LA SINDROME DI FEDEZ - IL NEUROLOGO PARLA DEL RISCHIO DI SCLEROSI MULTIPLA DEL RAPPER - "MA IN 4 CASI SU DIECI LA MALATTIA NON ARRIVA'' - LA PERSONA INTERESSATA NON SI DEVE ALLARMARE. VANNO FATTI CONTROLLI ANNUALI PER ALMENO 5 ANNI - SELVAGGIA: ''SU INSTAGRAM VIAGGI. LUSSO, FESTE, AMICI VIP, MULINO BIANCO. NELLA VITA: MINACCE DI SCLEROSI, FIGLIO CON PROBLEMI DI SALUTE, LIVORI PERSONALI, AVVOCATI TRADITORI, AMICIZIE NAUFRAGATE. METTIAMO IL ''SEGUI'' A SEMPLICI NARRAZIONI''

Condividi questo articolo

 

 

 

 

 

Fedez a "La Confessione" di Peter Gomez: "Sono a rischio sclerosi multipla"

 

Michele Bocci per “la Repubblica”

 

fedez a la confessione di peter gomez fedez a la confessione di peter gomez

Il professor Giancarlo Comi coordina l' area neurologica dell' Istituto San Raffaele di Milano. È tra i maggiori esperti italiani di sclerosi multipla. Di che tipo di patologia si tratta?

«È una malattia infiammatoria del sistema nervoso centrale. Ne colpisce la sostanza bianca, cioè la mielina, è quindi detta demielinizzante».

 

Qual è il suo esordio?

«Nell' 85 per cento dei casi inizia con un episodio acuto, che porta il paziente a fare controlli. Nel resto dei casi si manifesta in maniera subdola. Questa forma si chiama primariamente progressiva, perché appunto progredisce in modo continuo e costante».

 

Come viene diagnosticata?

fedez a la confessione di peter gomez 3 fedez a la confessione di peter gomez 3

«Lo strumento fondamentale d' indagine è la risonanza magnetica, che ci fa vedere le strutture nervose danneggiate dalla malattia. Poi ci sono anche altri esami, come lo studio delle vie nervose centrali e quello del liquido spinale che ci dice se nell' organismo è in atto un processo infiammatorio».

 

Quanti sono i pazienti in Italia?

«Si stimano 120mila malati».

 

Come si manifesta?

«Ha un' estrema variabilità. Ci sono persone che conducono una vita normalissima e altre che a causa della forma progressiva hanno difficoltà motorie, di equilibrio e stabilità, che ovviamente interferiscono sulla qualità della vita.

 

fedez a la confessione di peter gomez 1 fedez a la confessione di peter gomez 1

Esistono farmaci per combatterla?

«Adesso ne abbiamo quasi 20 a disposizione. Questa è l' unica tra tutte le malattie neurodegenerative, come ad esempio la Sla, per la quale esistono medicinali efficaci a bloccarla o rallentarla. Ma prima ci si muove, meglio è».

 

Capita spesso che si scopra una demielinizzazione per caso?

«È una dinamica che conosciamo bene quella della scoperta di un reperto occasionale grazie a un esame fatto senza un sospetto specifico. La chiamiamo sindrome radiologicamente isolata, che può anche non portare allo sviluppo della malattia».

giancarlo comi giancarlo comi

 

Perché si chiama così?

«Perché c' è solo un aspetto radiologico, non associato ad una alterazione rilevabile sul piano clinico. Spesso appunto si tratta di una cosa del tutto irrilevante».

 

Quanto spesso?

«Su 100 casi del genere, dopo 5 anni circa il 45 per cento sviluppa la malattia. Dopo 10 anni la percentuale sale fino al 60-65 per cento. Agli altri non succede niente».

 

Come si segue questa condizione?

fedez a la confessione di peter gomez 7 fedez a la confessione di peter gomez 7 fedez paranoia airlines fedez paranoia airlines

«Vanno fatti controlli annuali per almeno 5 anni. La persona interessata non si deve allarmare. E poi se la malattia si manifesta è positivo averla scoperta in quel modo, perché si può mettere in atto un trattamento precoce, che può essere molto efficace».

fedez e chiara ferragni a venezia fedez e chiara ferragni a venezia fedez 7 fedez 7 fedez risponde a tiziano ferro fedez risponde a tiziano ferro fedez fedez fedez a la confessione di peter gomez. 2 fedez a la confessione di peter gomez. 2

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute