GOOGLE SA TUTTO DI TUTTI NOI - SPOPOLA SU "TIKTOK" E GLI ALTRI SOCIAL IL VIDEO DI UN'ESPERTA DI MARKETING AMERICANA CHE SPIEGA COME VISUALIZZARE I DATI CHE "BIG G" HA RACCOLTO GRAZIE ALLE NOSTRE RICERCHE - VISITANDO LA PAGINA "ADS SETTINGS" DEL PROPRIO ACCOUNT SI POSSONO OSSERVARE LE CATEGORIE IN CUI SI VIENE INSERITI: DALL’ETÀ AL SESSO, FINO ALLA CITTÀ DI APPARTENENZA E AGLI HOBBY. MA C'È UN MODO PER PROTEGGERSI... - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Andrea Indiano per www.businessinsider.com

 

ads settings ads settings

Avete cercato su Google qualche informazione su un prodotto e ora gli annunci pubblicitari che riguardano quell’oggetto compaiono in ogni sito che visitate? Si tratta ormai di un classico dell’esperienza sul web, ma scoprire quanto e cosa Google sa degli utenti rappresenta sempre una sorpresa. Soprattutto se queste informazioni sono ancora più dettagliate e precise di quello che immaginavamo.

 

È diventato virale prima su TikTok e poi sugli altri social network, il video postato dall’esperta di marketing americana Trish Kabob in cui spiega come visualizzare i dati che Google ha raccolto su di noi grazie alle ricerche fatte.

 

la pagina ads settings la pagina ads settings

Rispondendo a una challenge social che richiedeva di svelare qualcosa di curioso del proprio lavoro, Kabob ha pubblicato un filmato intitolato: “Google sa fin troppo di tutti noi”.

 

Nel video (che ora ha raggiunto la cifra record di 14 milioni di visualizzazioni) la statunitense racconta che “se avete mai pensato ‘hey, questo è uno strano annuncio da vedere per me’, in realtà c’è un sito che potete visitare per scoprire tutte le ipotesi che Google ha fatto sulla base delle vostre ricerche precedenti“.

 

le impostazione dei nostri dati su Google le impostazione dei nostri dati su Google

Infatti, visitando la pagina Ads Settings del proprio account Google (è necessario aver fatto il login) si possono osservare le categorie in cui il sito del motore di ricerca ci ha inserito. Dall’età al sesso, fino alla città di appartenenza e agli hobby, sembra che Big G sia in grado di definirci con buona precisione. O perlomeno di fare delle supposizioni che sembrano molto vicine alla realtà.

 

Questo capita perché quando si utilizzano i prodotti Google, incluso il motore di ricerca e altri strumenti come Gmail e YouTube, l’azienda che fa capo al gruppo Alphabet raccoglie informazioni sugli utenti e utilizza questi dati per personalizzare gli annunci. In questo modo gli acquisti online aumentano e di conseguenza la richiesta di spazi pubblicitari.

 

Trish Kabob su TikTok Trish Kabob su TikTok

Grazie al video di Kabob, il rapporto personale sulle proprie abitudini online è diventato maggiormente accessibile anche per gli utenti meno esperti. Per far sì che l’azienda non abbia accesso a questi dati basta selezionare il tasto “Personalizzazione degli annunci attivata” che si trova all’inizio della pagina. Selezionando “disattiva” nella finestra che compare, le pubblicità saranno d’ora in poi generiche e non personalizzate.

 

Di base, ovvero se la scelta non è mai stata modificata, la personalizzazione è attiva e si raggiunge dalla sezione “Dati e personalizzazione” della pagina del proprio account di Google. Si può anche decidere di disattivare una sola categoria, così da essere certi di non vedere pubblicità riguardanti determinati prodotti o attività.

 

google news google news

Superato lo stupore nell’apprendere quanto precise possano essere le nozioni che il sito più usato al mondo ha su di noi, è curioso osservare anche quanti sono gli errori. Leggendo i commenti al video di Kabob non mancano le risposte simpatiche: “sono offesa, Google pensa che ho 55 anni e invece ne ho 17” oppure “a me non piacciono i gatti eppure appaiono nella mia pagina”. Ciò capita perché non sempre quello che digitiamo serve per un acquisto o rispecchia un interesse reale. Per adesso, questo Google non può ancora saperlo.

google a new york google a new york google faebook apple amazon google faebook apple amazon google sui dispositivi apple google sui dispositivi apple google google google su iphone google su iphone google su iphone 2 google su iphone 2 apple google apple google google su iphone google su iphone PAGARE TRAMITE APP DI GOOGLE PAGARE TRAMITE APP DI GOOGLE

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"?