CI MANCAVA LA TASSA SULLE CASSETTE DI SICUREZZA - SALVINI LANCIA L’IPOTESI CON L’OBIETTIVO DI FAR EMERGERE E CIRCOLARE QUEI SOLDI CHE APPAIONO COME SE FOSSERO “NASCOSTI”: "MI DICONO CHE CI SONO CENTINAIA DI MILIARDI IN CASSETTE DI SICUREZZA, FERMI. CON UNA NUOVA PACE FISCALE DAREMMO IL DIRITTO DI UTILIZZARLI...” – POI PRECISA: "SIAMO AL GOVERNO PER TOGLIERE, NON PER AGGIUNGERE TASSE. L'UNICO RAGIONAMENTO RIGUARDA UNA 'PACE FISCALE'"

-

Condividi questo articolo


Salvini, infondate ipotesi tasse su cassette sicurezza
 
(ANSA) - "Prive di qualsiasi fondamento le ipotesi di una patrimoniale, di tasse sui risparmi, sui conti correnti degli italiani o su cassette di sicurezza. Siamo al governo per togliere, non per aggiungere tasse. L'unico ragionamento riguarda una 'pace fiscale' per chi volesse sanare situazioni di irregolarità relative, oltre che ad Equitalia, al denaro contante". Così Matteo Salvini in una nota.

 

L. Ci. per “il Messaggero”

 

salvini salvini

Una sanatoria sulle cassette di sicurezza, sulla falsariga delle operazioni di voluntary disclosure sui capitali all'estero attuate con un discreto successo nella scorsa legislatura. La proposta lanciata ieri da Matteo Salvini riprende alcune idee già fatte circolare dalla Lega l'anno scorso, in campagna elettorale e nei mesi successivi. Anzi, in realtà si collega a progetti emersi nel 2016 in concomitanza con le norme sul rientro dei capitali. Il governo di centro-sinistra decise però alla fine di fare marcia indietro di fronte alle critiche, nonostante fossero stati previsti controlli preventivi dell'Agenzia delle Entrate sui possibili aderenti all'operazione.

 

«Non parlo di soldi all'estero, se qualcuno ce li ha portati sono affari suoi, ma mi dicono che ci sono centinaia di miliardi in cassette di sicurezza, fermi, potremmo metterli in circuito per gli investimenti, si potrebbe far pagare un'imposta e ridare il diritto di utilizzarli» ha detto ieri Salvini intervenendo a Porta a Porta. L'annuncio ha suscitato le proposte del Pd, secondo il quale il Carroccio vorrebbe «toccare i risparmi degli italiani». Il concetto però è appunto quello di una sanatoria, su base volontaria. Anche se è probabile che, come accade in occasioni del genere, l'amministrazione fiscale farebbe pressione sulla platea dei potenziali interessati minacciando di fatto controlli più severi per chi non aderisce.

cassette di sicurezza cassette di sicurezza

 

Un punto chiave è naturalmente il livello della sanzione che bisognerebbe pagare per mettersi in regola, ottenendo uno scudo rispetto alle eventuali pretese del fisco ma anche alle possibili contestazioni penali, incluse quelle che ruotano intorno al reato di riciclaggio. Nel 2016 era stato ipotizzato un prelievo del 35 per cento, sicuramente alto. La Lega pensa invece ad un più appetibile 15-20 per cento.

 

salvini salvini

Resta da capire se le somme in questo modo liberate resterebbero nella disponibilità degli interessati: come era già stato ipotizzato in passato, il governo potrebbe richiedere di destinarne almeno una parte a strumenti di investimento come i Pir (piani individuali di risparmio) finalizzati sulla carta al rilancio dell'economia. Anche questo elemento inciderebbe naturalmente sul potenziale richiamo sui contribuenti della nuova misura. Secondo stime fatte in passato le somme in contante detenute in cassette di sicurezza oppure all'estero potrebbero avere un valore complessivo di 200 miliardi.

 

I DATI

Di fatto la voluntary disclosure sulle cassette di sicurezza sarebbe un altro pezzo della cosiddetta pace fiscale sul cui andamento ieri ha fornito indicazioni dettagliate (in commissione Finanza del Senato) il direttore dell'Agenzia delle Entrate Antonino Maggiore.

CASSETTE DI SICUREZZA CASSETTE DI SICUREZZA

 

Le adesioni pervenute hanno per ora un valore di 38 miliardi, che però non equivale a quanto recupererà lo Stato perché dal conto vanno sottratti interessi e sanzioni e nel caso del cosiddetto saldo e stralcio anche gli importi condonati in virtù di una difficoltà economica dimostrata attraverso l'Isee. Le cartelle coinvolte sono circa 13 milioni.

 

LA RIAPERTURA

salvini salvini

Ma non finisce qui, perché come promesso dal Carroccio nel decreto crescita sono stati presentati emendamenti per la riapertura dei termini. La riapertura rispetto alla scadenza del 30 aprile scorso prevede che il debitore entro il 31 luglio prossimo dichiari la propria volontà, con le modalità già previste per la rottamazione-ter, di aderire optando per il pagamento in un'unica soluzione al 30 novembre prossimo, ovvero in massimo 17 rate, la prima delle quali sempre al 30 novembre. Saranno riaperti anche i termini per il saldo e stralcio.

CASSETTE DI SICUREZZA CASSETTE DI SICUREZZA

 

Condividi questo articolo

media e tv

MEZZOGIORNO DI FUOCO – GIOVANNA MEZZOGIORNO SVELA A “OGGI” DI ESSERSI SEPARATA DAL MARITO ALESSIO FUGOLO, CON CUI HA AVUTO DUE FIGLI GEMELLI – “LA FAMIGLIA PER ME È IL LUOGO DELL'AMORE E DELLE SOFFERENZE PIÙ GRANDI. MA NON VOGLIO RIVELARE DETTAGLI SULLA SEPARAZIONE – APPENA LAVORO DI MENO, PARTONO LE LEGGENDE METROPOLITANE. DICONO CHE S MI DROGO, CHE SONO ALCOLIZZATA, CHE PRENDO GLI PSICOFARMACI. FRA UN PO', FACCIO PURE LE RAPINE... SENZA CONTARE I COMMENTI SUL FISICO, COME QUANDO DICEVO CHE ERO INGRASSATA TROPPO. PER ME È UN COLOSSALE CHISSENEFREGA”

politica

SEGNATEVI QUESTA DATA: 24 AGOSTO - DRAGHI PARTECIPERÀ AL MEETING DI RIMINI DI “COMUNIONE E LIBERAZIONE”: FARA’ UN INTERVENTO MOLTO POLITICIZZATO, FONDAMENTALE ANCHE IN VISTA DEL VOTO – IL MESSAGGIO SARA' UNO SCHIAFFO PER LA TRIADE SALVINI-MELONI-BERLUSCONI: SE SI CAMBIA, IL PNRR SI SFASCIA. E VA RICONTRATTATO CON UN’EUROPA OSTILE AL CENTRODESTRA PUTINIAN-ORBANIANO – IL DEEP STATE SOGNA PANETTA MINISTRO O PREMIER PER SEDARE I MERCATI E BRUXELLES – DRAGHI VOLA NEI SONDAGGI E INFATTI BERLUSCONI LO ALLISCIA: “SPERO CONTINUI A SVOLGERE UN RUOLO IMPORTANTE PER L’ITALIA” - IL CAVALIER POMPETTA SA BENE CHE NON SI GOVERNA “CONTRO” L’EUROPA MA “CON” ESSA, ALTRIMENTI VIENI TRITURATO, COME AVVENNE A LUI NEL 2011 (LO HA SPIEGATO ALLA DUCETTA E AL TRUCE?)

business

cronache

“NON HO MAI USATO NESSUN TIPO DI DROGA” – SANNA MARIN IN VERSIONE PENITENZIALE IN CONFERENZA STAMPA ANNUNCIA DI AVER FATTO UN TEST ANTIDROGA (RISULTATO TRA 7 GIORNI) E SI DIFENDE DOPO IL VIDEO IN CUI BALLA SFRENATA: “NON HO NULLA DA NASCONDERE E NON HO FATTO NULLA DI ILLEGALE. IL RIFERIMENTO ALLA ''FARINA''? NON HO IDEA DEL PERCHÉ SIA STATA UTILIZZATA QUESTA ESPRESSIONE. NON HO ASSUNTO ALCUNA SOSTANZA DIVERSA DALL’ALCOL” – MA NESSUN RIFERIMENTO AL SECONDO VIDEO USCITO OGGI, IN CUI SI AVVINGHIA A UNO SCONOSCIUTO IN DISCOTECA (E C'È UN TESTIMONE CHE DICE CHE POI HA FATTO LO STESSO CON ALTRI DUE...)  – VIDEO

sport

cafonal

viaggi

salute