CHER BATTE CASSA - LA CANTANTE HA FATTO CAUSA ALLA VEDOVA DEL SUO EX MARITO, SONNY BONO, CHIEDENDO INDIETRO UN MILIONE DI DOLLARI - LA DONNA AVREBBE INCASSATO ILLEGITTIMAMENTE I DIRITTI D'AUTORE DELLE CANZONI IDEATE E REALIZZATE DA SONNY & CHER NEGLI ANNI IN CUI SI ESIBIVANO IN DUO - L'ARTISTA E' RIMASTO UCCISO DA UN INCIDENTE SUGLI SCI NEL 1998 E...

-

Condividi questo articolo


 

Dagotraduzione dal Daily Mail

 

Cher Cher

Cher ha fatto causa alla vedova del suo ex marito, Sonny Bono, chiedendole 1 milioni di dollari di royalties mai pagate. La cantante è stata sposata con Sonny Bono dal 1964 al 1975, e durante quegli anni si è esibita in duo con l’artista. Dopo la separazione Sonny si è risposato altre due volte, e ha portato all’altare l’ultima moglie, Mary Whitaker, nel 1986. Quando l’uomo è morto per un incidente sugli sci a Lake Tahoe nel 1998, i due erano ancora sposati.

 

Inzialmente due due donne avevano un buon rapporto, tanto che Mary invitò Cher a tenere un elogio funebre durante il funerale di Sonny. Ma negli anni il rapporto si è guastato e questa settimana Cher, 75 anni, ha fatto causa a Mary per una questione di diritti d’autore. La cantante sostiene infatti che la vedova di Bono abbia trattenuto illegalmente diritti d’autore sui successi degli anni ’60 come “I Got You Babe” e “The Beats Goes On”.

 

Mary Bono Mary Bono

Secondo quanto affermato nei documenti presentati al tribunale di Los Angeles, Cher e Sonny avevano deciso di dividere le entrate delle canzoni registrate insieme. Secondo i legali di Cher, Mary non ha pagato quanto dovuto, cancellando di fatto l’accordo preso dal marito.  

Sonny e Cher Sonny e Cher Mary e Sonny Bono Mary e Sonny Bono

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

“DI MAIO DICE UNA BUGIA E MERITEREBBE UNA QUERELA” - VITTORIO SGARBI SI È INCAZZATO PER LA PAGINE DEL LIBRO DI LUIGINO A LUI DEDICATE: “IO NON HO MAI MALTRATTATO LE DONNE, COME DICHIARA LUI. LA MIA VIOLENZA VERBALE NON È DIRETTA ALLE DONNE IN PARTICOLARE. IO INSULTO TUTTI, SENZA DISTINGUERE UOMINI O DONNE. E POI NON ESISTE NEPPURE UNA FRASE IN CUI IO ABBIA DETTO A DI MAIO CHE È OMOSESSUALE O GAY. PER DI PIÙ IO NON HO MAI USATO LA PAROLA OMOSESSUALE IN SENSO NEGATIVO E TANTO MENO VERSO LUIGI DI MAIO"

business

RETROSCENA SUL NAUFRAGIO MPS-UNICREDIT – CON IL SUO “VAFFA” AL TESORO ANDREA ORCEL AVRA' SALVATO UNICREDIT MA SI È GIOCATO, DOPO MILANO, ANCHE LA BENEVOLENZA DEI PALAZZI ROMANI PER EVENTUALI ACQUISIZIONI, A PARTIRE DA BPM. NON È UN CASO CHE ORCEL ABBIA SPOSTATO ALL’ESTERO LE SUE BRAME: LA FRANCESE SOCIÉTÉ GENERALE E LA SPAGNOLA BBVA – L’IRA DI DRAGHI: IL DG DEL TESORO RIVERA DOVEVA ACCORGERSI PRIMA DEGLI OSTACOLI CHE HANNO FATTO SALTARE LA TRATTATIVA - PATETICO INCONTRO TRA RIVERA E CASTAGNA PER SPINGERE BPM A SCIROPPARSI GLI SCARTI DI MPS RIFIUTATI DA ORCEL - SI APRE LA VIA DEL TERZO POLO?

cronache

SE NON PUOI SEDURLE, PUOI BENDARLE! UN GENIALE 74ENNE FRANCESE HA ATTIRATO PER ANNI CENTINAIA DI DONNE SUI SITI DI INCONTRI SPACCIANDOSI PER UN AITANTE E MUSCOLOSO 37ENNE ALTO E BIONDO – NON SOLO È RIUSCITO AD AGGANCIARLE MA È RIUSCITO PURE A TROMBARSELE. COME? LE VITTIME NON SI ACCORGEVANO DELLA TRUFFA PERCHÉ IL SUO GIOCO PREFERITO ERA BENDARLE FIN DALL'INIZIO, COME NEL FILM "50 SFUMATURE DI GRIGIO", FACENDO LEVA SULLE PERVERSIONI BONDAGE DELLE "CASALINGUE" TRANSALPINE - AVEVA UN QUADERNO DI APPUNTI SUL QUALE HA ELENCATO 342 “CONQUISTE”. MA DEVE ESSERE STATO SCOPERTO PERCHE' IL SUO AUGELLO...

sport

cafonal

viaggi

salute