TI SEI ROTTO LE PALLE DI PERDERE LA SERATA A SCEGLIERE COSA VEDERE? ARRIVA LA TV CHE DECIDE AL TUO POSTO – SKY HA PRESENTATO LA SUA PRIMA TV, SKY GLASS, CHE SI COMANDA CON LA VOCE E HA UN ALGORITMO CHE METTE ORDINE TRA LE DECINE DI MIGLIAIA DI PROPOSTE DI RAIPLAY, GOOGLE TV, NETFLIX, DISNEY+, PRIME – ALLA SERATA EVENTO PRESENTATA DA VICTORIA CABELLO I NUOVI E VECCHI GIUDICI DI “X FACTOR”, I VOLTI DI “SKY SPORT”, UNA SCOSCIATISSIMA MARTINA COLOMBARI E UNA CASTIGATA MELISSA SATTA… – FOTO E VIDEO

-

Condividi questo articolo


1 – SKY GLASS, GLI OSPITI SUL RED CARPET DEL PARTY DI PRESENTAZIONE

Da https://tg24.sky.it

 

cabello e duilio cabello e duilio

Ieri a Milano, presso il Superstudio Maxi, si è svolta una serata-evento per celebrare l’arrivo di Sky Glass, la prima TV di Sky. Oltre 600 gli ospiti presenti, tra cui tanti volti noti del mondo dell’intrattenimento, dello sport e del lifestyle. Sul palco un momento di show introduttivo con l’Amministratore Delegato di Sky Italia Andrea Duilio e con la partecipazione di Victoria Cabello, anche vincitrice dell’ultima edizione di Pechino Express.

 

2 – SKY LANCIA IL SUO TELEVISORE NIENTE PARABOLA NÉ DECODER, SI COMANDA CON LA VOCE

Massimo Sideri per il “Corriere della Sera”

 

varetto varetto

Come sempre la libertà di scelta comporta anche problemi: la fine del dominio assoluto del palinsesto, con l'arrivo di decine di piattaforme con film, documenti e serie in streaming, ha permesso di scegliere il cosa, il dove e il quando.

 

Durante il lockdown è stata per molti una salvezza. Ma l'effetto bulimico è simile a quello che nell'informazione si chiama infodemia: il troppo crea caos. Anche fastidio. Abbiamo l'offerta televisiva più vasta che la tv online sia mai stata capace di veicolare ma allo stesso tempo non sappiamo dove cercare. «Talvolta passiamo più tempo a cercare il film che a vederlo» ha sintetizzato Andrea Duilio, amministratore delegato di Sky Italia.

È lo zapping tra piattaforme più che tra canali. Un'evoluzione dell'esercizio fantozziano di fronte al telecomando.

 

Per questo Sky ha creato un algoritmo proprietario per mettere ordine proponendosi come una porta di accesso a tutti, RaiPlay, Google Tv, Netflix, Disney+, Prime.

 

sport sport

La promessa è cercare il film una volta sola per vederlo quale che sia la fonte dei diritti (a patto, chiaramente, di avere l'offerta giusta che permetta di accedere a quella piattaforma).

In questo Sky, che ieri ha ufficialmente lanciato la soluzione Sky Glass in Italia dopo averla testata negli ultimi mesi in Gran Bretagna, guarda agli Over The Top televisivi, cercando di bypassare con il proprio prodotto tv 4K il software Android.

 

Lo si vede anche nella possibilità di comandare Sky Glass con la voce: l'input di accensione «Ciao Sky» ricorda molto l'«Hey Siri» noto ai clienti dell'iPhone e anche al primo «Ok Google» con cui si parlava con gli occhiali Google Glass.

 

melissa satta melissa satta

Di fatto Sky Tv diventa per la prima volta e con un gioco di parole anche la tv Sky, un prodotto in realtà di TPVision, un ex ramo della Philips, dove il decoder è integrato. «Una sola tv, un solo filo nel vostro salotto» ha raccontato Duilio.

 

E la fine dei fili aggrovigliati intorno alla tv è senz' altro un'innovazione che molti aspettano. La scelta del prodotto per fidelizzare i clienti abbonati Sky ricorda il modello Kindle: una volta dentro si rimane su una piattaforma aperta che permette di accedere anche alle offerte dei potenziali concorrenti, come Netflix, ma sempre da clienti Sky.

 

Così per capire l'entusiasmo dietro al lancio bisogna scendere più a fondo e vedere il modello di business che il prodotto nasconde dietro l'algoritmo di aggregazione. Per funzionare la soluzione deve portarsi dietro diversi accordi commerciali.

 

martina socrate martina socrate

Sky punta a diventare la porta di accesso anche degli over the top. Può permetterselo, anche se può sembrare una contraddizione dare spazio ai concorrenti, grazie al proprio modello di business che unisce il pagamento dell'abbonamento classico della pay tv a un'ulteriore fonte di introito che fino a poco tempo fa sarebbe stata vissuta con fastidio dal cliente pagante: la pubblicità. Come ha ricordato Sarah Varetto, executive vice president di Sky, quando c'erano pochi canali Sky ha portato la ricchezza dell'offerta. Ora prova a mettere ordine nel post-palinsesto.

giulia valentina giulia valentina

 

bobbi e vanzini bobbi e vanzini hell raton hell raton guido meda guido meda giulia salemi giulia salemi francesca michielin francesca michielin fabio caressa fabio caressa esterno entrata esterno entrata stefano de grandis stefano de grandis sport 2 sport 2 viola viola the show the show marella paola marella paola sport 3 sport 3 mara maionchi mara maionchi spingarti spingarti rkomi rkomi presello presello pinna pinna paola di benedetto paola di benedetto paola turani paola turani meda, caressa, ferri meda, caressa, ferri massari iginio massari iginio cartolano cartolano martina colombari martina colombari di marzio di marzio lodi lodi interno palco interno palco alberto naska alberto naska billo billo cambiasso cambiasso bendicenti bendicenti capello capello costa curta costa curta costantino costantino dargen d amico dargen d amico federica masolin federica masolin giulia valentina 2 giulia valentina 2

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

“A LETTO VANNO BENE LE COCCOLE, MA NON SOLO QUELLE. CONTA QUALITÀ E QUANTITÀ” – L’INTERVISTA BOMBASTICA AD ANTONELLA CLERICI CHE NELL'INTIMITA’ VUOLE “UNA CERTA DOSE DI TRASGRESSIONE" - A 58 ANNI LA CONDUTTRICE NON HA PERSO LA PASSIONE E SOTTO LE COPERTE SI VUOLE DIVERTIRE: "MAGARI NON TUTTI I GIORNI COME UN TEMPO MA COME SI DEVE” – “LA PRIMA VOLTA DAL CHIRURGO ESTETICO? A 40 ANNI, MA NON CI VADO PIÙ DI DUE VOLTE L’ANNO. NON VOGLIO TRASFORMARMI, VEDO CERTE BOCCHE IN GIRO, MAMMMA MIA…”

politica

business

cronache

sport

DAGO RETROSCENA - DA TEMPO JOHN ELKANN AVEVA PROVATO A FAR CAPIRE AL CUGINO ANDREA (E ALLA MADRE ALLEGRA) CHE IL CAPOLINEA ERA ARRIVATO CON L’INDAGINE DELLA PROCURA DI TORINO: DIMETTITI, CORRI IL RISCHIO DI ESSERE ARRESTATO. IL NIPOTE DELL’AVVOCATO NON POTEVA CREDERCI: IO SONO UN AGNELLI… - POI, VIA PROCURA, TUTTO È PRECIPITATO. NON ERA INFATTI IERI LA GIORNATA GIUSTA, LE DIMISSIONI DOVEVANO AVVENIRE DOPO I MONDIALI. LA SCELTA DI SCANAVINO NE È LA PROVA: UNA SOLUZIONE TEMPORANEA VISTO CHE L’ALTER EGO DI ELKANN È STRAIMPEGNATO CON LA GEDI

cafonal

CAFONALISSIMO! GOVERNO MELONI ALL'OPERA – L'EMOZIONANTE PRIMA DI “DIALOGHI DELLE CARMELITANE”, REGIA DI EMMA DANTE, CON IL PALCO REALE OCCUPATO DA SANGIULIANO ASSEDIATO DI LINGUE BIFORCUTE, CASELLATI, SGARBI, MOLLICONE - GUALTIERI È FILATO VIA ALLA FINE DEL PRIMO ATTO PER NON PERDERE L'AEREO PER BRUXELLES - IL SIPARIETTO TRA IL NEOSENATORE LOTITO E L’ASSESSORE ONORATO (FLAMINIO CI COVA?) – E POI LETTA, GRILLI, PADOAN, PALERMO, MASI, SEVERINO, NASTASI, AUGIAS, GOTOR, JERVOLINO, DAGO LEOPARDATO, LUCCI CHE SI BECCA DEL “BASTARDO” E DUE DIPENDENTI DEL TEATRO CHE DENUNCIANO: “QUI SI RUBANO LE PALLINE DELL’ALBERO DI NATALE!” – FOTO BY DI BACCO

viaggi

salute