IL COVID TI FA FRITTO - FILIPPO LA MANTIA CHIUDE IL RISTORANTE DI MILANO: TROPPE SPESE E POCHI INCASSI – LO CHEF CERCHERÀ DI CONTINUARE LA SUA ATTIVITÀ IN UN LOCALE PIÙ PICCOLO. AL MESE PAGAVA 28MILA € DI AFFITTO - I PADRONI DELLE MURA GLI AVEVANO RIDOTTO IL CANONE DELLA METÀ MA SOLO IN VIA PROVVISORIA E PER DUE MESI: POI È TORNATO A DOVER PAGARE L’AFFITTO PIENO – NELLA RISTORAZIONE E’ PIENO DI CASI SIMILI…

-

Condividi questo articolo

Da dissapore.com

 

FILIPPO LA MANTIA FILIPPO LA MANTIA

Ancora brutte notizie dal mondo della ristorazione: Filippo La Mantia chiude il ristorante di Milano. Ci sono troppe spese da sostenere a fronte di incassi ridotti a causa dell’epidemia da Coronavirus. Perché è questo il vero problema del momento: se le spese fossero diminuite in rapporto alle entrate, allora sarebbe stato un conto. Ma le uscite sono rimaste uguali, anzi, a volte sono aumentate e con gli incassi diminuiti, è questo quello che succede.

 

 

Lo chef ha dato l’annuncio a sorpresa durante la trasmissione In Onda su La7: nessuno se lo aspettava. La Mantia ha ammesso di essere costretto a chiudere il locale per colpa dell’epidemia da Covid-19: è una scelta dolorosa, ma così come è ora non può continuare ad andare avanti.

 

FILIPPO LA MANTIA FILIPPO LA MANTIA

La Mantia è anche entrato nei dettagli: al mese pagava 28mila euro di affitto per il locale milanese. I padroni delle mura gli avevano ridotto il canone della metà, quindi a 14mila euro, ma solo in via provvisoria e per due mesi: poi è tornato a dover pagare l’affitto pieno. Solo che con gli incassi del momento, non è gestibile una situazione del genere in cui le entrate calano, ma le spese rimangono sempre le stesse.

 

Lo chef ha perso il 40% delle entrate e con il ristorante, quando va bene, si riesce a pareggiare i conti. Da qui nasce la decisione sofferta di chiudere e di ridimensionarsi.

 

filippo la mantia filippo la mantia

Perché se è vero che chiude, lo chef ha deciso di non arrendersi del tutto: adesso dovrà cercare un locale più piccolo per evitare di abbandonare il sogno che aveva realizzato a Milano.

 

La Mantia cambierà e si trasformerà. Durante il lockdown aveva dato le sue ricette per telefono e aveva fatto le consegne a domicilio: è questa la sua vita, adesso farà una ritirata strategica per poter continuare a lavorare, ma non si arrenderà al Coronavirus.

 

 

E La Mantia aveva profetizzato tutto questo: se ricordate, aveva dichiarato in precedenza che la riapertura dei ristoranti sarebbe stata un massacro. E così pare che stia accadendo.

 

ignazio abrignani e filippo la mantia ignazio abrignani e filippo la mantia alessia lautone filippo la mantia alessia lautone filippo la mantia gianfranco ferroni con filippo la mantia gianfranco ferroni con filippo la mantia maddalena letta filippo la mantia maddalena letta filippo la mantia catia polidori filippo la mantia catia polidori filippo la mantia

FILIPPO LA MANTIA

lo chef la mantia lo chef la mantia filippo la mantia francesco de gregori max tortora filippo la mantia francesco de gregori max tortora filippo la mantia marco mezzaroma cristina mezzaroma filippo la mantia marco mezzaroma cristina mezzaroma giorgia meloni giancarlo magalli filippo la mantia giorgia meloni giancarlo magalli filippo la mantia mara venier filippo la mantia mara venier filippo la mantia FILIPPO LA MANTIA FILIPPO LA MANTIA filippo la mantia camilla morabito filippo la mantia camilla morabito filippo la mantia chiara maci giuseppe di piazza filippo la mantia chiara maci giuseppe di piazza FILIPPO LA MANTIA FILIPPO LA MANTIA

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute