IL NECROLOGIO DEI GIUSTI – SI SONO CHIUSI PER SEMPRE I BELLISSIMI OCCHI DI MARIE LAFORET, VOLTO E VOCE DEGLI ANNI ’60, RIBATTEZZATA PER SEMPRE “LA RAGAZZA DAGLI OCCHI D’ORO”, CHE ERA POI IL TITOLO DI UNO DEI SUOI PRIMI FILM. MA IL SUO VERO ESORDIO, DAVVERO ESPLOSIVO, ERA STATO ANCORA VENTENNE A FIANCO DI ALAIN DELON NELLO SPETTACOLARE “IN PIENO SOLE” – SEMPRE BELLA E ELEGANTE, MAGARI NON FU UNA GRANDE ATTRICE, MA... – VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

 

Marie Laforet rip

Marco Giusti per Dagospia

 

marie laforet 2 marie laforet 2

Si sono chiusi per sempre i bellissimi occhi di Marie Laforet, volto e voce degli anni ’60, ribattezzata per sempre La ragazza dagli occhi d’oro, che era poi il titolo di uno dei suoi primi film diretta da Jean-Gabriel Albicocco, suo primo marito, ne ebbe ben cinque. Ma il suo vero esordio, davvero esplosivo, era stato ancora ventenne a fianco di Alain Delon e di Maurice Ronet nello spettacolare giallo In pieno sole di René Clement, 1960, nel ruolo di Marge.

 

marie laforet 3 marie laforet 3

Il pubblico non se la poteva certo scordare. Nata Maiténa Marie Brigitte Douménac nel 1939 a Soulac-sur-mer, di origini catalane-occitane, fu da subito e per sempre conosciuta come Marie Laforet. Grazie proprio ai suoi due primi film, la sua carriera era lanciata per sempre. Si divise tra Francia e Italia per tutto il resto della sua vita. La troviamo così in produzione diverse, quasi sempre a fianco delle star del tempo, di Annie Girardot in Amori celebri di Michel Boisrond e di Jacques Charrier in Il diavolo sotto le vesti di Michel Deville. In Italia è una delle protagoniste assieme a Anna Karina di Le soldatesse di Valerio Zurlini, un film molto discusso al tempo.

marie laforet marie laforet

 

Non si può dire una delle muse della Nouvelle Vague, anche se in qualche modo la sfiorò con Claude Chabrol nel divertente Marie Chantal contro il Dottor Kha, dove è appunto la protagonista, Marie Chantal. Si mosse decisamente meglio nel noir e nel poliziesco, da Colpo grosso a Parigi a La gang dei diamanti, e dove trovò il suo regista di riferimento nel prolifico Georges Lautner, che la diresse più volte, soprattutto con Jean-Paul Belmondo in Poliziotto o canaglia e Irresistibile bugiardo, ma anche con un vecchio Robert Mitchum in Presunto violento. Dopo essersi spostata in Svizzera già nel 1978, dove aprì anche una galleria d’arte e ebbe ben tre matrimoni, lavorò molto in Italia.

marie laforet 5 marie laforet 5

 

marie laforet 6 marie laforet 6

La troviamo così con Alberto Sordi in L’avaro di Tonino Cervi, con Francesca Dellera in La bugiarda di Franco Giraldi, con Marcello Mastroianni in A che punto è la notte, ultimo film diretto da Nanni Loy, con Nancy Brilli in Tutti gli uomini di Sara di Gianpaolo Tescari e con Michele Placido nella fortunata serie La piovra 3 diretta da Luigi Perelli. Sempre bella e elegante, non cambiò mai il suo stile e illuminò coi suoi occhi, magari non essendo mai stata una grande attrice, i tanti set che frequentò tra un matrimonio e l’altro.

la ragazza dagli occhi d'oro 1 la ragazza dagli occhi d'oro 1 marie laforet 1 marie laforet 1 marie laforet 9 marie laforet 9 marie laforet alain delon marie laforet alain delon marie laforet 12 marie laforet 12 marie laforet 11 marie laforet 11 marie laforet 10 marie laforet 10 alain delon marie laforet alain delon marie laforet marie laforet 8 marie laforet 8 marie laforet 1 marie laforet 1 maurice ronet marie laforet alain delon maurice ronet marie laforet alain delon marie laforet sulla copertina de l'officiel 1977 marie laforet sulla copertina de l'officiel 1977 la ragazza dagli occhi d'oro la ragazza dagli occhi d'oro marie laforet 4 marie laforet 4 marie laforet alain delon in pieno sole marie laforet alain delon in pieno sole

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

"SAREMO IN PIAZZA A ROMA CON LE SARDINE” - SIMONE DI STEFANO DI CASAPOUND: “VEDIAMO SE VOGLIONO DAVVERO CAMBIARE LE COSE ANCHE SE HO I MIEI DUBBI. SECONDO ME SARÀ UNA PIAZZA DI RAGAZZI SISTEMATI, SENZA TROPPI PROBLEMI, NON CI TROVEREMO GENTE DELLA PERIFERIA ROMANA - UNA COSA CHE C’È DI BUONO DELLE SARDINE È VOLER CAMBIARE LA NARRAZIONE, IN UNA NAZIONE IN CUI SI PARLA SOLO DI ODIO, DI IMMIGRATI, DI RAZZISMO, ANTIRAZZISMO. BISOGNA SPOSTARE L’ATTENZIONE: QUI SERVE UN LAVORO STABILE, UNA CASA DI PROPRIETÀ, POTERSI FARE UNA FAMIGLIA”

business

cronache

sport

cafonal

"BUONISSIMA LA PRIMA" – MATTIOLI: "I VESPRI SICILIANI’ AL COSTANZI DI ROMA RESTERANNO UNA PIETRA MILIARE NELLA STORIA INTERPRETATIVA DELL'OPERA DI VERDI - TRIONFO PER DANIELE GATTI: CON LUI SUL PODIO L'ORCHESTRA SI SUPERA - QUALCHE BABBIONESCA CONTESTAZIONE PER LA REGISTA VALENTINA CARRASCO SU UNA SCENA DOVE LE BALLERINE SI SCAMBIAVANO SECCHIATE D’ACQUA: NOSTALGIA DEL TUTÙ? - LA SINDACA VIRGINIA RAGGI ARRIVA IN RITARDO, FA UN INGRESSO TIPO JOAN COLLINS IN UNA SERIE TIVÙ ANNI OTTANTA E VIENE IGNORATA DAI PIÙ'' - VIDEO

viaggi

BEVI E GODI CON CRISTIANA LAURO - GIANFRANCO VISSANI SARA PAZZARIELLO QUANTO VI PARE, MA QUANDO SI METTE AI FORNELLI RESTA QUEL GRANDE CHEF CHE È SEMPRE STATO. ALLA FACCIA DEI FRANCESI CHE TRATTANO UNO DEI MONUMENTI DELLA TAVOLA ITALIANA (CASA VISSANI A BASCHI, TERNI) COME SE FOSSE UN BISTROT - AL GALA DINNER PER LA NUOVA GUIDA BIBENDA DELLA FONDAZIONE ITALIANA SOMMELIER DI FRANCO RICCI, VISSANI HA TIRATO FUORI SENSIBILITA E CORAGGIO, E UN RISOTTO IMPECCABILE PER OLTRE MILLE PERSONE

salute