LA CANNES DEI GIUSTI – MALGRADO IL FESTIVAL CI PRESENTI NON POCHE NOVITÀ QUEST’ANNO, NON È CHE “DOLOR Y GLORIA” DI ALMODÓVAR, CON LE SUPERSTAR BANDERAS E CRUZ, SIA PROPRIO L’OPERA FRESCA CHE ATTENDEVAMO CON IMPAZIENZA – ALLA FINE SI RIDUCE NEL LAMENTO DI UN VECCHIO REGISTA PIENO DI ACCIACCHI E ANSIE CHE SI BUTTA NEL RICORDO DELLA SUA INFANZIA AL PAESELLO

-

Condividi questo articolo

 

Dolor y gloria di Pedro Almodóvar

Marco Giusti per Dagospia

 

dolor y gloria 9 dolor y gloria 9

“Lassù sento gli angeli che cantano…”. Ecco, ci mancavano solo Mina e gli angeli che cantano. Malgrado Cannes ci presenti non poche novità quest’anno, non è che Dolor y gloria di Pedro Almodóvar con le sue superstar Antonio Banderas e Penelope Cruz, che non dispiacerà certo ai vecchi critici barbogi e ai giornalisti già pensionati in vacanza, sia proprio l’opera fresca che attendevamo con impazienza.

dolor y gloria 8 dolor y gloria 8

 

Eppure, il suo ultimo film, Julieta, con le sue complesse triangolazioni di sceneggiatura, ci aveva fatto davvero ben sperare. Dolor y gloria, con tutta la sua alta classe di messa in scena, attori perfetti, musica di Alberto Iglesias e omaggi alle dive del passato, alla fine si riduce nel lamento di un vecchio regista pieno di acciacchi e ansie di ogni tipo che non ha più tanto da raccontare e si butta nel ricordo della sua infanzia al paesello con la mamma, sia in versione Penelope Cruz che in versione, meno giovane, Julieta Serrano, e che non trova di meglio che lenire ogni dolore con l’eroina, o con una doppietta di vecchi maschi, il protagonista di un suo film molto amato, Sabor, Asier Etxeanda, e il suo vecchio amore, Leonardo Sbaraglia, ormai emigrato in Argentina.

dolor y gloria 4 dolor y gloria 4

 

Il cocktail dolore+eroina lo porta a sognare, al ritmo di “Come una sinfonia” di Pino Donaggio cantata da Mina, il passato, il bianco della grotta- casetta dove viveva con la mamma a Partana, vicino a Valencia, la visione di un muratore nudo che gli ha fatto scoprire il desiderio sessuale, ma anche il rapporto complesso con una mamma ultracattolica che non è del tutto contenta del figlio. Qualche vecchio spettatore con gli stessi acciacchi di corpo e di cuore si commuoverà, penserà alle proprie sciatiche, io un paio di volte mi sono proprio addormentato, anche se Banderas e la Cruz sono bravissimi, ma forse non era materiale da farci proprio un film.

dolor y gloria dolor y gloria

 

Certo, il continuo incastro di cinema e vita, di rimandi di personaggi dentro altri personaggi ci riporta ai grandi film di Almodóvar, ma è un po’ un funzionamento minimo del suo cinema. Come l’uso di Mina o della Natalie Wood di Splendore nell’erba. Ci viene voglia di parlare con Pedro dei nostri acciacchi, magari più interessanti dei suoi. Ma chiamare un buon medico, no? Già in sala.

dolor y gloria 1 dolor y gloria 1 dolor y gloria 7 dolor y gloria 7 dolor y gloria 6 dolor y gloria 6 dolor y gloria 2 dolor y gloria 2 dolor y gloria 3 dolor y gloria 3 dolor y gloria 5 dolor y gloria 5

 

Condividi questo articolo

media e tv

I DOSSIER FBI SUL 'SUICIDIO' DI MARILYN MONROE - “ROBERT KENNEDY ERA INNAMORATO DI MARILYN. LE AVEVA PROMESSO DI DIVORZIARE DALLA MOGLIE PER SPOSARLA. INULTILMENTE. E LEI MINACCIO' DI RENDERE PUBBLICA LA LORO STORIA” - SI ACCENNA A UNA RELAZIONE LESBICA DI MARILYN CON ... (CENSURA)... - “DURANTE UN RAPPORTO SESSUALE CON MARILYN. IN ALCUNE OCCASIONI, JOHN F. KENNEDY PARTECIPAVA AI FESTINI CON...(CENSURA)... ATTRICI”. E UNO DI QUESTI PARTY ERA STATO FILMATO DA UN DETECTIVE PRIVATO DI LOS ANGELES

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute