ANDIAMO, I SOGNI PASSANO. I RICCHI E POVERI NO – DOPO MEZZO SECOLO SONO UN CLASSICO NON POP MA NAZIONAL-POPOLARE CHE NESSUN SANREMO E' MAI RIUSCITO A MUMMIFICARE ANGELO (78 ANNI) E ANGELA (76 ANNI) HANNO AVUTO IL CORAGGIO DELLE "COSE SEMPLICI": I CARI VECCHI QUATTRO ACCORDI PER CANZONI ORECCHIABILISSIME, BRILLANTI, DI QUELLE CHE SI GONFIANO SUBITO, COME PALLONCINI COLORATI, AL FIATO DELLA VOCE. COSE SEMPLICI, MA RARE, PERCHÉ OGGI NON LE FA QUASI NESSUNO - AL TEATRO BRANCACCIO DI ROMA GIOVANI E VECCHI RISCHIANO LA FUORUSCITA DEL POLMONE PER CANTARE "MAMMA MARIA" - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Estratto dell’articolo di Alessandra Vitali per www.repubblica.it

 

i ricchi e poveri con dago i ricchi e poveri con dago

A un certo punto interrompono il concerto, si mettono seduti e dicono: adesso vi raccontiamo la storia della nostra carriera, magari non tutta perché sono cinquant’anni, un po’ troppi, vi diciamo solo i momenti importanti.

 

Troppi, in effetti, ma se li ascolti con cura è come sfogliare l’album di un’Italia lontana anni luce. Chitarre sulla spiaggia, stabilimenti balneari, provini andati male, panini col salame consumati in macchina perché non c’erano soldi per il ristorante, gli incontri, Fabrizio De André, Franco Gatti, Marina Occhiena, Franco Califano.

 

Cinquant’anni fa partiva l’avventura dei Ricchi e Poveri, mezzo secolo che non li ha cambiati di una virgola — al netto di separazioni e perdite — e pensi che per loro, Angela e Angelo, una voce e una chitarra, non ci sia spazio in questi tempi ansiogeni di stream e piattaforme, canzoni che nascono muoiono si dimenticano, TiKTok e video di cinque secondi, storie Instagram che ti distrai un istante e non ci sono più. E invece.

 

RICCHI E POVERI RICCHI E POVERI

Martedì 21 maggio, al Teatro Brancaccio, tappa romana di un tour sold out già prima di essere annunciato, i Ricchi e Poveri hanno fatto strike. Tra il pubblico c’erano quelli che cinquant’anni fa suonavano la chitarra sulla spiaggia come loro, quelli che i cinquant’anni li hanno festeggiati vent’anni fa, quelli per cui cinquant’anni sono ancora una galassia lontana lontana. Boomers, GenZ, X, millennials, padri e nipoti, nonne, fratelli, gruppi di amici.

 

Tutti un mischione, tutto a memoria, Mamma Maria e Sarà perché ti amo, smartphone impennati, La prima cosa bella, le sciarpette rosa-rosso dei fanclub che fendono l’aria, Che sarà della mia vita chi lo sa, una signora piuttosto in età si sgola su un ritornello che fa “uh uh uh” e al secondo “uh” le viene un attacco di tosse. Non importa, questa è l’alchimia dell’euforia.

i ricchi e poveri con dago 1 i ricchi e poveri con dago 1

 

La gente vuole ridere, proclama il titolo di una commedia di successo di Vincenzo Salemme, e l’ultrapop dei Ricchi e Poveri agita il sentimento e l’allegria, in loro c’è la potenza dello strapaese, l’attrazione ancestrale della festa di piazza, c’è chi ricorda un’esibizione, pochi anni fa, al santuario del Divino Amore, chi evoca un live a una sagra della fragola. […]

 

Giovani e meno giovani, la mission a quel concerto era una e questo colpisce: divertirsi, ballare, cantare anche se per meno di due ore (Angelo ha pur sempre 78 anni, Angela 76, non esattamente i Maneskin).

 

Il perché poco conta. Perché il Covid ci ha imprigionati, perché è primavera, perché quelle canzoni sono scacciapensieri, perché la musica è meglio dal vivo che su un display, perché è bello sentire che il teatro è un luogo anche tuo e ci fai festa, lo trasformi in uno stadio, ci porti tua nonna, tutti in piedi e sotto al palco come sul prato. […]

angela dei ricchi e poveri su una moto angela dei ricchi e poveri su una moto angela dei ricchi e poveri viva rai 2 angela dei ricchi e poveri viva rai 2 RICCHI E POVERI RICCHI E POVERI i ricchi e poveri in vivetta i ricchi e poveri in vivetta ricchi e poveri con paola e chiara quarta serata sanremo 2024 ricchi e poveri con paola e chiara quarta serata sanremo 2024 ricchi e poveri ricchi e poveri ricchi e poveri ricchi e poveri angela brambati angela brambati RICCHI E POVERI - RETROSCENA DELLA SEPARAZIONE 1981 RICCHI E POVERI - RETROSCENA DELLA SEPARAZIONE 1981 ricchi e poveri prima serata sanremo 2024 ricchi e poveri prima serata sanremo 2024 dago i ricchi e poveri francesca ferrone dago i ricchi e poveri francesca ferrone

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ

LA MELONI È PRONTA A SOSTENERE URSULA AL CONSIGLIO EUROPEO E PROVA A CONVINCERE ORBAN A FARE LO STESSO: È LA SUA MIGLIORE CHANCE PER CONTARE QUALCOSA – DOPO LE EUROPEE, AL G7 LA SORA GIORGIA SARÀ MESSA ALL’ANGOLO DAGLI AVVELENATI MACRON E SCHOLZ, CHE FORZERANNO SULL’USO DEGLI ASSET RUSSI PER L’UCRAINA – SOCIALISTI MALE MA NON MALISSIMO – IL CROLLO DI SCHOLZ CAUSATO DALL’ECONOMIA TEDESCA E LA STRATEGIA KAMIKAZE DI MACRON CHE HA DECISO DI PORTARE LA FRANCIA AL VOTO ANTICIPATO PER...

FLASH – COME HA PRESO GIAMPAOLO ROSSI LE DICHIARAZIONI PUBBLICHE DI ROBERTO SERGIO, CHE HA RIVELATO L’ESISTENZA DI UN “PATTO” PER DIVENTARE DIRETTORE GENERALE? MALISSIMO! L’AD IN PECTORE, IN QUOTA COLLE OPPIO, È INFURIATO PER LO STRAPPO POCO ISTITUZIONALE. MA IN RAI SONO TUTTI STRANITI PER LA SPARATA, DIRIGENTI, DIRETTORI E MEMBRI DEL CDA, A PARTIRE DALLA PRESIDENTE MARINELLA SOLDI. E AL MEF NON HANNO PRESO AFFATTO BENE IL FATTO CHE SERGIO SI SIA SOSTITUITO A LORO NEL CAMPO DELLE NOMINE – SECONDO PUNTO: QUANDO SERGIO DICE CHE SERENA BORTONE ANDAVA LICENZIATA, PERCHÉ NON L’HA FATTO? EPPURE DA AD, AVEVA L’AUTORITÀ E IL POTERE SUFFICIENTE PER MANDARE A CASA LA CONDUTTRICE “ANTIFASCISTA”