DAGO IN THE SKY, THE END! – STASERA SU SKY ARTE L’ULTIMA PUNTATA DEDICATA ALL’ICONOCLASTIA, “L’IMMAGINE PROIBITA” (LA STORIA DELL’UMANITÀ È SEMPRE LASTRICATA DAL DESIDERIO DI “ROMPERE L’IMMAGINE”, ANCHE OGGI, VEDI IL METOO) – TERMINA DOPO 4 STAGIONI E 30 PUNTATE, UN PROGRAMMA CHE HA MANDATO IN SOFFITTA LA TV ANALOGICA DEL ‘900 - VIDEO

-

Condividi questo articolo

DAGO IN THE SKY - L'IMMAGINE PROIBITA - PROMO

 

L’IMMAGINE PROIBITA – Sky Arte, stasera alle 21,15

Ospiti: Maria Bettetini, Giordano Bruno Guerri, Luigi Mascheroni

 

dago in the sky l'immagine proibita 11 dago in the sky l'immagine proibita 11

Noi pensiamo quello che vediamo. I nostri maestri sono gli occhi. Ecco perché il trionfo dell’immagine è il “pensiero” che mette più paura. Non solo quando figure, disegni e illustrazioni erano il principale mezzo di comunicazione in un’epoca in cui l’analfabetismo dominava e si insegnava la tradizione cristiana come sinonimo di verità attraverso la raffigurazione. Anche al giorno d’oggi, l'immagine è una nostra forma simbolica che è puro pensiero.

 

dago in the sky l'immagine proibita 13 dago in the sky l'immagine proibita 13

E visto che Il destino dell'uomo è alla fine quello di riconoscersi nell'immagine, contro tale culto/idolatria, si oppose l’iconoclastia, dal greco “rompo l’immagine”, un movimento che divise il mondo in due. Basta ricordare un dato fondamentale: sola la cultura occidentale ha una storia dell’arte. Le altre culture, dall’ebraismo all’islamismo, sono invece aniconiche, cioè fanno a meno dell’immagine: è calligrafia, usa in forma artistica la scrittura o i simboli astratti, facendo a meno delle raffigurazioni: non usano mai rappresentare Allah e Maometto come una figura umana.

Dago in The Sky Dago in The Sky

 

Perché le immagini sono rappresentazioni e in quanto tali possono essere ingannevoli, pericolose, distorte, false. Dio, poi, che è tutto, non può essere ridotto a una figura, una immagine, e inizialmente anche i cristiani evitavano di farlo.

 

dago in the sky l'immagine proibita 12 dago in the sky l'immagine proibita 12

Lasciamo perdere la religione, anche l’arte giunse a detestare ogni rappresentazione figurativa per raggiungere una sua purezza spirituale. Nell’età della fotografia, scompaiono le esigenze della rappresentazione, della fedeltà e della somiglianza dell'immagine all'oggetto, mettendo in moto una spinta iconoclasta.

 

dago in the sky l'immagine proibita 1 dago in the sky l'immagine proibita 1

Gli artisti intendono rappresentare l’esito di uno sforzo intellettuale verso la purezza, non una figura. Durante il periodo delle Avanguardie artistiche, il pittore Wassily Kandinsky, nel suo libro “Lo spirituale nell’arte”, arrivò a sostenere che: “Il contatto dell’angolo acuto di un triangolo col cerchio non ha un effetto minore di quello dell’Indice di Dio con quello di Adamo in Michelangelo”. Anche la scuola dell’Astrattismo e del Razionalismo fecero guerra alla rappresentazione figurativa. Così Mondrian disegna i suoi “alberi”: inizia da uno figurativo e semplifica sempre di più sino ad ottenerne uno con solo linee e quadrati colorati.

 

dago in the sky l'immagine proibita 17 dago in the sky l'immagine proibita 17

L’iconoclastia è il fenomeno caratterizza anche le grandi ideologie totalitarie del XX secolo. Secondo quella pratica che nell'Antica Roma era conosciuta come ‘’damnatio memoriae’’, la Rivoluzione d'Ottobre del 1917 portò alla distruzione di molti monumenti raffiguranti i precedenti zar; vennero abbattute anche moltissime chiese e cattedrali, le quali venivano considerate simbolo dell'Impero e della Chiesa ortodossa, giudicata ricca e corrotta dal popolo ribelle.

 

dago in the sky l'immagine proibita 16 dago in the sky l'immagine proibita 16

La Russia sovietica dichiarò guerra anche alle avanguardie, imprigionò i libri ‘’scorretti’’ negli ‘’scaffali speciali’’ delle biblioteche e la grande pittura del primo Novecento nei solai del Museo Russo di Leningrado. Creò una nuova scuola, il ‘’realismo socialista’’, e ordinò ai suoi artisti di rappresentare l’’’uomo nuovo’’ in tutte le sue manifestazioni: il lavoro, lo sport, la famiglia, la guerra rivoluzionaria e patriottica.

dago in the sky l'immagine proibita 5 dago in the sky l'immagine proibita 5

 

dago in the sky l'immagine proibita 15 dago in the sky l'immagine proibita 15

Ma è il politicamente corretto, vero e proprio morbo del nostro tempo post-moderno (“questo profilattico contro la cultura” scherzava a suo modo Baudrillard), che oggi ci riporta all’iconoclastia. E tutto dipende dal fatto che le immagini sono decisive nel definire la nostra identità sociale, e non solo quella religiosa. Con questa logica, tutti rischiano di essere bollati: ‘L’Olimpia’ di Manet per la scena di sottomissione della domestica nera, Ingres per i bordelli, Balthus censurato per pedofilia.

dago in the sky l'immagine proibita 4 dago in the sky l'immagine proibita 4 dago in the sky l'immagine proibita 14 dago in the sky l'immagine proibita 14

 

Siamo giunti al punto di coprire la “Venere capitolina” per non far precipitare nella concupiscenza i nostri ospiti iraniani.

Era dai tempi dei braghettoni messi da Daniele Da Volterra ai nudi di Michelangelo alla Sistina che non si vedeva una simile ridicolaggine che è, però, un grande omaggio all’arte. Sì, omaggio. Perché se si deve coprire l’arte, significa che l’arte fa ancora paura, quindi trasmette emozioni, quindi è viva. Gli iraniani ci dicono che l’arte europea conta ancora qualcosa.

dago in the sky l'immagine proibita 23 dago in the sky l'immagine proibita 23 dago in the sky l'immagine proibita 22 dago in the sky l'immagine proibita 22 dago in the sky l'immagine proibita 21 dago in the sky l'immagine proibita 21 dago in the sky l'immagine proibita 6 dago in the sky l'immagine proibita 6 dago in the sky l'immagine proibita 19 dago in the sky l'immagine proibita 19 dago in the sky l'immagine proibita 7 dago in the sky l'immagine proibita 7 dago in the sky l'immagine proibita 20 dago in the sky l'immagine proibita 20

 

dago in the sky l'immagine proibita 18 dago in the sky l'immagine proibita 18

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

COME CI HA FREGATO MARCHIONNE – RICCARDO RUGGERI ALZA IL SIPARIO SUGLI ULTIMI ANNI DEL GRUPPO FIAT, QUELLI DELLA GESTIONE MARCHIONNE E DELL’OPERAZIONE CHRYSLER: “DETROIT È RIMASTA UNA DELLE CAPITALI DELL’AUTO MONDIALE, TORINO È DIVENTATA CITTÀ DELLA CULTURA. L’ITALIA NON HA PIÙ UN’INDUSTRIA DELL’AUTO, È COME LA SPAGNA” – LE MAGIE DI “MARPIONNE”, CON I FINTI PIANI INDUSTRIALI E LE “FAKE TRUTH”, E IL CAMBIO DI STRATEGIA INIZIATO CON IL TENTATO ACCORDO CON RENAULT

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute