CIAK, MI GIRA! - IN UN’ITALIA PIÙ INTERESSATA ALLE ELEZIONI IN SARDEGNA, L’ANTEPRIMA DI “DUNE - PARTE 2” HA SEGNATO 259 MILA EURO DI INCASSO CON 27 MILA SPETTATORI IN 326 SALE, 83 A SALA. NON È UN GRANCHÉ - SECONDO POSTO PER IL BIOPIC “BOB MARLEY: ONE LIFE”: 120 MILA EURO, 17 MILA SPETTATORI IN 356 SALE - "LA ZONA D’INTERESSE", NUOVO FILM DA NON PERDERE, È TERZO CON 88 MILA EURO, 14 MILA SPETTATORI IN 248 SALE...

-

Condividi questo articolo


 

Marco Giusti per Dagospia

 

dune parte due 1 dune parte due 1

In un’Italia francamente più interessata alle elezioni in Sardegna o ai goal di Dyabala, l’anteprima di “Dune - Parte 2” di Denis Villeneuve con Zendaya, Timothéè Chalamet, Rebecca Ferguson, Florence Pugh, Austin Butler, ahimé, senza attori e seratona di gala come hanno fatto nelle maggiori città europee, ieri ha segnato 259 mila euro di incasso con 27 mila spettatori in 326 sale, 83 a sala. Non è un granché, scusate… Ricordiamoci però che il film dura due ore e 40 minuti.

 

Conosciamo quanto il pubblico italiano possa essere stanco e demotivato, soprattutto se è steso sul divano a seguire i talk politici per il primo giorno di sconfitta del governo meloniano, ma francamente pensavo che potesse incassare di più. Solo 12 sale in tutto il mondo lo proietteranno nel formato migliore, cioè in Imax 70, 9 in America, 1 in Australia, 1 in Canada e una in Inghilterra.

 

bob marley: one love. 9 bob marley: one love. 9

Da noi la proiezione migliore sarà quella all’Arcadia di Melzo in 70 mm alle 20, 30. I fanatici possono vedere prima, alle 17, 30, in 70 mm anche la parte Uno. E a Roma? Purtroppo il Quattro Fontane, che propose in 70 mm “Oppenheimer” non ha fatto lo stesso con “Dune”. Brutto colpo, eh?

 

Secondo posto per il biopic su Bob Marley, cioè “Bob Marley: One Life”, 120 mila euro, 17 mila spettatori in 356 sale per un totale di 1 milione 444 mila euro. “La zona d’interesse” di Jonathan Glaser con Sandra Huller, nuovo film da non perdere per in pubblico più alto, è terzo con 88 mila euro, 14 mila spettatori in 248 sale per un totale di 963 mila euro. In altri anni un film così sofisticato su Auschwitz diretto da un inglese esperto di videoclip non sarebbe arrivato neanche a 500 mila euro. Abbiamo un pubblico del tutto diverso ora. Infatti “Past Lives”, mélo con amore impossibile della coreana-americana Celine Song è quarto con 61 mila euro, 9 mila spettatori in 338 sale per un totale di 2 milioni 188 mila euro.

LA ZONA DI INTERESSE LA ZONA DI INTERESSE

 

Sale al quinto posto l’anime “Demon Slayer: Kimetsu no yaibe” con 43 mila uero, 6 mila spettatori in 177 sale e un totale di 579 mila euro. “Povere creature” di Yorgos Lanthimos è sesto con 37 mila euro, 5 mila spettatori in 194 sale e un totalone di 8 milioni 90 mila euro. Seguono al settimo posto l’horror con piscina assassina “Night Swim”, 30 mila euro e un totale di 487 mila euro, all’ottavo “Emma e il giaguaro nero” di Gilles De Maistre con 24 mila euro e un totale di 617 mila euro, e al nono “Volare” di Margherita Buy con 21 mila euro e un totale di 299 mila euro.

 

dune parte due 2 dune parte due 2

Il documentario su Marcello Lippi uscito lunedì “Adesso vinco io”, distribuito dalla Lucky Red, è decimo con 20 mila euro, 2.588 spettatori in 188 sale e un totale di 41 mila euro. Oggi, oltre a “Dune parte Due”, trovate in sala molti altri buoni film, come “Caracas” diretto e interpretato da Marco D’Amore con il suo maestro Toni Servillo tratto da “Napoli ferrovia” di Ermanno Rea, “All of Us Strangers” di Andrew Haigh, “La sala professori” di Ilker Çatak, con Leonie Benesch e Leonard Stettnisch, un altro dei cinue film candidati all’Oscar per il miglior film straniero.  

dune parte due 3 dune parte due 3 LA ZONA DI INTERESSE LA ZONA DI INTERESSE bob marley: one love. 8 bob marley: one love. 8 bob marley: one love. 6 bob marley: one love. 6 dune parte due 4 dune parte due 4

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI  GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…

DAGOREPORT - DOVE VA IL PD, SENZA LA BANANA DELLA LEADERSHIP? IL FALLIMENTO DI ELLY SCHLEIN È SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. GENTILONI È UNA “SAPONETTA” SCIVOLATA DA RUTELLI A RENZI, PRIVO DI PERSONALITÀ E DI CARISMA. QUALITÀ ASSENTI ANCHE NEL DNA DI FRANCESCHINI, ORLANDO E GUERINI, PER NON PARLARE DI BONACCINI, CHE HA LO STESSO APPEAL DI UNA POMPA DI BENZINA - ECCO PERCHÉ, IN TALE SCENARIO DI NANI E BALLERINI, SOSTENUTO DAI MAGHI DELL’ULIVO BAZOLI E PRODI, BEPPE SALA POTREBBE FARCELA A RAGGRUPPARE LA SINISTRA E IL CENTRO E GUIDARE LE ANIME DIVERSE E CONTRADDITTORIE DEL PD. NELLO STESSO TEMPO TROVARE, ESSENDO UN TIPINO PRAGMATICO, UN EQUILIBRIO CON L’EGO ESPANSO DI GIUSEPPE CONTE E SQUADERNARE COSÌ UNA VERA OPPOSIZIONE AL GOVERNO MELONI IN CUI SCHLEIN HA FALLITO