UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI” E FU COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E ORA RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI, IN OCCASIONE DEL CENTENARIO DALLA MORTE DEL GRANDE MAESTRO – I MISTERI DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI DAL CONSERVATORIO LUIGI BOCCHERINI DI LUCCA

Condividi questo articolo


 

DAGOREPORT

 

giacomo puccini giacomo puccini

È un Puccini inedito quello che si potrà ascoltare a Lucca il 28 aprile, nell’ultima giornata del Lucca Classica Music Festival. Un Puccini giovane, un brano rimasto per moltissimi tempo “nascosto”, poi disponibile solo in forma incompiuta e, infine, riportato alla luce di recente grazie agli studi della professoressa Gabriella Biagi Ravenni del Centro Studi Puccini, che lo ha ritrovato completo nella biblioteca del Conservatorio di Musica “Luigi Boccherini”, dove i Puccini erano “di casa”.

 

“I figli dell’Italia bella – Cessato il suo dell’armi”, questo il titolo della composizione che sarà eseguita dall’Orchestra del Conservatorio “Boccherini”, diretta dal Maestro GianPaolo Mazzoli, a chiusura del festival di musica classica che si tiene tradizionalmente a Lucca in primavera.

 

GianPaolo Mazzoli GianPaolo Mazzoli

Giacomo Puccini la compose nel 1877, partecipando a un bando di concorso indetto dagli organizzatori dell’“Esposizione lucchese”. Tale bando richiedeva la composizione di un brano vocale e strumentale che celebrasse l’orgoglio, le bellezze e il genio italiano. Il giovane Puccini, dunque, partecipò, visto anche il premio in denaro. Purtroppo, però, non vinse.

 

Da allora su “I figli dell’Italia bella – Cessato il suo dell’armi” è calato il silenzio e anche un certo mistero. La partitura viene rinvenuta nell’Archivio Puccini, a Torre del Lago, ma incompleta. Sono molti gli studiosi che per anni l’hanno studiata, senza però fortuna.

 

Gabriella Biagi Ravenni - centro studi puccini Gabriella Biagi Ravenni - centro studi puccini

Fino a pochi mesi fa, quando Gabriella Biagi Ravenni ne rinviene una copia nella biblioteca del Conservatorio dove Giacomo aveva studiato e dove suo padre Michele aveva insegnato. Dove? In uno dei fondi custoditi in quello storico luogo di musica. Una partitura autografa che non può essere altro che la versione completa di quella composizione giovanile in parte già scoperta a Torre del Lago.

 

Quelle note, rimaste nascoste così a lungo, risuoneranno nuovamente a Lucca, dove sono state scritte, proprio nell’anno in cui si celebra il centenario della morte del grande compositore. Lucca e Puccini… Puccini e Lucca. Un binomio indissolubile.

 

giacomo puccini 3 giacomo puccini 3

L’opera, caduta in pubblico dominio per la avvenuta scadenza del periodo di protezione legale, durato sino al settantesimo anno dalla morte del Maestro Puccini (29 novembre 1924), viene ora acquisita in proprietà assoluta dal Conservatorio Luigi Boccherini di Lucca, che ne disporrà per i prossimi venticinque anni, in base ad una norma della legge sul diritto d’autore.

 

Al riguardo, lo studio legale dell’Avvocato Giorgio Assumma ha completato tutte le iniziative legali, idonee a rendere immediatamente valido tale acquisto in via esclusiva da parte del Conservatorio per tutti i paesi del mondo…

giorgio assumma 55 giorgio assumma 55

GianPaolo Mazzoli GianPaolo Mazzoli lucca classica music festival 2024 lucca classica music festival 2024 Gabriella Biagi Ravenni - centro studi puccini Gabriella Biagi Ravenni - centro studi puccini

giacomo puccini 4 giacomo puccini 4 giacomo puccini 5 giacomo puccini 5 giacomo puccini 1 giacomo puccini 1

giacomo puccini giacomo puccini

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – PERCHE' L'"INCIDENTE" HA FATTO FELICI IRAN E ISRAELE - RAISI MIRAVA ALLA SUCCESSIONE DELL’85ENNE KHAMENEI. MA, PER IL RUOLO DI GUIDA SUPREMA, L’AYATOLLAH HA SCELTO IL FIGLIO MOJTABA, 'EMINENZA GRIGIA' DEI PASDARAN CHE HANNO IN MANO IL POTERE POLITICO ED ECONOMICO DELL'IRAN – NON SOLO: RAISI AVEVA INIZIATO A INCIUCIARE CON GLI STATI UNITI PER LA STABILIZZAZIONE DEL GOLFO. L’”AMERIKANO” RAISI HA IMBUFALITO NON SOLO I PASDARAN, MA ANCHE NETANYAHU, IL QUALE VIVE IN ATTESA DEL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA E HA BISOGNO COME IL PANE DI UN NEMICO PER OCCUPARE ANCORA LA POLTRONA DI PREMIER... 

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…

DAGOREPORT - LORO SI' CHE LO SANNO BENE: SECONDO IL "CANALE 12" DELLA TV ISRAELIANA RAISI È MORTO - DIFFICILE PRENDERE SUL SERIO TEHERAN CHE AFFERMA CHE L'ELICOTTERO CON A BORDO IL PRESIDENTE IRANIANO HA AVUTO UN "INCIDENTE" IN AZERBAIGIAN A CAUSA DEL ''MALTEMPO'' (UN CONVOGLIO DI TRE ELICOTTERI E SOLO QUELLO CON RAISI E' ANDATO GIU'?) - I MEDIA IRANIANI, PER ORA, PARLANO DI "VITA IN PERICOLO" - L'IRAN NON E' DECAPITATO FINCHE' CI SARA' SARA' L’AYATOLLAH KHAMENEI CHE SCEGLIERA' IL SUCCESSORE DEL FEDELISSIMO RAISI. E PER ORA SI LIMITA A DIRE: "SPERIAMO CHE TORNI, MA NON CI SARANNO INTERRUZIONI" - COME E' ACCADUTO CON L'ATTENTATO ALLA SEDE DIPLOMATICA IRANIANA IN SIRIA, DIETRO L"INCIDENTE" C'E' NETANYAHU? (FINCHE' C'E' GUERRA, C'E' SPERANZA DI RESTARE AL POTERE) - PROPRIO IERI IL MINISTRO DEL GABINETTO DI GUERRA BENNY GANTZ, VICINISSIMO A BIDEN,  DOPO UN INCONTRO IN ISRAELE CON IL CONSIGLIERE PER LA SICUREZZA USA JAKE SULLIVAN, AVEVA AVVISATO IL PREMIER NETANYAHU: "PIANO SU GAZA ENTRO L'8 GIUGNO O LASCIAMO IL GOVERNO"