MA “RAI DOCUMENTARI” È STATA CREATA PER PRODURRE DOCUMENTARI O PER ACQUISTARLI? – RAIUNO PREPARA UNA SECONDA SERATA AD HOC CON MONICA MAGGIONI PER IL “METODO BIDEN”. PECCATO CHE L’UFFICIO STAMPA DI VIALE MAZZINI SI SIA DIMENTICATO DI COMUNICARE CHE SI TROVA GIÀ DA TEMPO SU RAIPLAY… - COME PER POMPEI E EDUARDO, SI ANNUNCIA IN POMPA MAGNA UN "INEDITO" CHE TANTO INEDITO NON È...

-

Condividi questo articolo

IL METODO BIDEN SU RAIPLAY IL METODO BIDEN SU RAIPLAY

 

Da www.vigilanzatv.it

 

I comunicati stampa dell’ufficio stampa di Viale Mazzini per Rai Documentari, struttura diretta da Duilio Giammaria, ci strappano sempre un sorriso. Fummo noi a segnalare che il documentario su Pompei annunciato e celebrato in pompa magna era comprato dalla Francia, e che il documentario annunciato come “inedito” su Eduardo era già andato in onda qualche settimana prima su Sky Arte. Ed ecco che siamo costretti a occuparci del documentario sul “Metodo Biden” in arrivo in seconda serata su Rai1 presentato da Monica Maggioni.

DUILIO GIAMMARIA DUILIO GIAMMARIA

 

Il Metodo Biden è diretto da Michael Kirk e realizzato da PBS-Frontline. Evidentemente non un prodotto Rai, ma il solito acquistato all’estero e “attualizzato” (cit. Duilio Giammaria) da Rai Documentari. Come per Eduardo c’era Marisa Laurito, qui lo spazietto introduttivo è affidato a Monica Maggioni, al timone di Sette Storie, tanto penalizzato dall’Auditel.

 

monica maggioni monica maggioni

A tal proposito, riconosciamo nel suddetto Kirk e nella PBS-Frontline lo stesso team creativo dietro Trump-Biden – L’ultima scelta che Rai2 ha trasmesso in prima serata il 26 ottobre 2020 (flop con 626.000 spettatori – 2.7% di share) e di America’s Great Divide: Da Obama TaTrump che sempre la Seconda Rete ha invece trasmesso il 2 novembre con ascolti ancor più bassi (497.000 individui all’ascolto con il 2.2%).

 

Ma tornando al Metodo Biden, ci chiediamo come mai nel comunicato stampa che lo annuncia su Rai1 non vi sia scritto che il documentario si trova già su RaiPlay da tempo, come dimostra lo screenshot qui sotto!

 

Perché l’ufficio stampa Rai gestito dal braccio destro dell’Ad Fabrizio Salini, ovvero Marcello Giannotti, non comunica questo particolare? Semplice, perché se lo scrivessero, chi è interessato andrebbe già a vederselo adesso e non attenderebbe di vederlo su Rai1 al momento della messa in onda, togliendo spettatori televisivi.

il nostro eduardo il nostro eduardo

 

Alla luce di tutto ciò ci facciamo due domande. Rai Documentari dovrebbe essere stata creata per PRODURRE documentari e non per acquistarli. Visto che così non è e se tutti i documentari finiscono per essere acquistati, il tutto non può a questo punto essere gestito dalle direzioni di rete o dalle direzioni dei Tg senza dover necessariamente avere l’ennesima scatola vuota dell’ennesima struttura creata ad hoc?

MARCELLO GIANNOTTI MARCELLO GIANNOTTI

 

In secondo luogo, non è paradossale che venga addirittura preparata una seconda serata ad hoc per trasmettere un documentario che è già presente da tempo sulla piattaforma streaming della Rai, particolare per giunta occultato dal comunicato stampa Rai per non togliere audience alla messa in onda televisiva? Siamo ancora una volta sconvolti di fronte a ciò cui assistiamo dalle parti di Viale Mazzini.

DUILIO GIAMMARIA DUILIO GIAMMARIA monica maggioni 2 monica maggioni 2 il nostro eduardo 4 il nostro eduardo 4 il nostro eduardo 3 il nostro eduardo 3 termopolio Pompei termopolio Pompei

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

L'ITALIA SPROFONDA E IL BANANA FA I QUATTRINI - OGGI SILVIO BERLUSCONI, CON UNA RICCHEZZA SALITA A QUASI 6 MILIARDI, HA ANCORA PIÙ SOLDI RISPETTO ALL’ULTIMA CLASSIFICA STILATA PRIMA DELLA PANDEMIA DA "FORBES", CHE LO HA DESCRITTO COME “COLUI CHE HA PORTATO IN ITALIA IL TELEFILM STATUNITENSE BAYWATCH” - IL TITOLO DI MEDIASET CHE VOLA IN BORSA NONOSTANTE LA GUERRA CON VIVENDI, GLI AFFARI CON MONDADORI E BANCA MEDIOLANUM: ALTRO CHE QUIRINALE, IL CAIMANO SI GODE IL PORTAFOGLI...

cronache

sport

cafonal

DINO VIOLA PER SEMPRE – 30 ANNI FA SE NE ANDAVA IL PRESIDENTE CHE HA FATTO GRANDE LA ROMA” (COPYRIGHT BRUNO CONTI) – CAGNUCCI: ("IL ROMANISTA"): “CI SONO UOMINI CHE VOTANO L'INTERA VITA A UNA CAUSA, VIOLA L'HA DEDICATA AL CLUB GIALLOROSSO. CI HA LITIGATO ANCHE, CI HA SOFFERTO. L'ACQUISTO DI MANFREDONIA FU UNA FERITA. COSÌ COME LE CESSIONI DI DI BARTOLOMEI, CEREZO, ANCELOTTI E LA QUERELLE LEGALE CON FALCAO. NON SOPPORTAVA CHE LA ROMA LA CHIAMASSERO ROMETTA…” – ECCO CHI C’ERA ALLA MESSA IN COMMEMORAZIONE DI VIOLA- FOTO+VIDEO

viaggi

salute