ARAGOZZINI E LA S-VENTURA - ''IO HO PORTATO IL PRIMO ARTISTA DOWN A SANREMO, PIERANGELO BERTOLI''. MA ADRIANO ARAGOZZINI NEL PROGRAMMA DI SIMONA VENTURA CONFONDE LA SINDROME CON LA POLIOMELITE, E INTERVIENE IL FIGLIO DEL CANTAUTORE: ''LA COSA PIÙ BRUTTA NON È CONFONDERE LA MALATTIA, MA INSERIRLO IN UNA CATEGORIA. C'È STATO IL MELODICO, IL CANTAUTORE E L'HANDICAPPATO, IL FENOMENO DA BARACCONE''

-

Condividi questo articolo

 

https://spettacoli.tiscali.it/

 

 

simona ventura pierangelo bertoli simona ventura pierangelo bertoli

Scoppia la tempesta attorno alla puntata di Settimana Ventura, il nuovo show condotto da Simona Ventura su Rai 2 la domenica mattina, in particolare sulla frase di Adriano Aragozzini, ospite in studio ed ex patròn del Festival di Sanremo dal 1989 al 1991. Aragozzini ha detto: "Io ho portato il primo artista down a Sanremo, Pierangelo Bertoli". Naturalmente non è offensivo essere definiti down, a meno che non lo si faccia con disprezzo. Ma Bertoli, scomparso nel 2002, aveva la poliomelite, non la Sindrome di Down". Da questo, le proteste del figlio di Pierangelo Bertoli. 

simona ventura adriano aragozzini simona ventura adriano aragozzini

 

Alberto Bertoli, figlio di Pierangelo, ha scritto: "La cosa forse più brutta che Aragozzini ha fatto è inserire nell'elenco che stava facendo, mio padre come una categoria: c'è stato il melodico, il cantautore e l'handicappato, il fenomeno da baraccone che già è grave ma inoltre lo identifica con la sua disabilità. Ovviamente non è un disonore essere down ma ci vuole il rispetto sia per l'essenza di una persona oltre sia per la sua disabilità". E non vanno certo confuse tra loro le patologie, specie senza contraddittorio in tv. 

 

ll membro del Cda Rai, Riccardo Laganà, ha solidarizzato con la famiglia Bertoli, protestando contro "ospiti ignoranti e conduttori non all'altezza del ruolo". Su questo tema si attende un ulteriore aggiornamento da parte del Consiglio di amministrazione della Rai. 

pierangelo bertoli pierangelo bertoli adirano aragozzini e gina lollobrigida adirano aragozzini e gina lollobrigida

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

FINCHÉ C’È NAPOLI C’È SPERANZA - PERÒ È BELLO SAPERE CHE, DI QUESTI TEMPI CUPI E SPIETATI E RISENTITI, C’È UNA CITTÀ DOVE LA CREATIVITÀ ARTISTICA È VIVISSIMA, IL MIGLIOR VACCINO PER LA NOSTRA IMMAGINAZIONE FERITA DA MESI DI AFFANNI - VINCENZO DE LUCA HA SBORSATO 15 MILIONI E IL TEATRO SAN CARLO HA APPARECCHIATO IN PIAZZA DEL PLEBISCITO E ALLA REGGIA DI CASERTA UN SONTUOSO TRITTICO DI ALLESTIMENTI LIRICO (TOSCA E AIDA) E SINFONICI (LA NONA DI BEETHOVEN) CON LE UGOLE BACIATE DA DIO DI ANNA NETREBKO E DI JONAS KAUFMANN - VIDEO TOP

politica

business

cronache

sport

ANCHE CON LA CANICOLA, JOHN ELKANN SUDA FREDDO: I SUOI GUAI ARRIVANO DALLO SPORT - IN CASA JUVENTUS, ANCHE CON LA VITTORIA DELLA CHAMPIONS, NON C’È FUTURO PER SARRI - ARIA DI ADDIO ANCHE PER FABIO PARATICI (APPRODA ALLA ROMA AL POSTO DI PETRACHI?) E PER IL VICEPRESIDENTE PAVEL NEDVED (NON E' APPREZZATA LA SUA VIVACITÀ SENTIMENTALE) - FUORI I NEMICI PARATICI E NEDVED, MAX ALLEGRI POTREBBE TORNARE A TORINO. MA LO VOGLIONO ANCHE MANCHESTER UNITED E INTER (SUNING E MAROTTA SONO STUFI DELLE CONTINUE ROTTURE DI CAZZO DI CONTE). “ANDONIO” SOGNA LA PANCHINA DELLA NAZIONALE -  ALTRO SUDORE GELIDO PER JOHN ELKANN SI CHIAMA FERRARI..

cafonal

viaggi

salute