MEZZA DELUSIONE O MEZZA PIPPA? - ALDO GRASSO SI CUCINA A FUOCO LENTO ALESSANDRO CATTELAN, DOPO IL FLOP DI "DA VICINO NESSUNO E' NORMALE": "FORSE È ARRIVATO AL SUCCESSO TROPPO PRESTO (TENENDO CONTO DELLA MEDIA ITALIANA), FORSE È TROPPO SICURO DELLA SUA BRAVURA, STA DI FATTO CHE PROMETTEVA PIÙ DI QUANTO HA POI DIMOSTRATO SULLE RETI GENERALISTE. RESTA VITTIMA DEL PRESSAPPOCO, QUELL'ATTITUDINE CHE ANNICHILISCE, APPIATTISCE, RENDE UGUALI TUTTI I TEMI TRATTATI..."

-

Condividi questo articolo


Aldo Grasso per il “Corriere della Sera” - Estratti

 

ALESSANDRO CATTELAN ALESSANDRO CATTELAN

Come sono andate le tre puntate di «Da vicino nessuno è normale» condotte da Alessandro Cattelan? Così così dal punto di vista degli ascolti (pochi ma buoni), tenendo anche conto che Rai2 è una rete quasi priva di identità. Dal programma, però, mi aspettavo qualcosa di più.

 

Forse Cattelan è arrivato al successo troppo presto (tenendo conto della media italiana), forse è troppo sicuro della sua bravura, sta di fatto che prometteva più di quanto ha poi dimostrato sulle reti generaliste.

 

Nel tentativo di trovare una ragione a questa mezza delusione, per caso ho comprato un libro della sua nuova casa editrice: lasciando perdere i contenuti, ho provato disappunto nel constatare come copertina, stampa e carta fossero di qualità modesta. Mi si è aperto un mondo: non editoriale (un piccolo editore se non cura l’oggetto libro cosa ci sta a fare?) ma televisivo.

aldo grasso aldo grasso

 

Cattelan è uno dei migliori conduttori della tv italiana ma è vittima del pressappoco (come se, facendo critica, mi accontentassi di dare i voti in pagella), quell’attitudine che annichilisce, appiattisce, rende uguali tutti i temi trattati.

 

«Da vicino nessuno è normale» è una trasmissione registrata; quindi, in sede di montaggio ci sarebbe stata la possibilità di riscrivere il testo, di migliorarlo, di far emergere uno stile. 

 

alessandro cattelan alessandro cattelan

(...) È probabile che nella tv italiana non esistano più quelle figure di funzionari (come si chiamavano una volta) capaci di intervenire sui programmi, di migliorarli, di prendere i conduttori per mano e farli crescere. È certo, però, che il vero nemico di Alessandro Cattelan si chiama pressappoco.

CARLO CONTI - ALESSANDRO CATTELAN CARLO CONTI - ALESSANDRO CATTELAN belen rodriguez a stasera c'e' cattelan belen rodriguez a stasera c'e' cattelan FEDEZ - ALESSANDRO CATTELAN FEDEZ - ALESSANDRO CATTELAN CATTELAN LEOTTA CATTELAN LEOTTA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)

DAGOREPORT - RIUSCIRÀ ELLY SCHLEIN A FAR FUORI MARIO ORFEO E RICONQUISTARE L’AVAMPOSTO DEL TG3? - QUEL FURBACCHIONE DI ORFEO, DETTO “PONGO” PER LA SUA MALLEABILITA’ VERSO IL POTERE, DOPO UNA INCAUTA SBANDATA PER L’AD IN USCITA ROBERTO SERGIO, HA VIRATO VERSO LE BRACCIA DELL’AD IN PECTORE RAI, GIAMPAOLO ROSSI - ORFEO HA CONVINTO IL FILOSOFO DI COLLE OPPIO CHE LUI HA UN FILO DIRETTO COL PD DI SCHLEIN: ROSSI È CONVINTO CHE QUANDO PARLA CON IL DIRETTORE DEL TG3 PARLA CON ELLY. INVECE, QUANDO GLI VA BENE, ORFEO TELEFONA A FRANCESCHINI CHE, DA PRIMO SOSTENITORE DELLA SCHLEIN, È PASSATO A TRAMARE CONTRO LA SEGRETARIA, REA DI NON VOLER FARE LA PUPA MA LA PUPARA...

DAGOREPORT - L’AMERICA È PSYCHO! I DEMOCRATICI SONO COSI’ TERRORIZZATI ALL’IPOTESI DI TRUMP ALLA CASA BIANCA CHE ORMAI LE SPARANO SENZA RITEGNO - L’ULTIMA? SPINGERE BIDEN A TOGLIERSI DALLE PALLE PER CANDIDARE KAMALA HARRIS AFFIANCATA DA BARACK OBAMA COME VICE - UNO SCENARIO POSSIBILE (OBAMA E' STATO PRESIDENTE PER 8 ANNI MA PUO' FARE IL NUMERO DUE) MA FANTASIOSO: BARACK STAREBBE ALLE SPALLE DI UNA SCARTINA COME KAMALA? E POI: L’AMERICA ACCETTEREBBE MAI DUE NERI ALLA GUIDA DEL PAESE? - L’ENDORSEMENT PELOSETTO DI OCASIO CORTEZ A BIDEN: LA 34ENNE PASIONARIA SPERA CHE IL PRESIDENTE VADA A SBATTERE, CHE VINCA TRUMP, COSI’ TRA QUATTRO ANNI SARA’ LEI A CANDIDARSI…

FLASH! – BRUTTISSIMA NOTIZIA PER L’AD IN PECTORE DELLA RAI, GIAMPAOLO ROSSI. DAJE E DAJE, AMADEUS IN MODALITÀ CATERPILLAR AVREBBE FINALMENTE CONVINTO QUEL CACADUBBI DI FIORELLO, CHE NON AVEVA NESSUNISSIMA VOGLIA DI LAVORARE ANCORA IN RAI, A ENTRARE NELLA FAMIGLIA DISCOVERY (AMADEUS, FAZIO E CROZZA) PER UN PROGRAMMA SUL 9 – ENTRO FINE LUGLIO SAREBBE ATTESA LA FIRMA DEL CONTRATTO, A SETTEMBRE IL DEBUTTO DELLO SHOWMAN SICULO - LA SMENTITA DI FIORELLO: "INDISCREZIONE TOTALMENTE FALSA"