LA DOMANDA DELLE CENTO PISTOLE DI ANTONIO CONTE: “BOCHICCHIO I SOLDI DOVE CAZZO LI HA MESSI?” - IL BROKER DELLE TRUFFE AI VIP ACCUSATO DI AVER FATTO SPARIRE CENTINAIA DI MILIONI. NEL LUGLIO 2020 AMMETTEVA DI INVESTIRE I SOLDI IN NERO DI CLIENTI CHE FUGGIVANO DAL FISCO – LE INTERCETTAZIONI CON DAVIDE LIPPI E CONTE - PARTE DEI CAPITALI, SECONDO GLI INVESTIGATORI, È STATA IMPIEGATA IN MERCATI FINANZIARI SIA ASIATICI CHE AMERICANI E DEL REGNO UNITO. LA CACCIA AL TESORO DI BOCHICCHIO CONTINUA…

Condividi questo articolo


Giuliano Foschini e Andrea Ossino per “la Repubblica”

 

MASSIMO BOCHICCHIO MASSIMO BOCHICCHIO

Da una parte c'era «chi si doveva comprare la casa e ha visto sfumare tutto», dall'altra «chi aveva il problema del fisco che gli sta addosso e vuole spostare i soldi a Dubai dalla mattina alla sera». E in mezzo Massimo Bochicchio e quel «grandissimo errore» che finisce per ammettere al telefono quando ormai i creditori gli stanno alle costole: «Ho mecciato strutture estremamente sofisticate io ne ho pagato pegno, la colpa è mia purtroppo non ho valutato correttamente quale era il profilo di chi avevo di fronte».

 

Parte da un'intercettazione del luglio 2020, dalla prima ammissione di Bochicchio di investire i soldi in nero di clienti che fuggivano dal fisco, la convinzione degli investigatori che la caccia ai soldi del Madoff dell'Aniene coincida con la ricerca della «provenienza illecita dei patrimoni detenuti all'estero, riferiti anche ad alcuni clienti italiani ».

 

MASSIMO BOCHICCHIO MASSIMO BOCHICCHIO

Perché il broker, dice la Finanza, ha mescolato soldi puliti con capitali più opachi. Poi li ha fatti sparire tutti, venendo denunciato dai creditori, o almeno da quelle persone che potevano permettersi di rivelare la provenienza dei loro capitali. Sperava di risolvere i suoi problemi con la giustizia promettendo di restituire fino all'ultimo euro, ma la sua corsa è terminata 9 giorni fa ai margini di via Salaria, contro il muro su cui si è schiantata la sua Bmw.

I segreti, Bochicchio, se li è portati nella tomba. Ma gli investigatori continuano a lavorare per capire di chi fossero quei fondi sospetti e che dove sia finito il denaro. Un'idea se la sono fatta partendo proprio dalle rivelazioni di Bochicchio sul miscuglio di capitali più o meno leciti.

 

MASSIMO BOCHICCHIO E LA MOGLIE ARIANNA MASSIMO BOCHICCHIO E LA MOGLIE ARIANNA

Per spiegare il meccanismo la Finanza sottolinea una conversazione telefonica tra il broker e Davide Lippi, il figlio dell'allenatore campione del mondo, la persona che secondo il mister Antonio Conte «aveva fatto conoscere sto c...o di Massimo Bochicchio a delle persone, agli amici, perché dentro ci stanno persone di un certo livello».

 

Davide al telefono vuole informazioni su due conti a lui riconducibili. Bochicchio risponde: «Sono tutti e due conti gestione che sono, uno quello della parte di un modo e quella della parte dell'altro, per capirci ». L'intercettazione continua: «Se vuoi l'altro - dice Bochicchio - è quello della parte ufficiale, per capirci ».

 

massimo bochicchio e la moglie massimo bochicchio e la moglie

Un'altra conversazione che rivela il dualismo tra capitali "ufficiali" o meno riguarda i fratelli Conte. È il luglio 2020. E Bochicchio dice al telefono: «Antonio il massimo che può avere è che il Fisco italiano gli dice "c'hai questi soldi, hai pagato le tasse a Londra, devi pagare anche queste, non hai pagato, paga la multa e hai finito. Daniele - prosegue l'intercettazione - avrebbe molti più problemi per altre cose infatti lui non io, capito?». Se siano millanterie di un uomo disperato o spiragli di verità non è dato sapere. Quel che è certo è che, titolari di fondi "ufficiali" o meno, tutti ripetono la stessa domanda che il mister Antonio Conte ha fatto al numero uno del Coni, Malagò: «Giovanni questo qua i soldi dove ca...o li ha messi?».

 

BOCHICCHIO 2 BOCHICCHIO 2

Malagò non lo sa. La Finanza sì, almeno per quanto riguarda il denaro "non ufficiale": «La provenienza illecita di parte dei capitali raccolti da Bochicchio da alcuni clienti italiani», scrivono gli investigatori, è stata impiegata «in mercati finanziari dislocati in diversi Paesi - Hong Kong, Emirati Arabi, Singapore, Stati Uniti d'America e Regno Unito - utilizzando tecnicalità idonee ad occultare o comunque ad ostacolare l'identificazione degli effettivi beneficiari delle somme di denaro sottratte a tassazione nel territorio dello Stato, attraverso investimenti in strumenti finanziari ad alto rischio, poi allocati in mercati finanziari sia asiatici che in Inghilterra e Stati Uniti». È qui che i pm stanno dando la caccia al tesoro di Bochicchio.

QUEL CHE RESTA DELLA MOTO DI MASSIMO BOCHICCHIO QUEL CHE RESTA DELLA MOTO DI MASSIMO BOCHICCHIO massimo bochicchio 1 massimo bochicchio 1 massimo bochicchio 2 massimo bochicchio 2 massimo bochicchio massimo bochicchio massimo bochicchio 3 massimo bochicchio 3 massimo bochicchio 4 massimo bochicchio 4 antonio conte 4 antonio conte 4 davide lippi davide lippi MASSIMO BOCHICCHIO CON LA MOGLIE MASSIMO BOCHICCHIO CON LA MOGLIE massimo bochicchio 5 massimo bochicchio 5 MASSIMO BOCHICCHIO E LA MOGLIE MASSIMO BOCHICCHIO E LA MOGLIE

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


ultimi Dagoreport

DAGOREPORT L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...

DAGOREPORT – BIDEN HA DATO ORDINE ALL'INTELLIGENCE DELLA CIA CHE LA GUERRA IN UCRAINA DEVE FINIRE ENTRO AGOSTO, DI SICURO PRIMA DEL 5 NOVEMBRE, DATA DEL VOTO PRESIDENZIALE AMERICANO - LO SCENARIO E' QUESTO: L’ARMATA RUSSA AVANZERÀ ULTERIORMENTE IN TERRITORIO UCRAINO, IL CONGRESSO USA APPROVERÀ GLI AIUTI MILITARI A KIEV, QUINDI PUTIN IMPORRÀ DI FARE UN PASSO INDIETRO. APPARECCHIATA LA TREGUA, FUORI ZELENSKY CON NUOVE ELEZIONI (PUTIN NON LO VUOLE AL TAVOLO DELLA PACE), RESTERA' DA SCIOGLIERE IL NODO DELL'UCRAINA NELLA NATO, INACCETTABILE PER MOSCA – NON SOLO 55 MILA MORTI E CRISI ECONOMICA: PUTIN VUOLE CHIUDERE PRESTO IL CONFLITTO, PER NON DIVENTARE UN VASSALLO DI XI JINPING... 

FLASH! - FACILE FARE I PATRIOTI CON LE CHIAPPE ALTRUI – INDOVINATE CHE AUTO GUIDA ADOLFO URSO, IL MINISTRO CHE PER DIFENDERE L'ITALIANITÀ HA “COSTRETTO” ALFA ROMEO A CAMBIARE NOME DA “MILANO” A “JUNIOR”? UN PRODOTTO DELL’INDUSTRIA MADE IN ITALY? MACCHÉ: NELLA SUA DICHIARAZIONE PATRIMONIALE, SPUNTANO UNA VOLKSWAGEN T-CROSS E UNA MENO RECENTE (MA SOSTENIBILE) TOYOTA DI INIZIO MILLENNIO. VEDIAMO IL LATO POSITIVO: ALMENO NON SONO DEL MARCHIO CINESE DONFGENG, A CUI VUOLE SPALANCARE LE PORTE...

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...