puyfontaine, che però vorrebbero alzare la posta e incontrare direttamente Silvio e Piersilvio Berlusconi, consci che il blocco che ha impedito in questi anni di firmare quell’accordo, che è sembrato tantissime volte vicino al traguardo, sia al di sotto della famiglia. 

Sergio Erede Sergio Erede

 

Ormai anche a Cologno Monzese il partito della pace ha raggiunto quasi l’unanimità. Oltre a Piersilvio vogliono  l’accordo Fidèl Confalonieri e tutto il management, convinti che Vivendi possa essere un ottimo partner e aiutare anche nel dialogo ora difficilissimo con la tedesca Pro Sieben.

NICCOLO' GHEDINI SILVIO BERLUSCONI NICCOLO' GHEDINI SILVIO BERLUSCONI

 

 

 

A favore dell’accordo sarebbe anche l’avvocato Erede, che ha capito che così non si va da nessuna parte.

 

vincent bollore vincent bollore

I nemici sono rimasti solo due: Niccolò Ghedini, molto ascoltato da Silvio, che però ormai negli anni dovrebbe aver capito che la strategia della guerra tipica dell’avvocato padovano ha portato solo a sconfitte, e Marco Giordani, numero 2 di Piersilvio, l’uomo che I francesi considerano la vera origine del problema, ovvero la da loro contestata vendita di Mediaset Premium, da cui è scaturito tutta il contenzioso fra gli ex amici Bolloré e Berlusconi.

 

Jospeh Oughourlian Jospeh Oughourlian

D’altronde Bolloré, fresco dell’accordo con l’ex nemico Jospeh Oughourlian su Lagardére, ha dimostrato di essere altrettanto bravo a fare la pace che la guerra.

LAGARDERE LAGARDERE

piersilvio e silvio berlusconi piersilvio e silvio berlusconi

cyrill vincent e yannick bollore cyrill vincent e yannick bollore

piersilvio e silvio berlusconi piersilvio e silvio berlusconi Frederic crepin VIVENDI Frederic crepin VIVENDI bollore e de puyfontaine assemblea vivendi bollore e de puyfontaine assemblea vivendi bollore de puyfontaine assemblea vivendi bollore de puyfontaine assemblea vivendi bollore assemblea vivendi bollore assemblea vivendi

 

Condividi questo articolo

business