CHE COSA DEVE ASPETTARSI IL PRINCIPE ANDREA DAL PROCESSO NEGLI STATES? IL FIGLIO DELLA REGINA NON GODE DI IMMUNITA' DIPLOMATICA, MA NON RISCHIA DI ESSERE ESTRADATO: IL RICORSO E' CIVILE E NON PENALE - DI CERTO NON POTRA' TORNARE NEGLI STATI UNITI DOVE LO ASPETTANO PER TESTIMONIARE E...

-

Condividi questo articolo


Dagotraduzione dal Daily Mail

 

Il principe Andrea Il principe Andrea

Secondo esperti legali, il principe Andrea non può essere estradato negli Stati Uniti per la nuova causa intentata da Virginia Roberts, già vittima di Jeffrey Epstein. Il figlio 61enne della regina è stato citato in giudizio a New York dalla signora Roberts, che sostiene di essere stata portata nel Regno Unito dal finanziere pedofilo Epstein per fare sesso con il duca di York.

 

La donna ha chiesto danni «significativi» al principe, sostenendo di essere stata aggredita sessualmente da lui, all'età di 17 anni, a New York e a Londra nel 2001.    Oggi è stato rivelato che, a differenza di sua madre, il principe Andrea non ha l'immunità diplomatica, che è riservata alla regina e al suo nucleo familiare.

 

Il principe Andrea con Virginia Roberts Il principe Andrea con Virginia Roberts

Significa che l'anziano reale può essere portato davanti a un tribunale se mette piede negli Stati Uniti o in uno dei suoi territori, e a quel punto un tribunale potrebbe obbligarlo a testimoniare. Ma gli esperti legali affermano che ciò accadrà solo se il principe Andrea, che ha sempre negato le affermazioni della signora Roberts, andrà volontariamente negli Stati Uniti.

 

Questo perché la Roberts ha intentato una causa civile, e non una penale, il che impedisce la sua estradizione. Edward Grange, esperto di estradizione e partner di Corker Binning, ha dichiarato a MailOnline: «In breve, l'estradizione non può aver luogo finché il caso rimane all'interno della giurisdizione civile. Il principe Andrea sarebbe a rischio di estradizione solo se fosse accusato di un reato penale negli Stati Uniti che comporta una pena detentiva di 12 mesi o più». 

 

Il principe Andrea Il principe Andrea

«Anche in questo caso, si potrebbe certo presentare richiesta di estradizione al Regno Unito, ma bisognerebbe riflettere attentamente sull’opportunità di un simile gesto, una mossa molto audace per via degli indubbi malesseri diplomatici tra le due giurisdizioni».

 

Il principe Carlo, la regina e il principe Andrea Il principe Carlo, la regina e il principe Andrea

Ad ogni modo Grange ha spiegato che se gli Stati Uniti presentassero richiesta di estradizione, non ci sarebbero motivi ostativi a dargli seguito. Il ricorso presentato dalla Roberts è il primo che porta in tribunale il principe Andrea.

Virginia Roberts Virginia Roberts Il ricorso di Virginia Roberts Il ricorso di Virginia Roberts

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute