DACCI OGGI IL NOSTRO STUPRO QUOTIDIANO – A BOLZANO UNA 16ENNE VIENE VIOLENTATA DA DUE AFRICANI IN PIENO GIORNO – STAVA TORNANDO DA SCUOLA QUANDO È STATA AGGREDITO SOTTO UN PONTE: GLI STUPRATORI SONO DUE SENZATETTO E NON SI ESCLUDE LA PISTA DELLA MAFIA NIGERIANA – LA VIOLENZA POTREBBE ESSERE STATA UNA SORTA DI RITO INIZIATICO PER…

-

Condividi questo articolo

Marco Angelucci per il “Corriere della Sera”

 

PONTE SUL TORRENTE TALVERA A BOLZANO PONTE SUL TORRENTE TALVERA A BOLZANO

Stava tornando da scuola, lunedì, lungo quella strada che percorreva ogni giorno. Un' incantevole passeggiata immersa nel verde lungo le acque turbinose del torrente Talvera. Sotto il ponte della pista ciclabile, a due passi dall' Accademia europea di Bolzano, due uomini l' hanno avvicinata, strattonata e spinta tra i cespugli.

 

Lì, coperti dalla vegetazione e dal rumore del fiume, l' hanno violentata lasciandola quasi incosciente. Quando si è ripresa, la giovane, che ha solo sedici anni e frequenta le superiori, è riuscita a trascinarsi sulla passeggiata dove è stata soccorsa da alcuni passanti che hanno subito chiamato le forze dell' ordine.

 

STUPRO STUPRO

Alla polizia la ragazza ha raccontato di essere stata aggredita da due africani ed è riuscita a fornire anche un identikit dei suoi violentatori. La Scientifica ha già individuato il profilo biologico dei due stupratori e gli uomini della squadra mobile, coordinati dal comandante Giuseppe Tricarico, sono sulle tracce di due ventenni nigeriani, probabilmente due senzatetto che bivaccano sotto i ponti della città. Le loro foto segnaletiche sono state fornite a tutte le volanti che da due giorni pattugliano la zona senza sosta.

MAFIA NIGERIANA MAFIA NIGERIANA

 

L' episodio, avvenuto intorno alle due e mezza di pomeriggio, ha sconvolto tutta Bolzano anche perché non è la prima volta che in quella zona avvengono aggressioni e abusi sessuali. L' ultima volta era successo due anni fa quando un minorenne nigeriano aveva aggredito e violentato una minorenne e una donna di mezza età. Il giovane era stato arrestato dopo un' indagine lampo e condannato a 12 anni. Stavolta però lo stupro non è avvenuto la sera o alle prime luci dell' alba ma in pieno giorno, in una zona della città parecchio frequentata, proprio dietro la sede della Questura.

 

ancona stupro ancona stupro

Anche se non ci sono prove che i due violentatori siano affiliati alla mafia del Paese africano, le indagini della polizia si concentrano anche sull' ambiente delle confraternite nigeriane che da un paio di anni si sono insediate nel capoluogo altoatesino. Le sezioni locali degli Arobaga e degli Avion Eiye, due sodalizi criminali con ramificazioni in mezzo mondo, controllano il traffico di droga sulla rotta tra Italia e Germania e anche una grossa fetta del mercato della prostituzione.

mafia nigeriana mafia nigeriana

Per potersi affiliare all' organizzazione, gli aspiranti devono spesso superare una prova violenta, come ad esempio un pestaggio o uno stupro.

 

Non si esclude dunque che la violenza sia stata una sorta di rito iniziatico per i due ventenni che ora potrebbero aver lasciato la città per cercare di sottrarsi alla giustizia. La polizia ha passato al setaccio i luoghi dove solitamente dormono i senzatetto ma, per il momento, degli aggressori non c' è traccia.

mafia nigeriana mafia nigeriana MAFIA NIGERIANA MAFIA NIGERIANA mafia nigeriana mafia nigeriana

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute