CIAK, MI GIRA – “BLACK PANTHER”, COL SUO CARICO DI DONNE GUERRIERE MEZZO AFRICANE E MEZZO LGBT, È PRIMO ANCHE QUESTA SETTIMANA AL BOTTEGHINO – SECONDO POSTO PER “THE MENU” DI MARK MYLOD, CON RALPH FIENNES GENIO DELLA CUCINA. E TERZO POSTO PER “DIABOLIK GINKO ALL’ATTACCO” DEI MANETTI BROS, SEGNO CHE IL PUBBLICO È ANCORA MOLTO AFFEZIONATO AL FUMETTO E AL PERSONAGGIO… – VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Marco Giusti per Dagospia

 

black panther wakanda forever 21 black panther wakanda forever 21

Alla sua seconda settimana in sala “Black Panther: Wakanda Forever” di Ryan Coogler col suo carico di donne guerriere mezzo africane e mezzo lgbt incassa in America altri 67 milioni di dollari, con una perdita solo del 67% rispetto al record dello scorso weekend, che portano il film a 287 milioni di dollari in America e a ben 546 milioni di dollari assieme agli incassi di tutti gli altri mercati, esclusi quelli di Russia per evidenti motivi e Cina proprio a causa delle scene lgbt.

 

miriam leone giacomo giannotti diabolik ginko all'attacco miriam leone giacomo giannotti diabolik ginko all'attacco

In Italia “Black Panther” è primo anche questa settimana con 1 milione 688 mila euro di incasso per un totale di 6, 6 milioni di euro. Secondo posto, sia in America che in Italia, per “The Menu” di Mark Mylod con Ralph Fiennes genio della cucina, 9 milioni di dollari in America, che diventano 15 globali, e da noi 666 mila euro. Da noi troviamo al terzo posto nella classifica settimanale “Diabolik Ginko all’attacco” dei Manetti bros con 565 mila euro, ieri ne ha incassati 196, segno che il pubblico è ancora molto affezionato al fumetto e al personaggio.

 

 

Ci si aspettava di più? Può darsi, ma è un film troppo sofisticato e d’autore per poter davvero coinvolgere un grande pubblico. E con "Black Panther" in giro perché un ragazzo dovrebbe andare a vedere Diabolik? Sembra più un film per quaranta-cinquantenni. “Il principe di Roma” di Edoardo Falcone con Marco Giallini che si sente Proietti è quarto con 394 mila euro, ieri ne ha incassato 147 mila.

 

 

la stranezza pirandello la stranezza pirandello

Scende così al quinto posto “La stranezza” di Roberto Andò con Toni Servillo come Pirandello e Ficarra e Picone come becchini e filodrammatici e incassa ancora questa settimana 378 mila euro per un totale di 4, 7 milioni di euro. Seguono poi, la riedizione di “Harry Potter e la camera dei segreti” con 362 mila euro, “Belle e Sebastiane - Next Generation” con 245 mila euro.

 

bones and all luca guadagnino 9 bones and all luca guadagnino 9

“The Christmas Show”, il cinepanettone leccese diretto da Alberto Ferrari con Raoul Bova e Serena Autieri è 17° con 30 mila euro di incasso. In America vi segnalo che “Bones and All” di Luca Guadagnino, pronto a uscire in tutto il mondo questa settimana, nelle cinque sale scelte tra New York e Los Angeles dove è uscito in anteprima ha incassato 120 mila dollari, cioè 24 mila dollari a sala, che è la media più alta della settimana.

 

 

bones and all luca guadagnino 7 bones and all luca guadagnino 7

Ad esempio “Tar” con Cate Blanchett ha incassato 164 mila dollari in 205 sale, cioè 800 dollari a sala. Da segnalare anche altre due uscite americane. Quella del film sul caso Weinstein, “She Said”, diretto da Maria Schrader con Carey Mulligan e Zoe Kazan nelle vesti di giornaliste, che ha incassato 2 milioni e mezzo di dollari con 2000 sale, ma ha un budget di 30 milioni, e quella del piccolo nuovo film della A24 sul ragazzo nero gay che diventa marine, “The Inspection”  di Elegance Bratton.   

bones and all luca guadagnino 4 bones and all luca guadagnino 4 bones and all luca guadagnino 3 bones and all luca guadagnino 3 bones and all luca guadagnino 2 bones and all luca guadagnino 2 bones and all luca guadagnino 6 bones and all luca guadagnino 6

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! LA VIA CRUCIS DI GIORGIA MELONI: SI COMINCIA IL 15 OTTOBRE, CON LE ELEZIONI POLACCHE E IL DOCUMENTO PROGRAMMATICO DI BILANCIO DA PRESENTARE A BRUXELLES – POI C’È L’INFILATA DI GIUDIZI DELLE AGENZIE DI RATING: IL 20 OTTOBRE TOCCA A S&P, POI C’È FITCH (10 NOVEMBRE) E INFINE MOODY’S IL 17 NOVEMBRE. IN CASO DI DECLASSAMENTO, CI SAREBBERO EFFETTI DEVASTANTI SUI TITOLI DI STATO – LAST BUT NOT LEAST, IL 30 NOVEMBRE: È LA DATA ULTIMA PER RATIFICARE IL MES. AUGURI! - VIDEO

DAGOREPORT! - L'IRRITAZIONE (EUFEMISMO) DI MATTARELLA PER I DUE SCHIAFFONI RIFILATEGLI DALLA DUCETTA - IL PRIMO È NOTO: QUANDO HA MINACCIATO CHE L'UNICA ALTERNATIVA ALL'ATTUALE GOVERNO È IL VOTO, DIMENTICANDO CHE È IL CAPO DELLO STATO A SCIOGLIERE LE CAMERE, NON LEI - IL SECONDO, INVECE, È STATO POCO SOTTOLINEATO: È QUANDO CIANCIA DI "UN GOVERNO DEMOCRATICAMENTE ELETTO", COME SE FOSSERO I CITTADINI, E NON IL PARLAMENTO, A DARE LA FIDUCIA A UN ESECUTIVO (VOGLIA DI PREMIERATO CI COVA)

DAGOREPORT– MELONI AVVERTE TREMONTI: IL "NEMICO" NON E' DRAGHI MA CONTE – IL CALCIONE RIFILATO DALL'EX MINISTRO DELL'ECONOMIA A MARIOPIO, ACCUSATO DI NON AVER STOPPATO IL SUPERBONUS GRILLINO (“SE NON CI FOSSE STATO UN TIZIO CHE VOLEVA ANDARE AL QUIRINALE I CONTI ITALIANI STAREBBERO MEGLIO”), METTE IN DIFFICOLTÀ LA SORA GIORGIA – LA DUCETTA HA SCELTO COME NEMICO NUMERO UNO CONTE E IL POPULISMO GRILLINO. E GLI ATTACCHI A DRAGHI SPOSTANO L'ATTENZIONE DAL VERO BERSAGLIO DA COLPIRE, SOPRATTUTTO IN VISTA DELLE ELEZIONI EUROPEE…