COME IN TERMINATOR - E' STATO UN ROBOT KILLER CAPACE DI SPARARE 600 COLPI AL MINUTO E OPERATO DA REMOTO VIA SATELLITE DAGLI ISRAELIANI AD UCCIDERE LO SCORSO NOVEMBRE LO SCIENZIATO IRANIANO MOHSEN FAKHRIZADEH ALLA PERIFERIA DI TEHERAN. LO SCRIVE IL “NEW YORK TIMES” RIVELANDO I RETROSCENA DELL'OPERAZIONE…

-

Condividi questo articolo


(ANSA) - E' stato un robot killer capace di sparare 600 colpi al minuto e operato da remoto via satellite dagli israeliani ad uccidere lo scorso novembre lo scienziato iraniano Mohsen Fakhrizadeh alla periferia di Teheran. Lo scrive il New York Times rivelando i retroscena dell'operazione, in parte già trapelati all'indomani dell'attacco.

Mohsen Fakhrizadeh Mohsen Fakhrizadeh

 

Il robot è come un tiratore scelto ad alta tecnologia, equipaggiato con intelligenza artificiale e occhi a più telecamere. Una macchina da guerra che va ad arricchire l'arsenale delle armi ad alta tecnologia per eliminare target remoti. Col vantaggio che, a differenza di un drone, non attira l'attenzione nel cielo e può essere collocato ovunque: caratteristiche, sottolinea il Nyt, che probabilmente cambieranno il mondo della sicurezza e dello spionaggio.

funerale di Mohsen Fakhrizadeh funerale di Mohsen Fakhrizadeh uccisione dello scienziato uccisione dello scienziato

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

BOLLETTINIAMOCI! – OGGI 3.882 NUOVI CASI E 39 DECESSI, CON 487.218 TAMPONI EFFETTUATI E IL TASSO DI POSITIVITÀ CHE RIMANE STABILE ALLO 0,8% - LE DOSI DI VACCINO SOMMINISTRATE SONO OLTRE 88,3 MILIONI, CON PIÙ DI 44,2 MILIONI DI CITTADINI CHE HANNO COMPLETATO IL CICLO VACCINALE (81,84% DELLA POPOLAZIONE OVER 12) – BRUSAFERRO DELL’ISS: “IN ITALIA NON C'È UNA RISALITA DELLA POSITIVITÀ COME IN ALTRI PAESI UE. LA MORTALITÀ MOSTRA UN LIEVE AUMENTO ANCHE SE SI PARLA DI NUMERI LIMITATI”