WALL STREET PERDE IL 7% E GLI SCAMBI VENGONO SOSPESI PER 15 MINUTI - ED E’ LA PRIMA SOSPENSIONE DAL 2008 - ALLA RIPRESA DEGLI SCAMBI IL DOW JONES FA PEGGIO: È ARRIVATO A PERDERE IL 7,8%, OVVERO OLTRE 2.000 PUNTI...

-

Condividi questo articolo


Borsa:Wall Street perde il 7%,scambi sospesi 15 minuti

WALL STREET 1 WALL STREET 1

 (ANSA) - I listini americani calano del 7%. Un crollo che fa scattare i 'circuit breaker' e una sospensione delle contrattazioni per 15 minuti. Le regole del Nyse prevedono una pausa degli scambi dopo un calo del 7%.

 

Wall Street riparte, Dj -7,53%, Nasdaq -7,17% ++

 (ANSA) - NEW YORK, 9 MAR - Wall Street riapre gli scambi e si conferma in forte calo. Il Dow Jones perde il 7,53% a 23.920,31 punti, il Nasdaq cede il 7,17% a 7.963,52 punti, lo S&P 500 lascia sul terreno il 7,22% a 2.757,77 punti.

 

Wall Street Wall Street

Borsa: stop 15 minuti scambi Wall Street il primo dal 2008

 (ANSA) - La sospensione temporanea degli scambi a Wall Street è stata la prima dal dicembre 2008. Alla ripresa degli scambi il Dow Jones è arrivato a perdere il 7,8%, ovvero oltre 2.000 punti. Le regole del Nyse prevedono che la prossima sospensione degli scambi scatti nel caso di perdite sullo S&P 500 del 13%. Se il calo dello S&P 500 dovesse raggiungere il 20% Wall Street chiuderebbe: la norma vale per gli ultimi 35 minuti di scambi. Finora non sono mai state registrate sospensioni per i limiti del 13% e del 20%.

 

Condividi questo articolo

business

ATTENZIONE, ANNUNCIAZIONE, ARRIVA LA RECESSIONE! – LE POLITICHE MONETARIE ULTRA-AGGRESSIVE DELLA FED E L'ECONOMIA IN FRENATA SPAVENTANO GLI INVESTITORI: I LISTINI CADONO (PIAZZA AFFARI -3,36%), I RENDIMENTI VOLANO (BUND SOPRA IL 2%) E IL DOLLARO CORRE - VINCENT MORTIER DI AMUNDI: “NEL CASO DI UN'INTERRUZIONE TOTALE DELLE FORNITURE DI GAS RUSSO E DI UN ULTERIORE RAZIONAMENTO IN EUROPA, L'IMPATTO NEGATIVO SUI FONDAMENTALI SI ESTENDEREBBE ULTERIORMENTE, PORTANDO IL CAMBIO DOLLARO-EURO A SCENDERE SOTTO IL NOSTRO OBIETTIVO DI BREVE TERMINE DI 0,94”

SPENDI, MAGNA E CONFONDI I CONTI: COSÌ L'ALITALIA TARGATA ETIHAD È PRECIPITATA VERSO IL CRAC – È STATO RESO PUBBLICO IL DECRETO CON CUI IL GUIDICE HA MANDATO A PROCESSO 15 TRA EX DIRIGENTI ED EX AMMINISTRATORI DELL’ORMAI ESTINTA COMPAGNIA DI BANDIERA, DA MONTEZEMOLO A JAMES HOGAN – PER L’ACCUSA AVREBBERO FALSIFICATO IL BILANCIO 2015, PRESENTATO COME OPERATIVA ALITALIA ANCHE QUANDO PERDEVA 60 MILIONI AL MESE, PROFUSO DENARO PER CATERING “ESTRANEI A RAGIONEVOLI ESIGENZE DI IMPRESA”