FRECCERO AVVELENATO: “ZELENSKY A SANREMO? ERRORE TRAGICO SUO MA SOPRATTUTTO DELLA RAI. PARTECIPANDO AL FESTIVAL DI SANREMO SI RIDICOLIZZA, SCENDE NELLA CATEGORIA DEL MUSICAL. SI MESCOLA ALLE MUSICHETTE" – LA BORDATA CONTRO L’ARTEFICE DELL’OPERAZIONE BRUNO VESPA “CHE CONFONDE L’INFORMAZIONE CON LO SPETTACOLO. DA UOMO DI POTERE, VOLEVA FARE UN FAVORE ALLA MELONI. MA UN TALE SERVIZIO DI PROPAGANDA, CREDO, NON SE LO ASPETTAVA NEMMENO LEI” - "SALVINI? DICE LE STESSE COSE CHE DICO IO..."

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Tommaso Rodano per “il Fatto quotidiano”

 

carlo freccero carlo freccero

“Io penso sia un errore gravissimo di Zelensky, ma soprattutto un errore tragico della Rai. A livello mediatico è controproducente per entrambi”. È un Carlo Freccero fluviale, come sempre, quello che commenta l’imminente ospitata sanremese del presidente dell’Ucraina.

 

“Credevano di rendergli un omaggio, al contrario non fanno altro che compattare le voci di quelli che si oppongono alla guerra, con varie posizioni e vari punti di vista. Infatti la piattaforma che manifesta contro Zelensky a Sanremo tiene insieme personalità molto diverse” (ci sono, tra gli altri, Alessandro Di Battista, Franco Cardini e Moni Ovadia, ndr).

Per quale motivo? In fondo la copertura mediatica di Zelensky è sempre stata abbondante e trasversale.

 

VOLODYMYR ZELENSKY A SANREMO MEME VOLODYMYR ZELENSKY A SANREMO MEME

Raffigurare la guerra in un musical di canzoni e siparietti di costume significa superare un limite, andare oltre ciò che è concepibile. È vero che Zelensky si esibisce praticamente su ogni palcoscenico, le sue apparizioni hanno una forma cinematografica: se ci fa caso, sono pochissime le immagini “sporche”, da telegiornale; in genere invece viene rappresentato con una luce perfetta, vestito da attore, sempre allo stesso modo. Ma partecipando al festival di Sanremo si ridicolizza, scende nella categoria del musical. Si mescola alle musichette, mentre sul terreno di guerra si accumulano i morti.

 

Il salto di qualità, in sostanza, è l’accostamento tra guerra e canzoni?

Mi ricorda da vicino quello che avveniva durante la pandemia, quando tra terrore e farsa, nel mezzo dei bollettini di morte, medici e paramedici si esibivano in balli di gruppo sulle note di Jerusalema. Nei momenti più tragici, per far diminuire l’ansia allo spettatore, al terrore vanno alternati momenti assurdi di non senso, che ricordano i musical.

 

volodymyr zelensky volodymyr zelensky

Se è un tragico errore, come dice, a chi va attribuita la sciagurata idea?

Penso sia l’iniziativa di Bruno Vespa, che confonde l’informazione con lo spettacolo: è nella sua natura. Da uomo di potere, voleva fare un favore alla Meloni. Un omaggio per lei, che si presentava come la più grande sovranista ed è diventata invece la più grande alleata del globalismo e degli Stati Uniti. Un tale servizio di propaganda, credo, non se lo aspettava nemmeno lei. Al punto che si stanno scatenando contro questa scelta anche i suoi alleati.

 

BRUNO VESPA BRUNO VESPA

Pure Salvini, proprio in queste ore.

Salvini dice le stesse cose che dico io: parla anche lui di un musical. Se non è un paradosso questo... Quest’operazione è un errore colossale: un grande aiuto a chi è contro la guerra.

 

(...)

 

carlo freccero e ugo mattei carlo freccero e ugo mattei carlo freccero foto di bacco (3) carlo freccero foto di bacco (3) carlo freccero carlo freccero intervento di zelensky a davos 2023 intervento di zelensky a davos 2023 CARLO FRECCERO CARLO FRECCERO volodymyr zelensky golden globes volodymyr zelensky golden globes freccero freccero

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...

DAGOREPORT – BIDEN HA DATO ORDINE ALL'INTELLIGENCE DELLA CIA CHE LA GUERRA IN UCRAINA DEVE FINIRE ENTRO AGOSTO, DI SICURO PRIMA DEL 5 NOVEMBRE, DATA DEL VOTO PRESIDENZIALE AMERICANO - LO SCENARIO E' QUESTO: L’ARMATA RUSSA AVANZERÀ ULTERIORMENTE IN TERRITORIO UCRAINO, IL CONGRESSO USA APPROVERÀ GLI AIUTI MILITARI A KIEV, QUINDI PUTIN IMPORRÀ DI FARE UN PASSO INDIETRO. APPARECCHIATA LA TREGUA, FUORI ZELENSKY CON NUOVE ELEZIONI (PUTIN NON LO VUOLE AL TAVOLO DELLA PACE), RESTERA' DA SCIOGLIERE IL NODO DELL'UCRAINA NELLA NATO, INACCETTABILE PER MOSCA – NON SOLO 55 MILA MORTI E CRISI ECONOMICA: PUTIN VUOLE CHIUDERE PRESTO IL CONFLITTO, PER NON DIVENTARE UN VASSALLO DI XI JINPING... 

FLASH! - FACILE FARE I PATRIOTI CON LE CHIAPPE ALTRUI – INDOVINATE CHE AUTO GUIDA ADOLFO URSO, IL MINISTRO CHE PER DIFENDERE L'ITALIANITÀ HA “COSTRETTO” ALFA ROMEO A CAMBIARE NOME DA “MILANO” A “JUNIOR”? UN PRODOTTO DELL’INDUSTRIA MADE IN ITALY? MACCHÉ: NELLA SUA DICHIARAZIONE PATRIMONIALE, SPUNTANO UNA VOLKSWAGEN T-CROSS E UNA MENO RECENTE (MA SOSTENIBILE) TOYOTA DI INIZIO MILLENNIO. VEDIAMO IL LATO POSITIVO: ALMENO NON SONO DEL MARCHIO CINESE DONFGENG, A CUI VUOLE SPALANCARE LE PORTE...

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...