CIAK, MI GIRA - MENTRE TUTTO IL POPOLO DEL CINEMA SI STA SPOSTANDO A CANNES PER CELEBRARE NON SI SA PIÙ BENE COSA, “DOCTOR STRANGE NEL MULTIVERSO DELLA FOLLIA” PROCEDE NELLA SUA SPETTACOLARE CORSA IN TUTTO IL MONDO - ALLA SECONDA SETTIMANA, INCASSA ALTRI 61 MILIONI: BEN 3 SOLTANTO IN ITALIA, ARRIVANDO A UN TOTALE DI 11,4 E SOFFOCANDO QUALSIASI ALTRO FILM. NON PARLIAMO DI CINEMA ITALIANO, CHE È MEGLIO. LA COMMEDIA “SETTEMBRE”, UNICA IERI IN CLASSIFICA, AL DECIMO POSTO HA INCASSATO IN TUTTA LA SETTIMANA 68 MILA EURO PER UN TOTALE DI 207 MILA EURO - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Marco Giusti per Dagospia

doctor strange nel multiverso della follia 1 doctor strange nel multiverso della follia 1

 

Mentre tutto il popolo del cinema o quasi si sta spostando a Cannes per celebrare non si sa più bene cosa cercando di prenotarsi i biglietti on-line svegliandosi alle sei di mattina, “Doctor Strange nel Multiverso della follia” di Sam Raimi procede nella sua spettacolare corsa in tutto il mondo, Russia, Cina e Ucraina escluse.

 

benedict cumberbatch doctor strange nel multiverso della follia. benedict cumberbatch doctor strange nel multiverso della follia.

Alla sua seconda settimana, pur con una flessione notevole di oltre il 60% rispetto all’esordio (90 milioni il primo giorno!), incassa altri 61 milioni di dollari in America e, grazie ai 396 milioni di dollari che arrivano dai mercati stranieri, tocca la cifra di 688 milioni di dollari globali, che lo porta al secondo posto nella classifica mondiale dietro i 767 milioni di “Spider-Man: No Way Home”, scavalcando così il patriottico film cinese “WaterGate Bridge”, che ci piacerebbe vedere.

 

elizabeth olsen benedict cumberbatch doctor strange nel multiverso della follia elizabeth olsen benedict cumberbatch doctor strange nel multiverso della follia

 

Gli incassi maggiore vengono dalla Corea del Sud, 29 milioni, Inghilterra, 24 milioni, India e Australia 12 milioni, Giappone 9, 3, Francia 9. In Italia ha incassata questa settimana ben 3 milioni di euro arrivando a un totale di 11, 4 milioni di euro e soffocando qualsiasi altro film.

 

COLIN FIRTH - L ARMA DELL'INGANNO COLIN FIRTH - L ARMA DELL'INGANNO

Il bellico-spionistico “L’arma dell’inganno” con Colin Firth ha incassato alla sua prima settimana 168 mila euro, “Io e Lulù” con Channing Tatum divide la scena con un cane lupo, 140 mila euro, “Secret Team 355” solo 77 mila euro, “Firestarter”, remake di un celebre film fantastico tratto da un romanzo di Stephen King, 67 mila euro. Non parliamo di cinema italiano, che è meglio. La commedia “Settembre”, unica ieri in classifica, al decimo posto ha incassato in tutta la settimana 68 mila euro per un totale di 207 mila euro.

 

 

CHANNING TATUM - IO E LULU CHANNING TATUM - IO E LULU

In America dietro al “Doctor Strange 2” con 61 milioni di dollari non troviamo nessun film che possa francamente dargli noia. Il cartone animato “Bad Guys” è secondo nel weekend con 6,9 milioni di dollari per un totale americano di 66 e un totale globale di 165, “Sonic il Film 2” è terzo con 4,6 nel weekend, “Firestarter”, già stroncato dalla critica, prende mazzate anche dal pubblico, visto che è quarto nel weekend con 3, 8 milioni di dollari, che arrivano a 5,8 coi mercati stranieri. Pochino, visto che se ne aspettavano 35 di milioni con oltre tremila sale. Si muove bene il divertente film indie “Everything Everywhere All At Once” con Jamie Lee Curtis e Michelle Yeoh che ironizza con l’idea del multiverso, questo weekend quinto con 3, 3 milioni con un totale di 47 milioni.  Assolutamente da vedere, ammesso che arrivi anche da noi.

everything everywhere all at once everything everywhere all at once channing tatum dog 2 channing tatum dog 2

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

LA VEDO NERA - UN SONDAGGIO TRA 750 CEO AMERICANI NON LASCIA SCAMPO: IL 60% VEDE UNA RECESSIONE IN ARRIVO ENTRO 18 MESI E IL 15% RITIENE CHE SIA GIÀ IN ATTO NELLA PRINCIPALE AREA DOVE OPERANO - IL FONDO MONETARIO RIVEDE AL RIBASSO LE STIME DI CRESCITA DEL PIL USA (DAL 3,7 AL 2,9%) DOPO CHE IL PRESIDENTE DELLA FED POWELL AL CONGRESSO AVEVA DEFINITO LA FRENATA ECONOMICA “UNA POSSIBILITÀ” – NEGLI USA CALANO I PERMESSI PER LE NUOVE ABITAZIONI, LE VENDITE AL DETTAGLIO ARRETRANO, LE FAMIGLIE PAGANO I DEBITI CON DIFFICOLTA’, AUMENTANO LE RICHIESTE DI SUSSIDI DI DISOCCUPAZIONE E SI SUSSEGUONO GLI ANNUNCI DI LICENZIAMENTI DAI GRANDI GRUPPI

cronache

sport

cafonal

CAFONALINO D'ARGENTO - LA LUNGA NOTTE DEI NASTRI D'ARGENTO CONSEGNATI AL MAXXI DI ROMA: GRANDE RESSA NEL GIARDINO DEL RISTORANTE MEDITERRANEO, PER INGOZZARSI CON L'APERITIVO PRIMA DEL VIA ALLA CONSEGNA DEI PREMI ASSEGNATI DAL SINDACATO NAZIONALE GIORNALISTI CINEMATOGRAFICI ITALIANI - OLTRE ALLA PADRONA DI CASA, GIOVANNA MELANDRI, HANNO SFILATO UNA DRUSILLA FOER IN GRANDE FORMA, PAOLO SORRENTINO, EDOARDO LEO, MIRIAM LEONE, TERESA SAPONANGELO, L'ASSESSORE ALLA CULTURA DI ROMA MIGUEL GOTOR E… - FOTO

viaggi

salute

“I CASI CRESCERANNO ANCORA COME GIÀ AVVIENE IN EUROPA. LASCIAR CORRERE IL VIRUS? È SBAGLIATO SOTTOVALUTARLO” – IL PRESIDENTE DELL’ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA’, BRUSAFERRO: “LA QUARTA DOSE E’ NECESSARIA PER I FRAGILI. LE REINFEZIONI SUPERANO L'8%. SAPPIAMO CHE OGGI CHI, PUR ESSENDOSI VACCINATO E AVENDO AVUTO L'INFEZIONE, POTREBBE CONTRARRE UNA SECONDA VOLTA IL VIRUS CHE PERÒ COLPISCE IN MODO MENO GRAVE DAL PUNTO DI VISTA CLINICO – IL TRACCIAMENTO IN QUESTA FASE È MOLTO DIFFICILE. IL NUMERO DEI CASI È TROPPO ELEVATO E PRESUMIBILMENTE QUELLI NOTIFICATI SONO INFERIORI AI REALI…”