LA QUARANTENA DEI GIUSTI: GUIDA TV PER RECLUSI – VEDO UN BELLO SCONTRO TRA “IL DOLCE CORPO DI DEBORAH” DI ROMOLO GUERRIERI, PRIMO STORICO GIALLO SEXY DEL CINEMA ITALIANO E “IL GIOVANE KARL MARX”. SE NON SIETE NÉ MARXISTI NÉ THRILLERISTI VI PROPONGO “ESTATE ROMANA” DI MATTEO GARRONE – PER IL PUBBLICO PIÙ STRACULT NON PUÒ CHE ESSERE IL PORNO CARAIBICO “ORGASMO NERO” DI JOE D’AMATO – VIDEO

-

Condividi questo articolo



 

 

 

 

Marco Giusti per Dagospia

 

d.n.a. decisamente non adatti 1 d.n.a. decisamente non adatti 1

Che vediamo stasera? Se non volete spendere 7,99 euro per vedere su Sky in prima visione ”D.N.A. Decisamente Non Adatti” di Lillo e Greg con Anna Foglietta e Lallo Circosta, io lo farò, confesso, stasera in chiaro, dopo il ritorno di Nico Giraldi e Venticello, ma c’è anche Jimmy il fenomeno come Er puzza, in “Delitto in formula uno”, Cine 34 alle 19, 15, vedo un bello scontro alle 21 tra “Il dolce corpo di Deborah” di Romolo Guerrieri con Carroll Baker e Jean Sorel, Cine 34, primo storico giallo sexy del cinema italiano, con sceneggiatura di Ernesto Gastaldi e musica di Nora Orlandi, e il recentissimo e ben considerato “Il giovane Karl Marx” di Raoul Peck con August Diehl come Marx, Stefan Konarske come Engels e Vicky Krieps, Rai 3.

delitto in formula uno 1 delitto in formula uno 1

 

Certo, Marx e Engels contro Nico Giraldi e Venticello sarebbe stato un po’ troppo. Ma parliamo de “Il dolce corpo di Deborah”. Carroll Baker, ancora famosissima dopo “Il gigante”, “Baby Doll”, “Harlow”, era venuta in Italia per scappare dal suo produttore-padrone Joseph Levine e dopo che l’aver rifiutato troppi ruoli l’aveva bandita da Hollywood.

 

il dolce corpo di deborah il dolce corpo di deborah

Il primo film fu il curioso “L’harem” di Marco Ferreri, 60 mila dollari più il 50& degli incassi Usa, poi questo con Luciano Martino produttore e la regia di Romolo Guerrieri che la impose come stra del genere thriller sexy, poi sviluppato ancor di più con Umberto Lenzi alla regia. Se non siete né marxisti né thrilleristi vi propongo “Estate romana” di Matteo Garrone su Zelig tv alle 21, 30, il suo secondo film, tutto dedicato alle avanguardie teatrali degli anni ’70 con Rossella Or, Victor Cavallo.

 

 

 

pirati dei caraibi 5 la vendetta di salazar 1 pirati dei caraibi 5 la vendetta di salazar 1

Lo so, è un po’ duro. Meglio buttarsi su “Pirati dei Caraibi 5: La vendetta di Salazar” con Johnny Depp e Javier Bardem, Canale 5 alle 21, 20, o sul thriller d’autore “Gothika” di Matthieu Kassovitz in versione americana, Rai Movie alle 21, 10, con grande cast: Halle Berry, Robert Downey Jr, Penolope Cruz. Allora ci sembrò un disastro, magari oggi, con tutte le serie tv e i gialli tremende che ci vediamo, sarà migliorato.

estate romana 1 estate romana 1

 

Ho uno scarso ricordo persino di un film politicamente importante come “Detroit” di Kathryn Bigelow e del suo sceneggiatore Mark Boal, Rai 4 alle 21, 10, seria riflessione sulle violenze della polizia contro i neri oggi e ieri, negli anni ’60, girato subito dopo due capolavori come “The Hurt Locker” e “Zero Dark Thirty”.

 

kubo e la spada magica kubo e la spada magica

Ci sarebbero anche due thriller, massacrati a suo tempo dalla critica, “Fire with Fire” di David Barrett con Josh Duhamel, Rosario Dawson e Bruce Willis, Iris alle 21, e il forse più decoroso “No Escape – Colpo di stato” di Erick Dowde con Owen Wilson e Pierce Brosnan, Italia 1 alle 21, 30. Intorno alle 23 direi che il film da vedere per il pubblico più stracult non può che essere il porno caraibico “Orgasmo nero” di Joe D’Amato alias Aristide Massaccesi, Cine 34 alle 22, 55, definito dal suo regista “partito come soft e poi diventato hard”, con tanto di inserimenti erotici che sicuramente non vedrete stasera in tv e finale horror-cannibal. Nieves Navarro e Richard Harrison sono una coppia borghese in vacanza ai Caraibi, lei assatanata e lui scrittore non troppo dotato. Si scatenano con la la figlia adottiva di lui tutto sesso, Lucia Ramirez, senza sapere che lei oltre a scopare sa come usare le pratiche voodoo.

estate romana 2 estate romana 2

 

Uno dei migliori film porno di Joe D’Amato girato a Santo Domingo. Ci sono anche, per le scene hard, Mark Shannon alias Manlio Cersosimo e Annj Goren alias Anna Maria Napolitano. Imperdibile. Al pubblico meno interessato al porno-horror-voodoo movie posso proporre in alternativa lo stravagante, bizzarro e sfortunato “Eureka” di Nicolas Roeg, 7 Gold alle 23, con Gene Hackman, Theresa Russell, Mickey Rourke, Joe Pesci, Rutger Hauer, girato nel 1981 e fatto uscire dalla produzione cinque anni dopo. Ambientato nel 1945, in un’isola dei caraibi dove Gene Hackman miliardario dopo aver trovato l’oro nel Klondike (come capitò al vero Harry Oakes), vive da vent’anni assieme alla moglie e alla figlia, inseguito da un gangster come Joe Pesci (che fa un po’ il vero Meyer Lansky) e avventurieri di ogni tipo.

 

detroit kathryn bigelow detroit kathryn bigelow

Meno impegnativo, forse, il giallo d’autore “The Captive” del canadese Atom Egoyan con Ryan Reynolds e Rosario Dawson, Rai Movie alle 22, 50. Dopo la mezzanotte si può scegliere tra un Bruno Mattei d’annata, “Double Target”, Cine 34 alle 00, 15, sequel del war movie “Strike Commando” con Miles O’Keefe, Donald Pleasance e Bo Svenson, un bel dark thriller al femminile su Rai 2, “The Dead Girl” di Karen Moncrieff con Toni Colette, Piper Laurie, Rose Byrne,  lo spionistico super intellettuale “Turks & Caicos” di David Hare, Rete 4 alle 00, 45, con Bill Nighy, Helena Bonham Carter e Wynona Ryder e il grandioso “Il fiore delle Mille e una notte” di Pier Paolo Pasolini su Rai Movie alle 00, 45.

 

ergastolo 1 ergastolo 1

Mattei odiava il suo bel protagonista Miles O’Keefe, “Non era un uomo, non era una donna… non era niente, era solo preso dalla sua bellezza. Se dovevi sparare un colpo di fucile lui si metteva i tappi alle orecchie perché gli dava fastidio… Fortunatamente avevo Ottaviano Dell’Acqua che lo controfigurò in tutto il film”. Allegria! All’1,45 su Cine 34 parte “Ergastolo” di Luigi Capuano con Franco Interlenghi e Tina Pica e alle 2, 50 arriva anche “La dama rossa uccide sette volte” di Elio P. Miraglia con Barbara Bouchet e Marina Malfatti. Slurp.

 

eureka di nicolas roeg eureka di nicolas roeg

Durante il pomeriggio vi ricordo il bellissimo film animato “Kubo e la spada magica” di Travis Knight, RSI alle 15, 50, il rarissimo e poverissimo eurospy “Perry Grant agente di ferro” di Luigi Capuano, che si firma Lewis King (!), con Peter Holden, vero figlio di William Holden, nei panni di un agente segreto americano, Giacomo Rossi Stuart come suo braccio destro, Seyna Seyn come sua ambigua fidanzata, e la bellissima Marilù Tolo come segretaria, Cine 34 alle 15, 50.

 

sybil danning la dama rossa uccide sette volte sybil danning la dama rossa uccide sette volte

Ottima la critica: “Il film non solo è brutto e sciapo, ma è anche lentissimo, il che in lavori del genere è la peggiore jattura”. Peter Holden fece un altro film in Italia, “Piluk il timido”, un western dove muore nelle prime scene. E smise. Poco dopo arrivano un primissimo spaghetti western diretto da Primo Zeglio col nome Anthony Greepy, “I quattro inesorabili”, Rai Movie alle 16, con Adam West, il Batman televisivo, Robert Hundar alias Claudio Undari, Red Ross alias Renato Rossini e Roberto Camardiel, e Kirk Douglas alle prese, come attore e regista, col mito di Long John Silver, il pirata con la gamba di legno de “L’isola del tesoro” di Robert Louis Stevenson, nel curioso “Un magnifico ceffo da galera”, Rete 4 alle 16, 35, tutto girato in Jugolsavia con Mark Lester, Lesley Ann Down, Neville Brand e un giovanissimo Danny De Vito.

gothika 1 gothika 1

 

Dello spaghetti western di Zeglio, Robert Hundar, che faceva il cattivo, ricordava che il film venne girato tutto in Spagna “però si fingeva di fare gli interni in Italia. Si costruiva un ambiente fittizio, riproducendo quello iniziale spagnolo e si girava per finta per avere i soldi dello stato. Parecchia gente lo faceva. Del film non ho un buon ricordo. I soliti screzi tra produttore e regista.

 

la dama rossa uccide sette volte la dama rossa uccide sette volte

Adam West era simpaticissimo, non un divo, un compagno di lavoro, aveva appena finito di fare Batman in tv e stava tentando di fare un po’ di strada nel cinema”. Del secondo film, “Un magnifico ceffo da galera”, esordio alla regia di Kirk Douglas, fate attenzione alle presenze di un giovane Danny De Vito e del pappagallo, doppiato in inglese da Mel Blanc, voce di tutti i personaggi dei cartoon della Warner Bros.

perry grant agente di ferro 1 perry grant agente di ferro 1

 

Era un film piuttosto particolare, tutto girato nel Palazzo dello Sport di Milano (ora crollato) durante la Sei Giorni ciclistica, “La baraonda- Passioni popolari” di Florestano Vancini con Giuliano Gemma, Edy Angelillo e apparizioni degli allora sconosciuti Andrea Roncato, Guido Nicheli e Francesco Salvi, Cine 34 alle 17, 30.

il giovane karl marx il giovane karl marx

 

Dopo le 19 tornano Nico Giraldi e Venticello in “Delitto in formula uno” di Bruno Corbucci, Cine 34 alle 19, 15, con Tomas Milian, Bombolo, che conta tutti gli schiaffi che ha preso, 3396, la bionda Dagmar Lassander, la reginetta della musica del tempo Isabel Russinova, Maria Grazia Buccella cassiera bona che deve rispondere alla domanda di Nico “Ti piace dalla?”, Jimmy il Fenomeno arrestato dopo aver fatto le scorregge in autobus, non a caso è chiamato er puzza, Isaac George come cameriere alla “Drive In”, e ancora Vanni-Di Pinto-Donatone.Di Nardo e il piccolo Paco.

eureka nicolas roeg eureka nicolas roeg

 

orgasmo nero joe d'amato orgasmo nero joe d'amato

Se la vedrà con il bracardiano “Patrocloo!… e il soldato Camillone, grande grosso e frescone”, Rai Movie alle 19, 25, commedia militare diretta da Mariano Laurenti con Pippo Franco, Piero Vida, Pupo De Luca e Costanza Spada quando ancora non si chiamava Laura Troschel. Bracardi entra in scena ogni tanto e urla “Patroclooo!”. Il resto ve l’ho detto. 

ergastolo ergastolo orgasmo nero orgasmo nero double target double target d.n.a. decisamente non adatti d.n.a. decisamente non adatti piluk il timido piluk il timido sesso nero joe d'amato sesso nero joe d'amato detroit kathryn bigelow detroit kathryn bigelow

 

Condividi questo articolo



media e tv

LA VERSIONE DI MUGHINI - “E’ UN UOMO A MODO CHI CONTINUA A SCRIVERE AVENDO COME DIRETTORE MOLINARI (E COME “PADRONE” LA FIAT), OSSIA MICHELE SERRA, O CHI SALE CON “LE SCARPE ROTTE” SULLE MONTAGNE RAPPRESENTATE DALLE PAGINE DEL “FATTO”, OSSIA “IL PARTIGIANO” GAD LERNER? UNA CONTESA DA RIDERCI SOPRA SE NON FOSSE CHE È DA PIANGERCI SOPRA. TUTTI I GIORNALI HANNO DEI “PADRONI”, QUALE PIÙ E QUALE MENO LIBERALE DEGLI AGNELLI. “REPUBBLICA” DEVE TROVARE UN SUO RUOLO AL TEMPO IN CUI LA DIADE DESTRA/SINISTRA NON HA PIÙ SENSO. VERDELLI SI FACEVA UNA SUA IDEA DI QUESTO RUOLO, MOLINARI SE NE FA UN’ALTRA”

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute