IL CINEMA DEI GIUSTI - NEL ROMANTICO, SENTIMENTALE, MINIMALISTA “UN BEL MATTINO” SCRITTO E DIRETTO DA MIA HANSEN-LOVE, LÉA SEYDOUX DÀ VITA A UN PERSONAGGIO, UN ALTER EGO DELLA REGISTA, CHE È COSTRETTO A CONFRONTARSI DURAMENTE CON LA VITA DI TUTTI I GIORNI - LA REGISTA NON SI CHIUDE PER FORTUNA NEL CINEMA AUTOCELEBRATIVO E PIAGNONE DI ALTA CLASSE BORGHESE, MA TROVA UNA SUA STRADA REALE PER RACCONTARE UNA STORIA CHE VIVIAMO O ABBIAMO VISSUTO O VIVREMO IN MOLTI…. VIDEO

-

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

 

Un bel mattino. Un bel mattino.

Difficile non amare Léa Seydoux, attrice meravigliosa, adorata da tutti i registi, generosa rispetto a progetti difficili se non difficilissimi, da “La vita di Adele” di Abdelattif Kechiche a “Crimini del futuro” di David Cronenberg, pronta al realismo come a situazioni più estreme. Nel romantico, sentimentale, minimalista “Un bel mattino” scritto e diretto da Mia Hansen-Love, costruito interamente su di lei, e dove è piaciuta a tutti l’anno scorso a Cannes e piacerà sicuramente a tutte le signore italiane, dà vita a un personaggio, un alter ego della regista, che non ha nulla di glamour ma che è costretto a confrontarsi duramente con la vita di tutti i giorni.

 

LEA SEYDOUX Un bel mattino LEA SEYDOUX Un bel mattino

Interpreta Sandra, un’eroina del nostro tempo, che non si piega di fronte a tutti i colpi bassi della vita. Vedova da cinque anni, vive da sola a Parigi con la figlioletta e campa di traduzioni, ha una madre un po’ invadente come Nicole Garcia, e un padre separato, Pascal Greggory, vecchio professore di filosofia che sta perdendo la vista, ma soprattutto la testa per una sindrome neurodegenrativa, che lei accompagna in un calvario di ospedali e posti di riposo perché ha bisogno di assistenza continua.

 

Un bel mattino. Un bel mattino.

Per amore, ma soprattutto per disperazione, Sandra si butta di getto tra le braccia di un amico scienziato del defunto marito, Melvil Poupaud, sposato con figlio e scarsa voglia di lasciare la moglie. Come tutti i mariti infamelli. Per Sandra ogni mattina, il titolo è ironico, inizia così un calvario di doveri e sofferenze che accetta da bravo soldato, ma dove per lei non ci sono grandi soddisfazioni e non si vede un radioso futuro.

 

Un bel mattino. Un bel mattino.

Così, dopo un periodo di sesso continuo, capisce che non ne può più di fare l’amante di un uomo che la lascia, torna, poi la rilascia. Magari la ama, ma intanto viene per scopare. Il meccanismo lo conosciamo tutti. Mia Hansen-Love ha messo in scena la sua stessa storia col padre malato, ha trovato un grande attore rohmeriano come Pascal Greggory in grado di far funzionare questo ruolo ingrato, ma soprattutto ha costruito tutto il film sul personaggio di Sandra, che Léa Seydoux interpreta con una finezza e un’intelligenza da grande attrice che può adattarsi a ogni ruolo.

 

un bel mattino. 3 un bel mattino. 3

Da parte sua, la regista, pur irrigando il film, come spesso fa, scrive “Libération” di una “voluttuosa perfezione parigina, distillando tutti i segni sociologici di un piccolo ambiente e della sua enorme biblioteca”, non si chiude per fortuna nel cinema autocelebrativo e piagnone di alta classe borghese, ma trova una sua strada reale per raccontare una storia che viviamo o abbiamo vissuto o vivremo in molti. Ve lo ripeto. Le signore di Parioli-Prati-Pinciano lo ameranno molto. In sala.

Un bel mattino. Un bel mattino. LEA SEYDOUX un bel mattino. LEA SEYDOUX un bel mattino. LEA SEYDOUX un bel mattino. LEA SEYDOUX un bel mattino. Un bel mattino. Un bel mattino. un bel mattino. 1 un bel mattino. 1 Un bel mattino. Un bel mattino. Un bel mattino. Un bel mattino.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

DIFFIDATE SEMPRE DA QUELLI CHE SEMBRANO TROPPO BUONI – CON UNA LUNGA INCHIESTA, “BLOOMBERG BUSINESSWEEK” SPUTTANA “CORE”, LA ONG FONDATA DA SEAN PENN, ACCUSATA DI INEFFICIENZE E GESTIONE SGANGHERATA DEI FONDI – NON SI SA CHE FINE ABBIANO FATTO 1,6 MILIONI DI DOLLARI RACCOLTI LO SCORSO ANNO, DURANTE UNA SERATA A MIAMI, E DESTINATI ALL'EMERGENZA COVID IN BRASILE – I VERTICI DELL'ORGANIZZAZIONE NO PROFIT AVREBBERO ANCHE IGNORATO E INSABBIATO UN CASO DI MOLESTIA SESSUALE 

cronache

MAI FIDARSI DI UN'AMICA ESCORT – LA DONNA CHE A ROMA HA PUBBLICATO ONLINE IL VIDEO DI UNA SCOPATA CON UN'ALTRA DONNA SI CHIAMA ANGELA GABRIELLA PRINCZ, È UNGHERESE E HA 52 ANNI – ORA È ACCUSATA DI REVENGE PORN, ANCHE SE NON C'È STATO NESSUN RICATTO: L'ALTRA DONNA ERA CONSAPEVOLE DI ESSERE RIPRESA A PATTO CHE IL VIDEO RIMANESSE PRIVATO. MA "BLUEANGY” NON HA RESISTITO E CI HA FATTO UN BEL PO' DI QUATTRINI E A RICEVERE UN PO' DI PUBBLICITÀ (QUELLA È GRATIS): "I MIEI CLIENTI? SONO IN GRAN PARTE UOMINI SPOSATI CHE NON..."

sport

cafonal

CAFONALINO CAN CAN! – FRANCESCA PAPPALARDO, L’ESTETISTA CHE SI FA CHIAMARE “LOOKMAKER”, FESTEGGIA I SUOI 40 ANNI CON UNA SERATA A TEMA “MOULIN ROUGE ALLA VACCINARA” – TRA L’OTTANTINA DI AMICHE, CLIENTI E SVIPPATI PRESENTI SUL ROOFTOP DELL’HOTEL VALADIER, AVVISTATI CLIZIA INCORVAIA E UN PAOLO CIAVARRO INQUARTATO, UNA SOLITARIA MANILA NAZZARO, GIACOMO URTIS CON FLUENTE CHIOMA BIONDA E PETTORALI TETTONICI IN BELLA VISTA – OSPITE D’ONORE VALERIONA MARINI, CHE METTE A DURA PROVA LE CUCITURE DEL VESTITINO DI CRISTALLI E PAILLETTES – FOTO BY DI BACCO

viaggi

salute

L'EPIDEMIA DI VAIOLO DELLE SCIMMIE IN EUROPA SI STA SPEGNENDO: SOLO 23 NUOVI CONTAGI - SU SCALA GLOBALE, INVECE, L'OMS HA RILEVATO UN AUMENTO DEI CONTAGI. NELLA SETTIMANA TRA IL 23 E IL 29 GENNAIO SONO STATI REGISTRATI NEL MONDO 403 NUOVI CASI, IL 37,1% IN PIÙ RISPETTO ALLA SETTIMANA PRECEDENTE, DISTRIBUITI IN 20 PAESI NEL MONDO. IL MAGGIOR NUMERO DI CONTAGI È STATO REGISTRATO IN MESSICO (72 NUOVI CASI), REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO (69), USA (42), BRASILE (40), GUATEMALA (34)…