OLIO DI RICINO? NO, DI CANFORA – LO STORICO LUCIANO CANFORA, CHE AVEVA DEFINITO GIORGIA MELONI “NEONAZISTA NELL’ANIMA”, RINVIATO A GIUDIZIO PER DIFFAMAZIONE AGGRAVATA -  IL PROCESSO COMINCERÀ IL 7 OTTOBRE DINANZI AL TRIBUNALE DI BARI – L’AVVOCATO DI CANFORA, MICHELE LAFORGIA (CHE CONTE VORREBBE CANDIDARE SINDACO A BARI) ANNUNCIA CHE LA MELONI SARÀ CHIAMATA A DEPORRE: “PROCESSO MOLTO INOPPORTUNO PERCHE’ C'È UN…” - LA PREMIER HA CHIESTO 20MILA EURO DI RISARCIMENTO

-

Condividi questo articolo


Diffamò Meloni',il filologo Canfora rinviato a giudizio

LUCIANO CANFORA LUCIANO CANFORA

(ANSA) - Il giudice Antonietta Guerra ha rinviato a giudizio il filologo e storico Luciano Canfora, imputato per diffamazione aggravata nei confronti della premier Giorgia Meloni.

 

I fatti risalgono all'11 aprile 2022, quando Meloni era parlamentare dell'opposizione e il presidente del Consiglio in carica era Mario Draghi. Canfora, invitato a parlare nel liceo scientifico 'Enrico Fermi' di Bari nell'ambito di un incontro sul conflitto russo-ucraino, definì Meloni "neonazista nell'anima", "una poveretta", "trattata come una mentecatta pericolosissima". Il processo comincerà il 7 ottobre dinanzi al giudice monocratico Pasquale Santoro

 

GIORGIA MELONI GIORGIA MELONI

La difesa di Canfora, 'Meloni sarà chiamata a deporre'

(ANSA) "La premier sarà sicuramente chiamata a deporre in aula". Lo ha detto Michele Laforgia, avvocato dello storico e filologo Luciano Canfora, al termine dell'udienza in cui il suo assistito è stato rinviato a giudizio per diffamazione aggravata nei confronti della presidente del Consiglio, Giorgia Meloni. Il processo inizierà il 7 ottobre davanti al giudice monocratico Pasquale Santoro.

 

"Nella nostra difesa era esplicito che, se avessimo dovuto approfondire il tema del 'neonazismo nell'animo' nel merito sarebbe stato necessario sentire la persona offesa dal reato", ha aggiunto, "e forse acquisire una massa importante di documenti biografici, bibliografici, autobiografici" che "vanno acquisiti in dibattimento, nel contraddittorio tra le parti". "Resto convinto - ha aggiunto Laforgia - che un processo per un giudizio politico per diffamazione non si possa fare e non si debba fare, e che sia molto inopportuno farlo quando dall'altra parte ci sia un potere dello Stato, perché il presidente del Consiglio è potere dello Stato".

MICHELE LAFORGIA MICHELE LAFORGIA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI