UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI” E FU COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E ORA RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI, IN OCCASIONE DEL CENTENARIO DALLA MORTE DEL GRANDE MAESTRO – I MISTERI DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI DAL CONSERVATORIO LUIGI BOCCHERINI DI LUCCA

Condividi questo articolo


 

DAGOREPORT

 

giacomo puccini giacomo puccini

È un Puccini inedito quello che si potrà ascoltare a Lucca il 28 aprile, nell’ultima giornata del Lucca Classica Music Festival. Un Puccini giovane, un brano rimasto per moltissimi tempo “nascosto”, poi disponibile solo in forma incompiuta e, infine, riportato alla luce di recente grazie agli studi della professoressa Gabriella Biagi Ravenni del Centro Studi Puccini, che lo ha ritrovato completo nella biblioteca del Conservatorio di Musica “Luigi Boccherini”, dove i Puccini erano “di casa”.

 

“I figli dell’Italia bella – Cessato il suo dell’armi”, questo il titolo della composizione che sarà eseguita dall’Orchestra del Conservatorio “Boccherini”, diretta dal Maestro GianPaolo Mazzoli, a chiusura del festival di musica classica che si tiene tradizionalmente a Lucca in primavera.

 

GianPaolo Mazzoli GianPaolo Mazzoli

Giacomo Puccini la compose nel 1877, partecipando a un bando di concorso indetto dagli organizzatori dell’“Esposizione lucchese”. Tale bando richiedeva la composizione di un brano vocale e strumentale che celebrasse l’orgoglio, le bellezze e il genio italiano. Il giovane Puccini, dunque, partecipò, visto anche il premio in denaro. Purtroppo, però, non vinse.

 

Da allora su “I figli dell’Italia bella – Cessato il suo dell’armi” è calato il silenzio e anche un certo mistero. La partitura viene rinvenuta nell’Archivio Puccini, a Torre del Lago, ma incompleta. Sono molti gli studiosi che per anni l’hanno studiata, senza però fortuna.

 

Gabriella Biagi Ravenni - centro studi puccini Gabriella Biagi Ravenni - centro studi puccini

Fino a pochi mesi fa, quando Gabriella Biagi Ravenni ne rinviene una copia nella biblioteca del Conservatorio dove Giacomo aveva studiato e dove suo padre Michele aveva insegnato. Dove? In uno dei fondi custoditi in quello storico luogo di musica. Una partitura autografa che non può essere altro che la versione completa di quella composizione giovanile in parte già scoperta a Torre del Lago.

 

Quelle note, rimaste nascoste così a lungo, risuoneranno nuovamente a Lucca, dove sono state scritte, proprio nell’anno in cui si celebra il centenario della morte del grande compositore. Lucca e Puccini… Puccini e Lucca. Un binomio indissolubile.

 

giacomo puccini 3 giacomo puccini 3

L’opera, caduta in pubblico dominio per la avvenuta scadenza del periodo di protezione legale, durato sino al settantesimo anno dalla morte del Maestro Puccini (29 novembre 1924), viene ora acquisita in proprietà assoluta dal Conservatorio Luigi Boccherini di Lucca, che ne disporrà per i prossimi venticinque anni, in base ad una norma della legge sul diritto d’autore.

 

Al riguardo, lo studio legale dell’Avvocato Giorgio Assumma ha completato tutte le iniziative legali, idonee a rendere immediatamente valido tale acquisto in via esclusiva da parte del Conservatorio per tutti i paesi del mondo…

giorgio assumma 55 giorgio assumma 55

GianPaolo Mazzoli GianPaolo Mazzoli lucca classica music festival 2024 lucca classica music festival 2024 Gabriella Biagi Ravenni - centro studi puccini Gabriella Biagi Ravenni - centro studi puccini

giacomo puccini 4 giacomo puccini 4 giacomo puccini 5 giacomo puccini 5 giacomo puccini 1 giacomo puccini 1

giacomo puccini giacomo puccini

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

INTER-ZHANG: GAME OVER? IL PRESIDENTE NON PUÒ LASCIARE LA CINA E STA COMBATTENDO IL WEEKEND PIÙ DURO DELLA SUA VITA PER NON PERDERE ANCHE L’INTER. BALLA IL PRESTITO DA 375 MILIONI CHE ZHANG DEVE RESTITUIRE A OAKTREE. IL FONDO PIMCO SI ALLONTANA - SE LA TRATTATIVA PER UN NUOVO FINANZIAMENTO NON SI SBLOCCA ENTRO LUNEDÌ, OAKTREE SI PRENDERA’ IL CLUB. UNA SOLUZIONE CHE SAREBBE MOLTO GRADITA AL DG MAROTTA. FORSE IL DIRIGENTE SPORTIVO PIÙ POTENTE D’ITALIA HA GIÀ UN ACQUIRENTE? O FORSE SA CHE...

DAGOREPORT - VANNACCI SARÀ LA CILIEGINA SULLA TORTA O LA PIETRA TOMBALE PER MATTEO SALVINI, CHE TANTO LO HA VOLUTO NELLE LISTE DELLA LEGA, IGNORANDO LE CRITICHE DEI SUOI? - LUCA ZAIA, A CUI IL “CAPITONE” HA MOLLATO UN CALCIONE (“DI NOMI PER IL DOPO ZAIA NE HO DIECI”), POTREBBE VENDICARSI LASCIANDO CHE LA BASE LEGHISTA ESPRIMA IL SUO DISSENSO ALLE EUROPEE (MAGARI SCEGLIENDO FORZA ITALIA) - E COSA ACCADREBBE SE ANCHE FEDRIGA IN FRIULI E FONTANA IN LOMBARDIA FACESSERO LO STESSO? E CHE RIPERCUSSIONI CI SAREBBERO SUL GOVERNO SE SALVINI SI RITROVASSE AZZOPPATO DOPO LE EUROPEE?

DAGOREPORT - COSÌ COME IL SESSO È LA PARODIA DEL DELITTO, LA “MILANESIANA”, RASSEGNA “IDEATA E DIRETTA DA ELISABETTA SGARBI” (SORELLA DI), È LA PARODIA DELLA CULTURA GLAMOUR, CHIC, RADICAL-COLTA, AMICHETTISTICA DEL NOSTRO PAESE - OGNI ANNO UN TEMA (QUEST’ANNO “TIMIDEZZA”), UNA PAROLA COSÌ OMNICOMPRENSIVA CHE CI CACCI DENTRO QUEL CHE TI PARE, DAL NOBEL ALL’AMICO, DAL GIORNALISTA UTILE PER LA RECENSIONE ALLO SCRITTORE INUTILE: OVVIAMENTE, PRIMUS NON INTER PARES SUO FRATELLO VITTORIONE - LEI SCEGLIE, LEI FA, PRESENTA, OBBLIGA GLI SPETTATORI, ANCHE SE HANNO PAGATO IL BIGLIETTO, AD ASCOLTARE LA SUA BAND EXTRALISCIO: “È INUTILE CHE FISCHIATE…” – L'EVENTO NON BASTA: CI AGGIUNGE I SUOI FILM. E SU TUTTE LE LOCANDINE DELLE SERATE (TUTTE), LA METÀ SINISTRA È OCCUPATA DALLA FOTO (SEMPRE LA STESSA) DELLA SGARBI; POI, IN PICCOLO, I NOMI DEGLI OSPITI...