IL CINEMA DEI GIUSTI - PER LA SUA OPERA PRIMA, “CON LA GRAZIA DI UN DIO”, ALESSANDRO ROJA, BRAVISSIMO ATTORE POPOLARE CRESCIUTO CON “ROMANZO CRIMINALE”, GIOCA SU DUE ELEMENTI DI UN CERTO FASCINO: TOMMASO RAGNO, IL SUO PROTAGONISTA, CON LA SUA FACCIA IMPEGNATIVA DI CHI ERA MEGLIO SE NON TORNAVA IN CITTÀ, E GENOVA, RIPORTARE IL NOIR NEL CAPOLUOGO LIGURE È UN ATTO INTERESSANTE… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

 

Marco Giusti per Dagospia

 

con la grazia di un dio 8 con la grazia di un dio 8

Per la sua opera prima, “Con la grazia di un Dio”, Alessandro Roja, bravissimo attore popolare cresciuto con “Romanzo criminale”, gioca su due elementi di un certo fascino. Tommaso Ragno, il suo protagonista, con la sua faccia impegnativa di chi era meglio se non tornava in città, e Genova, che negli anni ’70, ma solo allora, era stata un punto di riferimento importante per noir e poliziotteschi, forse grazie alla sopraelevata che la faceva somigliare un po’ a San Francisco.

 

Ricorderete i film di Enzo G, Castellari con Franco Nero, ovviamente, ma anche film meno di genere e più autoriali, come “L’inchiesta” di Gianni Amico, sceneggiato da Bernardo Bertolucci.

con la grazia di un dio 7 con la grazia di un dio 7

 

Ma per anni, a dire il vero, Genova non è stata proprio trattata dal cinema italiano. Troppo periferica, troppo triste, almeno rispetto a Roma, Napoli, Milano. Già riportare, come ha fatto Roja, il noir a Genova, è un atto interessante, perché la città si presta ancora benissimo, con i suoi carrugi, le sue luci particolari, i locali del porto, e la vecchia sopraelevata, che non è più una novità, a essere teatro di una situazione cinematografica. Anche poco palpabile e poco chiara, come questa.

alessandro roja alessandro roja

 

La storia, ma credo sia un caso, è molto simile a quella di “Nostalgia” di Mario Martone, dove Tommaso Ragno non era quello che tornava, ma quello che era rimasto a Napoli, una sorta di doppio di Favino. In questo caso, invece, è il Luca di Tommaso Ragno che torna in città dopo anni che lo distanziano da qualche sbaglio fatto in gioventù. Uno sbaglio e una fuga che si porta dietro con dolore. Quello che è rimasto, il suo doppio, insomma, è invece la causa del suo ritorno a Genova. Perché è morto. Misteriosamente. E forse Ragno vuole capire perché e chi è stato.

 

con la grazia di un dio 6 con la grazia di un dio 6

Perché non te ne vai? Perché non torni a casa? Gli chiedono incessantemente i vecchi amici, il Maurizio di Sergio Romano, Maya Sansa. Ovviamente, malgrado abbia una moglie, e due figli che lo aspettano, qualcosa lega il personaggio di Luca e la sua disperazione a Genova, al passato e alla memoria dell’amico morto. Roja, con l’aiuto di Massimiliano Kuveiller, sfrutta bene la geografia di Genova e le sue strade. Ne fa qualcosa che non vedi spesso al cinema. E Tommaso Ragno fa il resto. Anche se ha poche sale, il film, che è stato presentato a Venezia alle Giornate degli Autori, va visto e recuperato. 

con la grazia di un dio 5 con la grazia di un dio 5 con la grazia di un dio 2 con la grazia di un dio 2 con la grazia di un dio 3 con la grazia di un dio 3 con la grazia di un dio 4 con la grazia di un dio 4

 

con la grazia di un dio 1 con la grazia di un dio 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…

FLASH! – SABATO 24 FEBBRAIO I GIORNALI FILO-MELONIANI TUTTI IN SOLLUCCHERO PER LA NOTIZIA DELLA NUOVA VISITA DI GIORGIA MELONI ALLA CASA BIANCA, ENFATIZZANDO IL VIAGGIO DEL 1 MARZO DELLA DUCETTA NEGLI USA (“LIBERO”: “L’ITALIA PROTAGONISTA”; “IL MESSAGGERO”: “OGGI PATTO CON ZELENSKY. E POI VERTICE DA BIDEN”). MA ERANO I SOLITI SPECCHIETTI PER GLI ALLOCCONI, VISTO CHE SI TRATTA DI UNA PRASSI DEL G7: OGNI ANNO, IL PRIMO MINISTRO DEL PAESE CHE ASSUME LA PRESIDENZA, VA IN TOUR TRA LE CAPITALI DEI PAESI CHE FANNO PARTE DEL GRUPPO DEI 7. INFATTI, È GIÀ STATA IN GIAPPONE E IL 2 MARZO ANDRÀ IN CANADA...

MELONI MARCI - DOMENICA 18 FEBBRAIO DAGOSPIA MEJO DEL MAGO OTELMA: UNICO ORGANO DI INFORMAZIONE A PREVEDERE LA DISFATTA SARDA! "FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI: TODDE SORPASSA TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ -. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? 

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE