IL DIVANO DEI GIUSTI – IL FILM PIÙ ASSURDO DELLA NOTTE È “MAK PIGRECO 100” DI ANTONIO BIDO CON ROSITA CELENTANO, RAY LOVELOCK E ERICA BLANC, MILITARELLO ROMANTICO COI CADETTI DELL’AMERIGO VESPUCCI ALLA SCUOLA MILITARE DI LIVORNO PRODOTTO DA STEFANIA CRAXI E COPRODOTTO AL SUO ESORDIO NEL CINEMA DA PRODUTTRICE DA CLAUDIA MORI PER LA "RETEITALIA" DI BERLUSCONI, CIOÈ COI SOLDI DI BERLUSCONI - VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

Marco Giusti per Dagospia

 

Stasera o seguite i consigli di Natalia Aspesi, addirittura in prima pagina, con tutto quello che accade nel mondo, Renzi&Conte compresi, e vi vedete “Pieces of a Woman” con Vanessa Kirby tra le lacrime su Netflix, ma poi anche lei confessa che è pazza del bono di “Bridgerton”, o seguite le paginate di pubblicità su Corriere e Repubblica, avranno speso qualcosa eh?, e vi vedete in prima serata su Canale 5 il primo episodio della serie prodotta da Camilla e Virginia Valsecchi “Made in Italy” con certa Greta Ferro, bella ragazza venticinquenne che leggo figlia del padrone della pasta “La Molisana”, proprio quello del recente caso #boycottLaMolisana a causa dei nomi fascistelli delle sue paste, ma ha detto che sta cambiando tutto.

made in italy made in italy

 

Bene. Serie, mi sembra, che possa offrirci un certo divertimento tra Margherita Buy, Raoul Bova come Giorgio Armani, Stefania Rocca come Krizia, Nicoletta Romanoff come Raffaella Curiel, Enrico Lo Verso e Claudia Pandolfi che fanno i Missoni, ma che è rimasta un anno in programmazione su Amazon Prime e nessuno si è filato, nemmeno io confesso.

 

Al punto che non c’è una critica interessante in rete o un commento, e viene quindi riciclata come nuova su Canale 5 in chiaro. La vedremo. In prima serata in chiaro, a combattere con “Made in Italy”, troviamo su Iris alle 21 l’ottimo “Il discorso del Re” di Tom Hooper con Colin Firth re balbuziente che si fa insegnare da Geoffrey Rush come parlare. Ne feci un’ottima parodia in tv con me come Colin Firth e Paolino Ruffini come Geoffrey Rush in un programma che si chiamava Base Luna”.

paolo ruffini marco giusti base luna, parodia del discorso del re paolo ruffini marco giusti base luna, parodia del discorso del re

 

Cine 34 presenta invece un buon film Fandango, “Tutti contro tutti”, commedia popolare romana molto coatta diretta da Rolando Ravello con Marco Giallini cattivissimo e in gran forma, Kasja Smutniak, lo stesso Ravello e il grande Stefano Altieri come nonno alla Riccardo Billi.

 

il discorso del re il discorso del re

A parte che non si capisce come Ravello possa essere sposato con la bellissima Kasia Smutmiak, si sentono un bel po’ di parolacciume romanesco: “Attaccati al cornicione del cazzo”, “Porcoddue”. Ci sarebbero anche “X-Men”, primo film della serie diretto da Bryan Singer quando ancora non si era completamente rincoglionito, con un cast favoloso: Patric Stewart, Ian McKellen, Halle Berry, Rebecca Romijn, Hugh Jackman, Canale 20 alle 21, 05, “La corrispondenza”, Rai Movie 21, 10, tortuoso giallo romantico di Giuseppe Tornatore tutto costruito attorno a una passione amorosa vissuta tra sms, mail e chiamate skype tra la bellissima Olga Kurylenko e Jeremy Irons.

 

 

tutti contro tutti tutti contro tutti

Come se, alla fine, per chi ama, la presenza carnale dell’amato, contasse fino a un certo punto. Diciamo che Tornatore stesso, però, ci spinge, con la sua messa in scena, a leggere tutto il film con l’idea di un sospeso colpo di scena che non sappiamo bene se verrà o meno, anche se il film è decisamente più rarefatto e sofisticato di quello che abbiamo in testa noi, o che pensavamo di vedere.

la ragazza dei tulipani la ragazza dei tulipani

 

Ci sarebbe anche “La ragazza dei tulipani” diretto da Justin Chadwock e scritto da Tom Stoppard, Rai Due alle 21, 20, pochissimo visto mélo storico ambientato nell’Amsterdam del seicento con Alicia Vikander innamorata di un giovane pittore che le deve fare il ritratto, Dane De Haan, ma moglie del ricco e vecchio Christoph Waltz.

 

io e lei io e lei

Un film massacrato dal caso Weinstein, visto che, girato nel 2014, uscirà solo tre anni dopo quando era ormai scoppiato il processo mediatico al suo produttore. Potrei proporvi anche “Sopravvissuto – The Martian” di Ridley Scott, Italia 1 21, 20, dove il bellissimo capiano Jessica Chastain va riprendersi il suo uomo, Matt Damon, sperduto su Marte. Tratto da una sceneggiatura di Drew Goddard, autore di “Lost”, che avrebbe dovuto anche dirigerlo, è preso da Ridley Scott, produttore e regista, quando è un progetto già in corsa, ma ci porta dentro un’esperienza spaventosa di macchina cinematografica che probabilmente Goddard non possiede. Non male.

 

io e lei 1 io e lei 1

 

In seconda serata, a seguire “Made in Italy”, Canale 5 si spara alle 23, 35 “Yves Saint-Laurent”, primo biopic sul celebre stilista diretto da Jalil Lesprit con Pierre Niney e Guillaume Gallienne. Rai Movie presenta “Io e lei” di Maria Sole Tognazzi con Margherita Buy e Sabrina Ferilli, la prima commedia lesbo all’italiana. C’era chi voleva più sesso, chi voleva più passione, chi voleva più militanza lesbo.

 

 E chi voleva vedè qualcosa. Uffa! Ma in fondo la vita spesso è così, normale, banale e tranquilla. Soprattutto se non si è giovanissimi. Un po’ di tv sdraiati sul divano. Un bacetto. Una carezza prima di andare a letto. Per il sesso chiamate qualcun altro. Questo è il film. Nella notte il solo film per spettatori sporcaccioni che se ne fanno poco del Made in Italy è “Maladonna” di Bruno Gaburro con Paola Senatore, Maurice Poli e la notevolissima Claudia Cavalcanti, Cielo alle 00, 50.

greta ferro made in italy greta ferro made in italy

 

Doveva essere la seconda parte di un trittico diretto da Gaburro con la Senatore iniziato con “Malombra” e che avrebbe dovuto concludersi con “Penombra” (già ridete), quando sopo questo “Maladonna” la Senatore prese la strada dell’hard e lasciò per sempre il cinema diciamo normale. Bel film comico-satirico è invece “Camerieri” di Leone Pompucci con grandi attori comici, Paolo Villaggio, Ciccio Ingrassia, Diego Abatantuono, Cine 34 00, 40. Da rivedere. 

 

maladonna maladonna

Rai Movie all’ 1, 40 ci presenta un mai visto davvero “Se chiudi gli occhi non sono più qui” di Vittorio Moroni con Beppe Fiorello reduce dal Modugno non proprio brillante di due sere fa.  Vedo che fanno dei gloriosi bmovies come “Zorro il dominatore” (see vabbé) di José Luis Merino con Charles Quiney, Cine 34 2, 35, e “Bolidi sull’asfalto. A tutta birra” di Bruno Corbucci con Giacomo Agostini, Daniela Giordano e Gianfranco D’Angelo.

 

Cultissimo. Mi vedrei invece, malgrado l’ora tardissima, sia “Scherzare col fuoco” di e con Burt Reynolds, Iris alle 3, 40, sia “Killer Commando”, dimenticato action anni’70 girato in Sud Africa di Val Guest con Peter Fonda, Telly Savalas, Christopher Lee e la stupenda Maud Adams.

 

mak pigreco 100 1 mak pigreco 100 1

 

Ma il film più assurdo della notte è “Mak Pigreco 100” di Antonio Bido con Rosita Celentano, Ray Lovelock e Erica Blanc, Cine 34 alle 4, 05, militarello romantico coi cadetti dell’Amerigo Vespucci alla Scuola Militare di Livorno prodotto da Stefania Craxi e coprodotto al suo esordio nel cinema da produttrice da Claudia Mori per la Reteitalia di Berlusconi, cioè coi soldi di Berlusconi.

 

Lo stesso Adriano Celentano lancia il film durante l’ultima puntata di “Fantastico” su Rai Uno intervistando solo la figlia Rosita al suo esordio nel cinema e trascurando del tutto i pori cadetti presenti, con grandi proteste il giorno dopo da parte della Marina Militari. Sai che gliene fregava. Il totale insuccesso del film, sia come critica che come pubblico, farà naufragare il secondo progetto cinematografico di Claudia Mori, “La moglie del mito”. Peccato!

la ragazza dei tulipani la ragazza dei tulipani made in italy 2 made in italy 2 maladonna maladonna mak pigreco 100 mak pigreco 100 made in italy made in italy mak pigreco 100 mak pigreco 100 il discorso del re 1 il discorso del re 1 rosita celentano mak pigreco 100 rosita celentano mak pigreco 100 rosita celentano mak pigreco 100 rosita celentano mak pigreco 100

 

Condividi questo articolo

media e tv

“MA POI PERCHÉ X FACTOR HA IL PUBBLICO E SANREMO NO?” - AVVISATE FRANCESCHINI: LE FAQ SUL SITO DI PALAZZO CHIGI CONSENTONO LA PRESENZA DEL PUBBLICO NEGLI STUDI TV COME “ELEMENTO COREOGRAFICO O FUNZIONALE ALLA TRASMISSIONE” - LA LINEA DELLA RAI È 'EQUIPARARE' L'ARISTON A UNO STUDIO TV – TWEET: “IO SANREMO LO AVREI FATTO DAI BALCONI” – SELVAGGIA: “APPASSIONANTISSIMO QUESTO DIBATTITO SUL PUBBLICO A SANREMO CON 500 MORTI AL GIORNO E UNA CRISI DI GOVERNO” (RICORDATE ALLA GIUDICE DI BALLANDO, TRASMISSIONE RAI, CHE IL FESTIVAL E’ IL PROGRAMMA CASSAFORTE DI VIALE MAZZINI)

politica

business

COME MAI IL TITOLO DELLA CATENA DI VIDEOGIOCHI “GAMESTOP”, CHE NON SE LA PASSA BENISSIMO, HA FATTO +5000% IN UN MESE A WALL STREET? È TUTTO MERITO DI UN CANALE REDDIT CHE VUOLE FREGARE I COLOSSI DELLA SPECULAZIONE, SPECIALIZZATI NELLO SHORT SELLING, CON IL SUPPORTO DI ELON MUSK – È L’INIZIO DELLA RIVOLTA CONTRO L’ESTABLISHMENT O LA SOLITA BOLLA DI RAGAZZINI DESTINATA A SGONFIARSI? CHI SI RIBELLA AI MERCATI DI SOLITO FINISCE MALE, MA PER ORA LA BATTAGLIA LA STANNO VINCENDO...

cronache

sport

cafonal

DINO VIOLA PER SEMPRE – 30 ANNI FA SE NE ANDAVA IL PRESIDENTE CHE HA FATTO GRANDE LA ROMA” (COPYRIGHT BRUNO CONTI) – CAGNUCCI: ("IL ROMANISTA"): “CI SONO UOMINI CHE VOTANO L'INTERA VITA A UNA CAUSA, VIOLA L'HA DEDICATA AL CLUB GIALLOROSSO. CI HA LITIGATO ANCHE, CI HA SOFFERTO. L'ACQUISTO DI MANFREDONIA FU UNA FERITA. COSÌ COME LE CESSIONI DI DI BARTOLOMEI, CEREZO, ANCELOTTI E LA QUERELLE LEGALE CON FALCAO. NON SOPPORTAVA CHE LA ROMA LA CHIAMASSERO ROMETTA…” – ECCO CHI C’ERA ALLA MESSA IN COMMEMORAZIONE DI VIOLA- FOTO+VIDEO

viaggi

salute