7 INVENZIONI CHE ALL'INIZIO FURONO STRONCATE - LA BICI ERA “SOLO UNA MODA PASSEGGERA PER SIGNORE TRENDY”, I CHEESEBURGER “UNO STRANO PIATTO CALIFORNIANO”, LE AUTO “TROPPO COSTOSE PER DIVENTARE POPOLARI” E LO SMALTO “UNA MODA LONDINESE

Nel 1879, l’inventore e scienziato Henry Morton, definì la lampadina un’invenzione fallimentare. Quando si ha a che fare con l’innovazione e la ricerca spesso è veramente difficile capire se le nuove invenzioni si dimostreranno inutili progetti a vuoto o colpi rivoluzionari...

Condividi questo articolo


Da http://www.vox.com

 

smanto liquido smanto liquido

Nel 1879, l’inventore e scienziato Henry Morton, presidente dell”’Istitute Stevens of Technology”, definì l’invenzione di un uomo un “chiaro fallimento." Quell'uomo era Thomas Edison, e l’invenzione era la lampadina.

 

A parte il “chiaro fallimento” di quell'affermazione, in realtà Morton stava mettendo in luce un aspetto rivelatore. Quando si ha a che fare con l’innovazione, la ricerca e il progresso, spesso è veramente difficile capire se le nuove invenzioni si dimostreranno inutili progetti a vuoto o colpi rivoluzionari. Chi lo sa, magari i nostri nipoti troveranno assurdo che un tempo qualcuno si opponeva ai Google Glass, ai Segway e ai Dippin 'Dots.

joseph schenck joseph schenck

 

La dichiarazione di Morton dimostra quanto sia difficile prevedere il futuro. Nel suo caso, non aveva dubbi sull’utilità della lampadina di Edison. La sua obiezione principale era che non esisteva un modo per trasportare l’energia elettrica su lunghe distanze e fare in modo che le lampadine arrivassero in ogni casa (lo stesso Edison non sapeva come fare). Prevedere il destino di una nuova invenzione spesso significa essere in grado di immaginare gli ampi cambiamenti sociali e tecnologici che l’accompagnano. Ed è incredibilmente difficile.

inventore thomas edison inventore thomas edison

 

Ecco uno sguardo ad altre sette importanti invenzioni, dalla bicicletta allo smalto, dal laptop alla segreteria telefonica, che nella fase iniziale suscitarono molti dubbi negli scettici. C'è molto da imparare dalle previsioni sbagliate:

 

1) Biciclette: "La popolarità della ruota è destinata all’insuccesso"

 

cheeseburger cheeseburger

Oggi vediamo la bici come una dei principali mezzi di trasporto cittadino, ma quando fu inventata veniva considerata niente più che una moda destinata a sparire. Il 20 agosto 1890, il Washington Post definì la bicicletta una moda passeggera per le signore alla moda. Il 17 agosto 1902, gli esperti affermarono che "la popolarità della ruota è condannata.” Era considerata poco pratica e pericolosa, e le strade erano troppo poco lisce per permettere il transito ai ciclisti. Non abbiamo bisogno di spoiler per sapere come è andata.

 

2) Auto: "I prezzi saranno sempre troppo alti"

 

bicicletta bicicletta

Nel 1902, il “New York Times” definì l’automobile impraticabile. Sulla scia della moda delle biciclette negli anni ’90 dell’ottocento, i giornalisti e gli analisti erano diffidenti nei confronti della "next big thing" nel settore dei trasporti. Spiegava un critico: “Il mondo delle auto sta seguendo la storia di quello delle biciclette in quasi ogni aspetto, sia come settore commerciale che come sport. La questione che sorge spontanea è se l'attuale periodo di espansione sarà seguito da un crollo disastroso come accadde dopo il boom del ciclismo pochi anni fa”.

 

Il “Times” azzardò anche che il prezzo delle auto "non sarebbe diventato mai sufficientemente basso da renderle davvero popolari come le biciclette.” Lo diventò poco dopo, quando Henry Ford perfezionò la produzione di massa delle automobili, permettendo al prezzo di scendere e alla domanda di aumentare vertiginosamente.

 

3) Lo smalto per le unghie era una “strana e singolare moda"

 

computer computer

Nel 1917, Cutex inventò la cosa che più si avvicina allo smalto per unghie così come lo conosciamo oggi. Ma non divenne subito mainstream: nel 1927, il “New York Times” lo chiamò una "moda londinese",  mentre l'anno prima, su Vogue uno scrittore aveva manifestato dubbi sulla sua dannosità per le unghie.

 

4) Il cinema sonoro: "Parlare non appartiene in immagini"

 

Nel 1928, Joseph Schenck, presidente della United Artists, sembrava sicuro di una cosa: le immagini parlanti erano solo una moda. Disse al New York Times che "parlare non appartiene in immagini." Anche se gli effetti sonori potevano essere utili, era certo il dialogo fosse stato sopravvalutato. "Non credo che la gente vorrà veder parlare le immagini a lungo", affermava. E non era il solo.

 

5) Cheeseburger: "Tipici della California"

 

automobile automobile

La maggior parte delle fonti attribuiscono a Lionel Sternberger l’invenzione del cheeseburger nel 1934, anche se la questione è molto dibattuta. In ogni caso, per molti anni il combo di manzo e formaggio veniva associato a una delle stranezze alimentari in California. La prima volta che il “New York Times” scrisse di un cheeseburger nel 1938, lo classificò come un eccentrico piatto californiano, mentre nel 1947 uno scrittore che lo assaggiò disse: “In un primo momento, la combinazione di manzo, formaggio e pomodori può sembrare davvero strana. Ma dopo un po’ inizi a sentire che gastronomicamente funziona”.

 

 

6) La segreteria telefonica: "In principio era illegale".

 

INVENZIONI BICI INVENZIONI BICI

Quando furono introdotte le segreterie telefoniche si pensò che presto sarebbero state schiacciate dalle compagnie telefoniche, che utilizzavano i propri hardware e servizi di segreteria. Nel 1940 la maggior parte delle aziende le aveva vietate, argomentando che non vi era "alcuna necessità per il dispositivo” (un rappresentante della AT&T). Anche se le segreterie telefoniche furono negate nelle case fino al 1975, continuarono a diffondersi illegalmente in moltissime case e alla fine i servizi di segreteria telefonica svanirono.

 

7) Computer portatili: “Il sogno del portatile è un'illusione?"

 

Nel 1985, il “New York Times” annunciava la tragica scomparsa di una moda, un tempo molto promettente: i computer portatili, diceva il giornale, stanno per uscire di scena. D'ora in poi, i tavolini aerei sarebbero serviti a sorreggere birre e cocktail, invece dei computer.

INVENZIONI WALKMAN INVENZIONI WALKMAN

 

Le ragioni erano condivisibili. I laptop erano pesanti, costosi e la batteria durava troppo poco per diventare mainstream. E poi pensavano: la gente quando viaggia, va in treno o in aereo, va in spiaggia o in una nuova città, preferisce trascorrere il tempo a guardarsi intorno e interagire con lo spazio circostante piuttosto che stare al computer. Solo adesso possiamo sapere quanto si sbagliavano.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?

FLASH – PARE CHE L’INSISTENZA DI GIORGIA MELONI NON SIA SERVITA A MOLTO: LA PREMIER ITALIANA NON AVREBBE OTTENUTO LA VICEPRESIDENZA ESECUTIVA DELLA COMMISSIONE EUROPEA, CHE TANTO BRAMAVA PER IL “SUO” RAFFAELE FITTO. LA DUCETTA DEVE FARE I CONTI CON LA SPACCATURA, AMPIAMENTE PREVISTA, DI ECR: LA “MAGGIORANZA” DEI CONSERVATORI VOTERÀ CONTRO URSULA VON DER LEYEN, CHE SI È PARATA LE CHIAPPE ACCORDANDOSI CON I VERDI. E FRATELLI D’ITALIA? SARANNO COMPATTI, MA SU COSA CE LO DIRANNO SOLO DOPO...

TRUMP HA SCELTO J.D. VANCE CON UN OBIETTIVO PRECISO: LASCIARGLI FARE L’ESAGITATO A CACCIA DI ELETTORI INCAZZATI, MENTRE LUI SI RITAGLIA UN RUOLO PIÙ MODERATO – “THE DONALD”, CHE PENSA DI RIPORTARE NEL SUO STAFF MIKE POMPEO, HA EPURATO LA FIGLIA “TRADITRICE” IVANKA E IL GENERO JARED KUSHNER – OBAMA NON SA SE SILURARE BIDEN: HA PAURA CHE IL CANDIDATO SCELTO PER SOSTITUIRLO VENGA SCONFITTO (A QUEL PUNTO LUI PERDEREBBE LA FACCIA) – IL PRESIDENTE PUÒ ARRENDERSI SOLO SE FINISCE I SOLDI – LA TELEFONATA TRA LO SVALVOLATO ROBERT F. KENNEDY E TRUMP, SPIATTELLATA ONLINE - VIDEO