1. SE UN UOMO HA TANTE DONNE È DON GIOVANNI. PERCHE' SE LO FA LA DONNA È UNA MIGNOTTA?
2. UNA DOMANDA RETORICA? ALLORA CHIEDETEVI PERCHÉ SENTIAMO LA NECESSITA' DI FARCELA
3. PER ROMPERE LA LOGICA DEI DUE PESI E DUE MISURE, IL REGISTA TEDDY ETIENNE HA REALIZZATO IL CORTO “DITES OUI”, IN GARA AL “MOBILE FILM FESTIVAL”: NELLE IMMAGINI UNA RAGAZZA È A LETTO CON DUE UOMINI, UN’ANZIANA È ABBRACCIATA A UN RAGAZZO E… - VIDEO

Condividi questo articolo

 

Da "it.mashable.com"

 

il corto 'dites oui' 1 il corto 'dites oui' 1

"Se di un uomo che va a letto con tante donne diciamo che è un Don Giovanni, un gran fico, allora perché pensiamo che una donna che fa sesso con tanti uomini sia una 'facile'?" Se la domanda vi suona retorica, banale e ridondante, chiedetevi perché sentiamo ancora il bisogno di farcela.

 

La verità è che ancora oggi applichiamo due pesi e due misure (come minimo!) quando si parla di libertà sessuale: nell'immaginario collettivo persiste una visione angelica (o demoniaca?) della donna come oggetto passivo di una "conquista" del maschio, mentre un arcaico subconscio comune insiste nel voler sminuire e ridicolizzarne il suo ruolo di soggetto attivo capace di scegliere, desiderare, lasciarsi andare in piena libertà.

il corto 'dites oui' 3 il corto 'dites oui' 3

Questa discriminazione si manifesta in modo subdolo e strisciante in molti aspetti della vita sociale, ma è quando si parla di sesso che cadono tutte le maschere e allora riemergono tutti quei pregiudizi primordiali e radicati.

 

Per rompere i codici e ricordare a tutti che il diritto di fare l'amore senza essere giudicati è universale, il regista Teddy Etienne ha realizzato il cortometraggio ''Dites Oui'' in gara nel Mobile Film Festival, un concorso internazionale che premia video di un minuto girati con uno smartphone.

il corto 'dites oui' 2 il corto 'dites oui' 2

"Una donna dovrebbe fare del proprio corpo ciò che vuole, senza che la società o la religione la reprimano, la giudichino e la insultino. Oggi chiediamo alle donne di dire sì alla loro libertà". Queste le parole del regista che ha voluto esprimere un'esigenza non più procrastinabile.

il corto 'dites oui' 4 il corto 'dites oui' 4 il corto 'dites oui' 5 il corto 'dites oui' 5

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

DINO VIOLA PER SEMPRE – 30 ANNI FA SE NE ANDAVA IL PRESIDENTE CHE HA FATTO GRANDE LA ROMA” (COPYRIGHT BRUNO CONTI) – CAGNUCCI: ("IL ROMANISTA"): “CI SONO UOMINI CHE VOTANO L'INTERA VITA A UNA CAUSA, VIOLA L'HA DEDICATA AL CLUB GIALLOROSSO. CI HA LITIGATO ANCHE, CI HA SOFFERTO. L'ACQUISTO DI MANFREDONIA FU UNA FERITA. COSÌ COME LE CESSIONI DI DI BARTOLOMEI, CEREZO, ANCELOTTI E LA QUERELLE LEGALE CON FALCAO. NON SOPPORTAVA CHE LA ROMA LA CHIAMASSERO ROMETTA…” – ECCO CHI C’ERA ALLA MESSA IN COMMEMORAZIONE DI VIOLA- FOTO+VIDEO

viaggi

salute