COMPLOTTISTI UN TANTO AL CHILO – MATTIA FELTRI: “SE IO NON VOGLIO VACCINARMI È DITTATURA SANITARIA. MA IL VACCINO E IL GREEN PASS SONO UNA IMPOSIZIONE ATTRAVERSO CUI ABBIAMO RIAPERTO LE SCUOLE, I RISTORANTI, I POSTI DI LAVORO" - GRAMELLINI: "DOPO L'ALLARME LANCIATO DA UN INTELLETTUALE DEL CALIBRO DI FRECCERO, SECONDO CUI IL GREEN PASS ALTRO NON E' CHE L'ANTICAMERA DEL GRANDE RESET, HO PRESO INFORMAZIONI E..."

-

Condividi questo articolo


Mattia Feltri per "la Stampa"

 

grande reset grande reset

L'amore per la libertà in questo Paese ha un andamento stravagante. O meglio, un andamento spiegato dal fatto che abbiamo le città più sporche e le case più pulite del mondo, il debito pubblico più alto e il più alto risparmio privato. Tutto quanto sappiamo di comunità si restringe a noi stessi, alla nostra famiglia, al massimo alla nostra corporazione, sintomo scintillante del fascismo eterno e collettivo.

 

grande reset 2 grande reset 2

A turno, nell'ultimo anno e mezzo, ogni categoria ha protestato per le restrizioni anti Covid, e soltanto in nome della categoria. Ma con la lotta al Green Pass, elevato a strumento della dittatura sanitaria o, in qualche mente particolarmente brillante, del complotto planetario, sto assistendo alla più straordinaria sollevazione in nome della libertà che abbia mai visto in cinquantadue anni di vita. Nulla li smosse prima, e non vorrei incartarmi nell'elenco, basta ricordare un numero già molte volte ricordato: ogni anno mille italiani (dato certo ma incompleto), più probabilmente duemila (stima verosimile), forse addirittura tremila (stima pessimistica) finiscono in carcere per errore. Non avevano fatto niente, e sono finiti in carcere.

MASSIMO GRAMELLINI MASSIMO GRAMELLINI

 

Ma non si protesta, è la libertà degli altri, chi se ne frega. Però se io non voglio vaccinarmi - frase in cui l'epicentro è io - allora è dittatura sanitaria. Il vaccino e il Green Pass non sono la libertà, come è stato imprudentemente sostenuto: sono una dolorosa imposizione attraverso la quale abbiamo riaperto le scuole, i ristoranti, i posti di lavoro, e abbiamo cominciato a riconquistare spanne di libertà. E in questo caso l'epicentro della frase è noi.

 

2 - IL COMPLOTTO DEI RICCHI E POVERI

Massimo Gramellini per il "Corriere della Sera"

 

Green pass in azienda 2 Green pass in azienda 2

Dopo l'allarme lanciato da un intellettuale del calibro di Freccero, secondo cui il green pass altro non è che l'anticamera del Grande Reset, ho preso informazioni su questa nuova minaccia che aleggia sopra le nostre teste vaccinate di fresco. Il Grande Reset sarebbe (ma il mio uso pavido del condizionale è probabilmente un effetto collaterale del vaccino) il piano ordito da una élite di miliardari per instaurare il governo mondiale del comunismo, usando la pandemia come alibi e l'ecologia e la tecnologia come strumenti.

 

Green pass in azienda 3 Green pass in azienda 3

Per i teorici del Grande Reset, la prova inconfutabile della sua esistenza è che il principe Carlo d'Inghilterra ne ha auspicato l'avvento durante un convegno di banchieri. Ora, che uno snob come Carlo si batta per il comunismo mondiale può rientrare nella lista delle sue bizzarrie.

 

Ma perché i miliardari seri dovrebbero finanziare un cambio di sistema, dal momento che quello attuale è già per loro più che soddisfacente, e sostituire i governanti in carica con rivoluzionari bolscevichi ormai difficili da trovare persino su eBay? E com' è possibile che in questa pletora di complotti segretissimi con migliaia di congiurati, non si trovi mai lo straccio di un pentito disposto a vuotare il sacco? Tra l'altro il fantasma dell'alleanza perversa tra ricchi e poveri alle spalle dei borghesi piccoli-piccoli non è neanche inedito: lo agitava già un signore con i baffetti, in una birreria di Monaco, circa un secolo fa. Freccero converrà che è meglio resettare.

MATTIA FELTRI MATTIA FELTRI Green pass in azienda 4 Green pass in azienda 4 no vax e no green pass a milano 2 no vax e no green pass a milano 2 Green pass in azienda Green pass in azienda no vax e no green pass a milano 8 no vax e no green pass a milano 8

 

Condividi questo articolo

media e tv

“CHIUDERE CARTABIANCA È FOLLIA, IN ITALIA C’È UNA CHINA PERICOLOSA. DOMANI QUALCUNO SI FARÀ VIDIMARE LE DOMANDE DA PALAZZO CHIGI?” - MARIO GIORDANO A TUTTO SPIANO: “IL COPASIR INDAGA SUGLI OSPITI? SE C’È UNA SPIA E LO PROVI, LO DENUNCI ALLA POLIZIA” - IL PRIMO LAVORO A “IL NOSTRO TEMPO” INSIEME A TRAVAGLIO: “IO ERO IL CLASSICO TERZOMONDISTA, LUI TRADIZIONALISTA” - GAD LERNER, “LUCIGNOLO”, FELTRI E L’ASPETTO: “IN TUTTA LA MIA VITA MI HANNO SEMPRE PRESO PER IL CULO. ORA CI SCHERZO MA HO SEMPRE SOFFERTO. UNA VOLTA BISOGNAVA RICEVERE DEI RUSSI, E IL DIRETTORE MI DISSE…”

politica

business

cronache

SANNA TUTTA PANNA - L’ITALIA HA GLI ORMONI IN FESTA PER SANNA MARIN, PRIMO MINISTRO FINLANDESE CHE HA MANDATO IN ESTASI ANCHE QUEL "PELUCHE RIDENS" DI MARIO DRAGHI - LA 36ENNE HA UN FISICO TONICO, UN MARITO BELLOCCIO CON CUI STA DA QUANDO AVEVA 16 ANNI, DUE FETTONE AL POSTO DEI PIEDI CHE STUZZICANO LE PERVERSIONI DEI FETICISTI DELL’ALLUCE, UN PASSATO COME FORNAIA - QUALCHE TEMPO FA LE FINLANDESI SONO INSORTE CREANDO #FINWITHSANNA PER PROTESTARE CONTRO CHI L'HA CRITICATA PER LA DECISIONE D'INDOSSARE UN…

sport

cafonal

viaggi

salute

“CHI NON È VACCINATO NON È COPERTO” - BASSETTI PROVA A RASSICURARE SUI PRIMI CONTAGI DI VAIOLO DELLE SCIMMIE, MA OTTIENE L’EFFETTO OPPOSTO: LE INIEZIONI OBBLIGATORIE CONTRO LA MALATTIA SONO STATE ABROGATE NEL 1981 E NON VENGONO FATTE PRATICAMENTE DAL 1974 - "È UN PROBLEMA EUROPEO E GLOBALE, DOBBIAMO FARE MOLTO BENE IL TRACCIAMENTO E FERMARE IL FOCOLAIO. NON C'È UNA CURA SPECIFICA, IN GENERE QUESTE FORME SI AUTOLIMITANO. SI TRASMETTE ANCHE ATTRAVERSO IL RESPIRO, MA SOLO SE…”