IL CINEMA DEI GIUSTI - FINALMENTE UN PO’ DI SESSO! ARRIVA IN SALA L'INCREDIBILE “RED ROCKET”, OPERA TERZA DI SEAN BAKER - A TEXAS CITY TORNA CON NIENTE IN TASCA SIMON REX, EX STAR DEL PORNO DOTATISSIMO, COME BEN SI ACCORGONO LE ATTRICI NEL FILM E GLI SPETTATORI IN SALA, CHE PERDE LA TESTA PER UNA MINORENNE - SEAN BAKER TRASFORMA ANCHE LE SCENE CHE POTREBBERO ESSERE PIÙ DRAMMATICHE IN COMMEDIA - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Marco Giusti per Dagospia

 

simon baker red rocket simon baker red rocket

Ci siamo. Finalmente un po’ di sesso, oltre all’esibizione finale del pisellone del protagonista. Forte di una presentazione al Festival di Cannes e poi alla Festa del Cinema di Roma, arriva finalmente in sala questo incredibile, ma anche divertente “Red Rocket”, opera terza di Sean Baker, già sensibile autore di “Florida Project” e “Tangerine”, alle prese qui con un viaggio nel Texas desolato e pieno di fabbriche inquinanti poco prima delle elezioni vinte dal puzzone Donald Trump contro Hillary Clinton.

red rocket 8 red rocket 8

 

A Texas City, vicino a Galveston, torna con niente in tasca, in jeans e maglietta, senza neanche una valigia, il Mikey di Simon Rex, ex star del porno, tre volte vincitore del premio per il miglior sesso orale visto al cinema, e dotatissimo, come ben si accorgono le attrici nel film e constateranno anche gli spettatori in sala.

 

Del resto Simon Rex, più noto come attore della saga “Scary Movie” ha girato in gioventù anche dei porno. Mikey bussa alla porta della moglie, Lexi, Bree Elrod, anche lei star del porno un tempo assieme al marito, che vive con la madre, attaccata alla tv, e campicchia col sesso su internet.

red rocket 13 red rocket 13

 

Dopo una prima sana reazione delle due donne, Mikey viene riaccettato dalla moglie, anche perché a letto, con l’aiuto di una pillola, funziona ancora bene e, grazie al simpatico lavoro di pusher d’erba fra gli operai della fabbrica, guadagna pure benino. Solo che presto perde la testa per una minorenne, certa Strawberry, interpretata dalla debuttante Suzanna Som, che lavora in un negozio di Donut.

red rocket red rocket

 

Dominato dall’interpretazione di questo ignoto Simon Rex e dalla ricerca di set e di colori di Sean Baker, “Red Rocket” trasforma anche le scene che potrebbero essere più drammatiche in commedia, senza perdere di vista mai, però, la visione storica e politica dell’ambientazione.

 

Il vocione e i manifesti elettorali di Trump, dominano la scena esattamente come il fumo delle fabbriche, mentre i personaggi si muovono come schiavi di piccoli desideri umani dentro case o negozi coloratissimi.

red rocket 9 red rocket 9

 

Sean Baker e il suo co-sceneggiatore Chris Bergoch, come in “Florida Project” dove il set era una motel desolato ai bordi di Disneyland, hanno fatto un grande lavoro di ricerca sui luoghi e sui personaggi, ma ne rispettano sempre le speranze e le scelte. E affidano i ruoli a non attori, o a attori non noti, estremamente forti e motivati. Gran bel film. Da oggi 3 marzo in sala.

red rocket 20 red rocket 20 simon baker red rocket simon baker red rocket red rocket 10 red rocket 10 red rocket 2 red rocket 2 red rocket red rocket simon baker red rocket simon baker red rocket Red Rocket Red Rocket red rocket 2 red rocket 2

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute