LA VENEZIA DEI GIUSTI - I CRITICI USCITI DALLA PROIEZIONE DELL’OSCURO FILM IRANIANO “SHAB, DAKELI, DIVAR” (“OLTRE IL MURO”), OPERA TERZA SCRITTA E DIRETTA DA VAHID JALILVAND, RIVELAVANO CANDIDAMENTE DI NON AVERCI CAPITO MOLTO NÉ DELLA TRAMA NÉ DEI SUOI SIGNIFICATI POLITICI - LA SITUAZIONE INIZIALE PROCEDE SU UN PIANO CHE NON RIUSCIAMO A CAPIRE SE È PRESENTE O PASSATO - INUTILMENTE COMPLICATO, UN PO’ FUMOSO, IL FILM NON HA TROVATO UN PUBBLICO IN GRADO DI SFORZARSI PIÙ DI TANTO PER COMPRENDERE IL RACCONTO DISTORTO DEL REGISTA. SPERIAMO CHE I GIURATI CI CAPISCANO DI PIÙ… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


shab, dakeli, divar 9 shab, dakeli, divar 9

Marco Giusti per Dagospia 

 

Ormai stremati dai troppi film visti, malgrado gli applausi finali che ormai premiano qualsiasi film (si esagera davvero), i critici usciti dalla proiezione dell’oscuro film iraniano, “Shab, Dakeli, Divar” (“Oltre il muro”), opera terza scritta e diretta da Vahid Jalilvand, rivelavano candidamente di non averci capito molto Né della trama né dei suoi significati politici.

 

shab, dakeli, divar 2 shab, dakeli, divar 2

Una sorta di prigioniero, Navid Mohammadzadeh, già vincitore come miglior attore della sezione Orizzonti 2017 col precedente film dello stesso regista, “No Date, No Signature”, o forse abitante di una casa alquanto spoglia che, oltre a essere praticamente cieco, cerca di uccidersi con un sacchetto di plastica in testa, viene interrotto in questa simpatica operazione dal portiere e dalla polizia che cerca una donna che si è rifugiata nel suo palazzo. L’ha vista? No. E’ cieco. La donna invece, Dayana Habibi, si è nascosta proprio a casa sua, in fuga dopo una retata della polizia che aveva fermato lei e altri scioperanti e chiusa su un furgone che si è cappottato.

shab, dakeli, divar 7 shab, dakeli, divar 7

 

A questo punto parte una interminabile situazione di sogno/metafora/realtà tra l’uomo chiuso in casa e la donna in fuga, mentre arrivano lettere da sotto la porta di una donna che seguita a ringraziarlo per quello che ha fatto. Ma le situazioni, i dialoghi e i flash back, ammesso che siano reali flashback, tendono a ripetersi mentre le riprese di una telecamera di sorveglianza ci mostrano che l’uomo è del tutto solo in quella che sembra niente altro che una prigione.

 

shab, dakeli, divar 8 shab, dakeli, divar 8

Ma la situazione iniziale procede su un piano che non riusciamo a capire se è un presente o un passato, come si delinea con sempre maggior nitidezza il flashback che vede la donna in fuga. Inutilmente complicato, un po’ fumoso, il film non ha trovato un pubblico in grado di sforzarsi più di tanto per comprendere il racconto distorto del regista. Speriamo che i giurati ci capiscano di più.

shab, dakeli, divar 10 shab, dakeli, divar 10 shab, dakeli, divar 4 shab, dakeli, divar 4 shab, dakeli, divar 3 shab, dakeli, divar 3 shab, dakeli, divar 6 shab, dakeli, divar 6

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

NON C'E “DOMANI” PER LA MELONI - NON C'E' SOLO IL BUBBONE SU COME DISINNESCARE SALVINI: SA CHE GLI ALLEATI AMERICANI NON VOGLIONO FILORUSSI NEL GOVERNO. FITTIPALDI SVELA IL CASO CROSETTO: L'IRA DELLA DUCETTA PER LA SUA INTERVISTA A "AVVENIRE", E PURE IL FATTO CHE, COME PRESIDENTE DEGLI ARMIERI DELL’AIAD, POSSA PASSARE PER UNA SORTA DI “MARCO CARRAI DELLA MELONI”. CREANDOLE PROBLEMI DI POSSIBILI CONFLITTI D’INTERESSI - ANCORA: IN SENATO LA MAGGIORANZA DEL CENTRODESTRA È DI SOLI 11 SENATORI, E DUNQUE POCHISSIMI DI LORO POTRANNO FARE I MINISTRI O I SOTTOSEGRETARI, PERCHÉ POI IN AULA O NELLE COMMISSIONI IL RISCHIO DI ANDARE SOTTO NELLE VOTAZIONI SAREBBE ALL’ORDINE DEL GIORNO - RISIKO NOMINE: BELLONI, RONZULLI, LA RUSSA, URSO, SINISCALCO, PANETTA....

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

“ORA IL COVID È PARAGONABILE ALL'INFLUENZA" - MATTEO BASSETTI: “DUE ANNI FA NON AVEVAMO IN CIRCOLAZIONE UN ANTICORPO. OGGI È CAMBIATO IL GRADO DI PROTEZIONE DELLA COLLETTIVITÀ: IL 100% DELLA POPOLAZIONE È ORMAI PROTETTO, O DALLA VACCINAZIONE, O DALLA MALATTIA OPPURE DA ENTRAMBE LE COSE. DOBBIAMO PROTEGGERE SOLO LE CATEGORIE PIÙ A RISCHIO. SOLO AI FRAGILI E AGLI ANZIANI RACCOMANDATO L'USO DELLA MASCHERINA, SUI TRASPORTI E ANCHE AL SUPERMERCATO” - IO MINISTRO? NON MI HA CHIAMATO. SE LO FARÀ, VEDREMO…”