M'HANNO RIMASTO MAS-SOLO! "SIAMO STATI SPIANATI. GLI STATI HANNO SCELTO IL METODO DEL MERCANTILISMO, NON LA DEMOCRAZIA" – GIAMPIERO MASSOLO, PRESIDENTE DEL COMITATO PROMOTORE DI ROMA EXPO 2030, È FURIOSO PER LA BATOSTA PRESA DALLA CAPITALE: "CI SIAMO TROVATI DI FRONTE A VOLUMI DI INVESTIMENTI FUORI PORTATA (DA PARTE DI RIAD, NDR). VOGLIAMO SUPPORTARE QUESTA DERIVA? SPECIE QUANDO SI PARLERÀ DEI SEGGI NON PERMANENTI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA DELL’ONU?" - "LASCIA PERPLESSI IL COMPORTAMENTO DEI PAESI EUROPEI..."

-

Condividi questo articolo


 

Estratto dell’articolo di Lorenzo D’Albergo di www.repubblica.it

 

giampiero massolo giampiero massolo

Il piglio è il solito. Calmo, ma deciso. Difficile, però, nascondere la delusione. La rabbia. Sono passati pochi minuti dalla vittoria di Riad e l’ambasciatore Giampiero Massolo, presidente del Comitato promotore di Roma Expo 2030, ci rimugina in una stanzetta riunioni al quarto piano del palazzo dei congressi di Issy. Il diplomatico è tranchant: «I due terzi dei Paesi del Bureau international des Expositions ha scelto il metodo mercantilistico».

 

Ambasciatore, resta una sconfitta pesante nei numeri. Solo 17 preferenze per Roma.

«Vorrei essere molto chiaro. Abbiamo combattuto sulla base di un progetto riconosciuto come il migliore dal punto di vista della declinazione tematica e urbanistica, dal punto di vista del contributo alla città. Il progetto era condiviso con Comune, Regione e governo. Con la società civile, l’opinione pubblica, le aziende, le università. Il nostro metodo è piaciuto ai Paesi».

expo 2030 rappresentanti riad arabia saudita expo 2030 rappresentanti riad arabia saudita

 

E poi?

«Nel corso della campagna ci siamo trovati più volte davanti a Stati che si erano impegnati con il competitor (Riad, ndr) sin dal 2020, quando non c’era una candidatura. Quando non c’erano progetti da valutare. Allora mi chiedo: il voto si dà sui contenuti o sui possibili investimenti in palio? Ha vinto la linea transazionale. Non quella transnazionale».

 

Un metodo che ha fatto festeggiare Riad.

«Ma che non sarà mai proprio di una democrazia europea. Ci siamo trovati di fronte a volumi di investimenti fuori portata. Vogliamo supportare questa deriva? Bisogna chiedercelo, specie quando si parlerà dei seggi non permanenti del Consiglio di sicurezza dell’Onu. Quella per Expo è una competizione minore in confronto. Spero che un esito così strabocchevole possa far pensare un po’ tutti».

massolo x massolo x

 

La giornata era partita con la voce che assegnava 50 voti, se non di più, per Roma. Alla fine la Capitale ne ha raccolti solo 17. Insomma, i numeri non tornano.

«No, non tornano. Ne abbiamo parlato con i coreani anche oggi (ieri, ndr) prima della votazione. Neanche loro si aspettavano un risultato di questo genere. Siamo stati spianati».

 

Le preferenze si sono spostate all’ultimo minuto o chi ha promesso il voto a Roma in realtà aveva già altri accordi?

«Temo che ci sia stato un doppio gioco, tanto nel pregresso che in extremis. Non è confortante per il futuro».

 

discorso di Giorgia Meloni per la candidatura di Roma a expo 2030 discorso di Giorgia Meloni per la candidatura di Roma a expo 2030

Parlava di Unione europea. Aveva promesso il suo supporto a Roma. Poi i singoli Paesi hanno fatto scelte diverse.

«Sì, l’Unione ci ha sostenuto. Lascia perplessi il comportamento di molti Paesi europei. Si fa un gran parlare della soggettività dell’Unione europea a livello internazionale. Ma se ci si divide su una cosa secondaria come Expo, come si fa a restare uniti in altre occasioni. Non c’è candidatura che veda l’Europa tutta sullo stesso fronte».

 

[…] Alla fine hanno votato solo 165 Paesi. Come se lo spiega?

«Alcuni non devono essersela sentita di scegliere e quindi non sono proprio venuti. Gli altri hanno scelto il metodo mercantilistico». […]

gualtieri meloni expo 2030 gualtieri meloni expo 2030 giampiero massolo giampiero massolo massolo giampiero massolo giampiero ROMA EXPO 2030 - IL LOGO DELLA CANDIDATURA ROMA EXPO 2030 - IL LOGO DELLA CANDIDATURA EXPO 2030 - CITTA CANDIDATE E TAPPE EXPO 2030 - CITTA CANDIDATE E TAPPE expo 2030 roma tor vergata 3 expo 2030 roma tor vergata 3 EXPO ROMA 2030 EXPO ROMA 2030 BUSAN 2030 EXPO BUSAN 2030 EXPO

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGONEWS – COME MAI IL NUOVO ROMANZO DI CHIARA VALERIO, “CHI DICE E CHI TACE”, È STATO PUBBLICATO DA SELLERIO E NON, COME I PRECEDENTI, DA EINAUDI? SCREZI? LITI? MACCHÉ: È TUTTA UNA STRATEGIA PER VINCERE IL CAMPIELLO, PREMIO LAGUNARE PRESIEDUTO DA WALTER VELTRONI – LA VALERIO, SCRITTRICE CON LA PASSIONE PER LE SUPERCAZZOLE (E L’AGLIO, OLIO E PEPERONCINO), È UNA DELLE FIRME PIÙ AMATE DA ELLY SCHLEIN: SE VINCESSE IL CAMPIELLO, SAREBBE UNA FESTA GRANDE PER UOLTER E PER LA SEGRETARIA MULTIGENDER…

SCOOP! GAME OVER FRA CHIARA FERRAGNI E FEDEZ. IL RAPPER, DOMENICA SCORSA, SE NE È ANDATO DI CASA E NON È PIÙ TORNATO. DAL SANREMO DELL’ANNO SCORSO, LA STORIA D’AMORE TRA I DUE S’ERA INCRINATA MA L’INFLUENCER AVEVA RIMANDATO QUALSIASI DECISIONE PER STARE VICINA AL MARITO MALATO. NEL MOMENTO IN CUI LEI SI È TROVATA IN DIFFICOLTÀ, INVECE, FEDEZ SI È MOSTRATO MENO GENEROSO, RINFACCIANDOLE CHE I SUOI PROBLEMI GIUDIZIARI AVESSERO EFFETTI NEGATIVI ANCHE SUI SUOI AFFARI - COSI' FINISCE L'EPOPEA DEI "FERRAGNEZ"

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO