CIAK, MI GIRA! - GRANDE VOGLIA DI BIOPIC DI CANTANTI DEFUNTI. NON SI SPIEGA ALTRIMENTI IL SUCCESSO DI “BOB MARLEY: ONE LOVE”, PRIMO IN AMERICA E ANCHE DA NOI, IERI CON 203 MILA EURO - SALE AL SECONDO POSTO, MA POTREBBE SALIRE ANCHE DI PIÙ CON TUTTI I PREMI CHE HA VINTO E PUÒ VINCERE, IL POTENTE “LA ZONA DI INTERESSE” DI JONATHAN GLAZER – “VOLARE”, SCRITTO, DIRETTO E INTERPRETATO DA MARGHERITA BUY, È ALL’11ESIMO POSTO. “FINALMENTE L’ALBA”, DI SAVERIO COSTANZO, È 16ESIMO…

-

Condividi questo articolo


 

Marco Giusti per Dagospia

 

bob marley: one love. 7 bob marley: one love. 7

Grande voglia di biopic di cantanti defunti. Non si spiega altrimenti il successo di “Bob Marley: One Love”, primo in America, dove ha incassato già 57 milioni, e globali sono 86. E’ primo anche da noi, ieri con 203 mila euro, 26 mila spettatori in 394 sale per un totale di 362 mila euro. Non capisco davvero il pubblico di un biopic su Bob Marley, che mi sembra così lontano come la musica reggae, i rasta e i cannoni sulla spiaggia. Magari non sono così lontani.

 

the zone of interest 4 the zone of interest 4

Sale al secondo posto, ma potrebbe salire anche di più con tutti i premi che ha vinto e può vincere, il potente “La zona di interesse” di Jonathan Glazer con Sandra Huller, campione del cinema d’arte, 108 mila euro, 16 mila spettatori in 284 sale, per un totale di 197 mila euro. Supera l’anime “Demon Slayer: Kimetsu no yaiba”, terzo con 103 mila euro, 13 mila spettatori in 191 sale per un totale di 213 mila euro.

 

 

past lives past lives

Torna a muoversi “Past Lives” di Celine Song con i suoi amori impossibili, quarto con 102 mila euro, 15 mila spettatori in 420 sale per un totale di 1 milione e mezzo. L’horror con la piscina maledetta “Night Swim” è quinto con 84 mila euro, 10 mila spettatori in 246 sale e in totale di 125 mila euro.

 

Solo sesto “Povere creature” di Yorgos Lanthimos con Emma Stone, altro forte candidato agli Oscar, 76 mila euro, 10 mila spettatori in 240 sale e un totale di 7, 6 milioni di euro. Il flop internazionale “Madame Web” di S.J. Clarkson con Dakota Johnson e Sydney Sweeney del tutto sprecate, è settimo con 50 mila euro, 7 mila spettatori in 267 sale e un totale di 994 mila euro.

 

 

 

 

volare margherita buy volare margherita buy

Ottavo, ma oggi dovrebbe crescere, “Emma e il giaguaro nero” di Gilles De Maistre, 49 mila euro, 7 mila spettatori in 326 sale, un totale di 71 mila euro. Il primo film italiano in classifica è la commedia di Giovanni Veronesi con Pilar Fogliati “Romeo è Giulietta”, 44 mila euro, 6 mila spettatori sperduti in 381 sale, un totale di 839 mila euro.

 

La new entry italiana “Volare”, commedia scritta, diretta e interpretata da Margherita Buy che ironizza sulla sua paura di volare è ferma all’11° posto con 28 mila euro, 4 mila spettatori in 198 sale. Non mi sembra che ci sia un grande interesse. Vedo che un altro film italiano che avrebbe potuto funzionare, “Finalmente l’alba” di Saverio Costanzo con Lily James e Joe Keery è 16° con 9 mila euro, 1.465 spettatori…

 

the zone of interest 5 the zone of interest 5 past lives past lives the zone of interest 3 the zone of interest 3 the zone of interest 6 the zone of interest 6 the zone of interest the zone of interest the zone of interest 1 the zone of interest 1 the zone of interest 2 the zone of interest 2 the zone of interest 8 the zone of interest 8 past lives past lives

bob marley: one love. 5 bob marley: one love. 5 bob marley: one love. 4 bob marley: one love. 4 bob marley: one love. 3 bob marley: one love. 3 bob marley: one love. 1 bob marley: one love. 1 bob marley: one love. 10 bob marley: one love. 10 bob marley: one love. 2 bob marley: one love. 2 bob marley: one love. 6 bob marley: one love. 6

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)