IL CINEMA DEI GIUSTI - NEL ROMANTICO, SENTIMENTALE, MINIMALISTA “UN BEL MATTINO” SCRITTO E DIRETTO DA MIA HANSEN-LOVE, LÉA SEYDOUX DÀ VITA A UN PERSONAGGIO, UN ALTER EGO DELLA REGISTA, CHE È COSTRETTO A CONFRONTARSI DURAMENTE CON LA VITA DI TUTTI I GIORNI - LA REGISTA NON SI CHIUDE PER FORTUNA NEL CINEMA AUTOCELEBRATIVO E PIAGNONE DI ALTA CLASSE BORGHESE, MA TROVA UNA SUA STRADA REALE PER RACCONTARE UNA STORIA CHE VIVIAMO O ABBIAMO VISSUTO O VIVREMO IN MOLTI…. VIDEO

-

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

 

Un bel mattino. Un bel mattino.

Difficile non amare Léa Seydoux, attrice meravigliosa, adorata da tutti i registi, generosa rispetto a progetti difficili se non difficilissimi, da “La vita di Adele” di Abdelattif Kechiche a “Crimini del futuro” di David Cronenberg, pronta al realismo come a situazioni più estreme. Nel romantico, sentimentale, minimalista “Un bel mattino” scritto e diretto da Mia Hansen-Love, costruito interamente su di lei, e dove è piaciuta a tutti l’anno scorso a Cannes e piacerà sicuramente a tutte le signore italiane, dà vita a un personaggio, un alter ego della regista, che non ha nulla di glamour ma che è costretto a confrontarsi duramente con la vita di tutti i giorni.

 

LEA SEYDOUX Un bel mattino LEA SEYDOUX Un bel mattino

Interpreta Sandra, un’eroina del nostro tempo, che non si piega di fronte a tutti i colpi bassi della vita. Vedova da cinque anni, vive da sola a Parigi con la figlioletta e campa di traduzioni, ha una madre un po’ invadente come Nicole Garcia, e un padre separato, Pascal Greggory, vecchio professore di filosofia che sta perdendo la vista, ma soprattutto la testa per una sindrome neurodegenrativa, che lei accompagna in un calvario di ospedali e posti di riposo perché ha bisogno di assistenza continua.

 

Un bel mattino. Un bel mattino.

Per amore, ma soprattutto per disperazione, Sandra si butta di getto tra le braccia di un amico scienziato del defunto marito, Melvil Poupaud, sposato con figlio e scarsa voglia di lasciare la moglie. Come tutti i mariti infamelli. Per Sandra ogni mattina, il titolo è ironico, inizia così un calvario di doveri e sofferenze che accetta da bravo soldato, ma dove per lei non ci sono grandi soddisfazioni e non si vede un radioso futuro.

 

Un bel mattino. Un bel mattino.

Così, dopo un periodo di sesso continuo, capisce che non ne può più di fare l’amante di un uomo che la lascia, torna, poi la rilascia. Magari la ama, ma intanto viene per scopare. Il meccanismo lo conosciamo tutti. Mia Hansen-Love ha messo in scena la sua stessa storia col padre malato, ha trovato un grande attore rohmeriano come Pascal Greggory in grado di far funzionare questo ruolo ingrato, ma soprattutto ha costruito tutto il film sul personaggio di Sandra, che Léa Seydoux interpreta con una finezza e un’intelligenza da grande attrice che può adattarsi a ogni ruolo.

 

un bel mattino. 3 un bel mattino. 3

Da parte sua, la regista, pur irrigando il film, come spesso fa, scrive “Libération” di una “voluttuosa perfezione parigina, distillando tutti i segni sociologici di un piccolo ambiente e della sua enorme biblioteca”, non si chiude per fortuna nel cinema autocelebrativo e piagnone di alta classe borghese, ma trova una sua strada reale per raccontare una storia che viviamo o abbiamo vissuto o vivremo in molti. Ve lo ripeto. Le signore di Parioli-Prati-Pinciano lo ameranno molto. In sala.

Un bel mattino. Un bel mattino. LEA SEYDOUX un bel mattino. LEA SEYDOUX un bel mattino. LEA SEYDOUX un bel mattino. LEA SEYDOUX un bel mattino. Un bel mattino. Un bel mattino. un bel mattino. 1 un bel mattino. 1 Un bel mattino. Un bel mattino. Un bel mattino. Un bel mattino.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

 

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…