ALESSIA PIFFERI HA RIVELATO AGLI AVVOCATI CHI È IL PADRE DI DIANA, LA BIMBA DI 18 MESI CHE HA ABBANDONATO E FATTO MORIRE DI STENTI – È UN ITALIANO CON CUI AVEVA AVUTO UN RAPPORTO OCCASIONALE E CHE NON HA MAI SAPUTO NULLA DELLA GRAVIDANZA – LA DONNA AVEVA TENUTO NASCOSTA L'IDENTITA' DELL'UOMO PERCHÈ NON VOLEVA COMPROMETTERE LA RELAZIONE CON IL COMPAGNO…

-

Condividi questo articolo


Pierpaolo Lio per www.corriere.it

 

alessia pifferi alessia pifferi

Aveva detto di non sapere neppure di essere incinta. E in alcune occasioni aveva anche negato di sapere quale fosse l’identità del padre biologico di Diana, la piccola di 18 mesi, morta di stenti dopo essere stata lasciata sola in casa per quasi una settimana. Alessia Pifferi, la madre 36enne accusata del suo omicidio, mercoledì mattina, durante un nuovo colloquio in carcere, ha invece confessato ai suoi avvocati Luca D’Auria e Solange Marchignoli di conoscerne l’identità.

 

L’uomo in questione, un italiano che la donna avrebbe conosciuto in maniera estemporanea, non saprebbe di essere il padre della bimba. In quei mesi Alessia Pifferi avrebbe tentato di tenere nascosta la sua gravidanza, prima, e il nome del padre, poi, per evitare di mettere a repentaglio la relazione che in quel periodo stava riallacciando con il compagno, un 58enne di Leffe (Bergamo), e per sottrarsi al giudizio dei suoi familiari.

 

alessia pifferi 2 alessia pifferi 2

Durante il colloquio con i suoi legali, la donna è tornata poi a negare con forza l’ipotesi che abbia mai somministrato tranquillanti alla piccola Diana, prima di abbandonarla per quasi una settimana nel lettino all’interno dell’appartamento della casa di corte di via Parea, nel quartiere Ponte Lambro di Milano.

 

In attesa che si svolgano gli esami tossicologici sui reperti sequestrati nel bilocale – tra cui il biberon che la donna aveva lasciato alla bambina – prosegue il lavoro di analisi degli investigatori della squadra mobile sulle chat contenute nel telefonino della 36enne per individuare eventuali elementi utili a ricostruire i 18 mesi di vita della bambina.

 

funerali di diana pifferi 2 funerali di diana pifferi 2

Durante questo lavoro sui dati finora non era uscito alcun elemento che potesse invece portare a individuare il possibile padre di Diana. Non appena saranno messi a conoscenza delle sue generalità, gli investigatori sono pronti a rintracciare e ascoltare l’uomo.

funerali di diana pifferi 5 funerali di diana pifferi 5 la nonna di diana pifferi 3 la nonna di diana pifferi 3 la nonna di diana pifferi 5 la nonna di diana pifferi 5 la nonna di diana pifferi 2 la nonna di diana pifferi 2

 

Condividi questo articolo

media e tv

MYRTA MERLINO, CHE CARATTERINO: FA INCAZZARE TUTTI QUELLI CHE LAVORANO CON LEI – IL DURISSIMO COMUNICATO SINDACALE CONTRO LA CONDUTTRICE: “HA COMPORTAMENTI INCIVILI E MALEDUCATI; INFLUENZA LA POSSIBILITÀ DI PROLUNGARE CONTRATTI DI PERSONALE SPECIALIZZATO CHE LAVORA PROFESSIONALMENTE NELLA NOSTRA AZIENDA E CONDIZIONA LE TURNAZIONI DEL PERSONALE INTERNO CON MOTIVAZIONI CHE NON POSSONO ESSERE CONSIDERATE NÉ DI TIPO PROFESSIONALE E NÉ DI TIPO ETICO” – CHI HA LAVORATO CON LEI SNOCCIOLA RICORDI VELENOSI, DAL LANCIO DI UNO SGABELLO AGLI ASSISTENTI DI STUDIO “USATI” PER PRENOTARE LA CERETTA – E C’E’ CHI LE SPALMA LA CREMA AI PIEDI…

politica

DAGOREPORT! - NELLA GIUNGLA DEI SONDAGGI, QUELLO CHE È CERTO È CHE IL CARROCCIO NON TIRA AL NORD COME UNA VOLTA E OGGI SALVINI HA IL SUO BACINO DI CONSENSI NEL CENTROSUD, ABBANDONATO DALLA VECCHIA LEGA DI ZAIA E FEDRIGA - L’ATTIVISMO SFRENATO DEL CAPITONE, CHE TANTO IRRITA SIA LA MELONI CHE IL QUIRINALE, È MOTIVATO DALLA SFIDA CHE VEDE CONTRAPPOSTI ATTILIO FONTANA E LETIZIA MORATTI. L’EROE DEL PAPEETE SA BENISSIMO CHE SE PERDE LA LOMBARDIA, E’ FINITO. IN SOCCORSO DI SALVINI, È SPUNTATO IL MINORINO MAJORINO, APICE DEL TAFAZZISMO DEL PD….

business

cronache

sport

cafonal

CAFONALISSIMO NO "PUBLISPEI" NO PARTY! – PER FESTEGGIARE I 50 ANNI DELLA CASA DI PRODUZIONE, FESTONE NEL CAFÉ DI VIA DELLA CONCILIAZIONE A ROMA – CON LINO BANFI, SCORTATO DALLA FIGLIA ROSANNA E DA ELEONORA GIORGI, C'ERA IL TRIO DI TESTE D'ARGENTO CHRISTIAN DE SICA, GIULIO SCARPATI E NINETTO DAVOLI – E POI ARISA CON UN “PAGLIA E FIENO” CHE SI FA A MIAMI DI VERDONIANA MEMORIA E UN INGELATINATO EDOARDO PESCE CON I CALLI SULLE MANI (È TORNATO AL PUB DI SAN LORENZO O FA SOLO BOXE?)

viaggi

salute