IL CARCERE NON RIEDUCA: CHI CI FINISCE O S’AMMAZZA O TORNA A DELINQUERE - DEI 54MILA DETENUTI OGGI IN ITALIA ALMENO UN TERZO, 18MILA, AVREBBE BISOGNO DI ESSERE TRASFERITO IN CENTRI DI RECUPERO PER TOSSICODIPENDENTI O IN CENTRI PSICHIATRICI - E INVECE SONO CHIUSI NELLE CELLE IN ATTESA CHE LA LORO PENA SCENDA SOTTO I QUATTRO ANNI PERCHE’ LA VALUTAZIONE SI BASA SULLA PENA E SULLA CONDOTTA, NON SULLA NECESSITÀ - LA RECIDIVA REALE È AL 90%: CHI ESCE DELINQUE PIÙ DI PRIMA…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Federica Angeli per “la Repubblica”

 

carecre carecre

[…] Al 10 di agosto, su 54.000 detenuti, 49 si sono tolti la vita: venti volte di più rispetto alla media esterna. Un mese fa è toccato a una trentenne nel braccio femminile di Rebibbia, madre di due bambine […] tossicodipendente con doppia diagnosi, sia psichiatrica che di consumi. Non ha retto, le misure alternative non sono state trovate per lei e si è suicidata in infermeria dove era ricoverata.

 

carcere carcere

[…]sono i numeri a spiegare la disumanità del sistema carcerario che sembra non avere più la sua missione iniziale ovvero […] "vigilando redimere". «A fronte dei 54mila detenuti oggi in Italia […] almeno un terzo, 18mila, avrebbe bisogno di essere trasferito in centri di recupero per tossicodipendenti o in centri psichiatrici». E invece sono chiusi nelle celle in attesa che la loro pena scenda sotto i quattro anni.

 

carcere di regina coeli 3 carcere di regina coeli 3

[…] «La valutazione si basa sulla pena e sulla condotta, non sulla necessità - spiega Gabriella Stramaccioni, garante dei detenuti di Roma - Devi avere una pena al di sotto dei 4 anni per andare in comunità terapeutica, ed è molto raro che ciò avvenga […]».

 

E via con altri numeri. «Sa quante sono oggi le persone detenute che si trovano in carcere con una pena inflitta di un anno? […] Sono 1.344. E sa quante sono quelle con una pena residua da scontare di un anno? 7.067. Il carcere è diventato una discarica indifferenziata. La recidiva reale è al 90%: chi esce delinque più di prima. In termini di costi indiretti (i soli costi diretti sono 4 miliardi) non sappiamo quanti miliardi si spendono, cifre astronomiche».

Minori in carcere Minori in carcere

 

[…] ci sono un educatore e un magistrato ogni 200 detenuti, alcuni attendono 6-7 mesi per un colloquio. Quanto ai direttori d i carceri ne mancano 200 su 500 totali: il concorso è stato fatto da poco e non prima della fine del 2023 entreranno in servizio […]

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA