FAR WEST A GRINZANE - IN PROVINCIA DI CUNEO UN GIOIELLIERE SPARA AI TRE RAPINATORI CHE STANNO TENTANDO DI DERUBARLO E NE UCCIDE DUE - IL TERZO, FERITO, E' RICOVERATO IN OSPEDALE - L'UOMO, CHE AVEVA GIA' SUBITO UN'ALTRA RAPINA NEL 2015, ERA IN NEGOZIO CON MOGLIE E FIGLIA QUANDO I DELINQUENTI HANNO FATTO IRRUZIONE - VIDEO

Condividi questo articolo


Cristina Borgogno Roberto Fiori per "la Stampa"

 

Il rapinatore ucciso a Grinzane Cavour Il rapinatore ucciso a Grinzane Cavour

Il corpo del primo bandito, Andrea Spinelli, è riverso in mezzo alla strada principale, via Garibaldi. Il secondo, ancora senza nome, è steso a terra poco distante, tra le auto parcheggiate in una via laterale.

 

Un terzo è ferito, ma è riuscito a fuggire a piedi facendo perdere le sue tracce tra i vigneti ai piedi del castello di Grinzane Cavour. Nella notte sarebbe stato rintracciato a Savigliano e poi ricoverato in ospedale. Sembra il finale di un film western, è invece il tragico esito di una tentata rapina in pieno giorno alla gioielleria Roggero in frazione Gallo di Grinzane, a pochi chilometri da Alba.

 

Il rapinatore ucciso a Grinzane Cavour Il rapinatore ucciso a Grinzane Cavour

A sparare contro i tre rapinatori è stato il titolare, Mario Roggero, che nel 2015 aveva già subito una violenta rapina ed era stato selvaggiamente pestato mentre si trovava in negozio con la moglie e la figlia. Sei anni dopo, alle 18.30 di ieri, i tre famigliari hanno rivissuto la stessa scena.

 

Da una prima ricostruzione, pare che i banditi siano entrati in negozio e abbiano agito subito con violenza per impadronirsi di soldi e preziosi, aggredendo la moglie di Roggero e puntando le pistole contro la figlia, mentre il titolare si trovava nel retrobottega.

 

Sono seguiti momenti di tensione, poi la fuga da una porta laterale e il tragico epilogo in strada, in mezzo ai passanti terrorizzati. Alcuni testimoni parlano di tre colpi. Due sono andati mortalmente a segno, lasciando a terra un rapinatore in mezzo alla carreggiata e l'altro tra le auto parcheggiate sul bordo. Il terzo colpo, forse, era destinato al bandito che è riuscito a mettersi in fuga.

 

La gioielleria di Mario Roggero La gioielleria di Mario Roggero

«Mi batte il cuore all'impazzata - è la testimonianza di una ragazza che si trovava a pochi metri dalla gioielleria -. È stato terribile: ho avuto paura di morire». «Stavamo preparando i lavori del Consiglio comunale, quando abbiamo sentito gli spari in strada», racconta il sindaco Gianfranco Garau davanti al municipio, che si trova a due passi dalla gioielleria.

 

«Mi sono spaventato e sono sceso a controllare. Siamo tutti sconvolti e increduli. Saranno gli inquirenti a stabilire la dinamica di quanto accaduto. Non possiamo neanche immaginare cosa stia provando la famiglia Roggero e siamo atterriti da tanta violenza».

 

Grinzane Cavour Grinzane Cavour

Insieme con la moglie e le quattro figlie (di cui due oggi lavorano in negozio), Mario Roggero è titolare della gioielleria di Gallo Grinzane da oltre 40 anni. Una famiglia stimata e molto amata in paese. A cui fin da subito, ieri, l'intera comunità ha voluto far sentire la propria vicinanza. «È la seconda volta che si accaniscono contro di loro», hanno continuato a ripetere le persone che sono accorse in strada allo scoppio degli spari.

 

Grinzane Cavour Grinzane Cavour

Le indagini sono condotte dal pm della Procura di Asti, Davide Greco, che si è recato sul posto. In tarda serata Mario Roggero è stato interrogato a lungo nella caserma dei carabinieri di Alba, ma al momento non risulta indagato. Per ricostruire la dinamica della tragedia, verranno ascoltate le testimonianze dei passanti e saranno analizzate le immagini delle telecamere di sorveglianza che hanno ripresa la scena.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

GRILLO VS CONTE: NE RESTERÀ SOLO UNO – BEPPE-MAO CHIEDE UN RITORNO ALLE ORIGINI E RIVENDICA IL LIMITE AI DUE MANDATI, MA PEPPINIELLO APPULO VORREBBE CANCELLARLO PER SEDARE GLI EX BIG M5S FINITI AI MARGINI - CONTE HA CAPITO CHE L’UNICO MODO PER SALVARE LA SUA LEADERSHIP È ANCORARSI AL PD, VISTO CHE GRILLO E RAGGI VOGLIONO UN M5S "NE' DI DESTRA NE' DI SINISTRA" - TRAVAGLIO PROVA A FARE IL PACIERE, MA SI CONTRADDICE: PRIMA DÀ RAGIONE ALL’ELEVATO E ALLA RAGGI SULL’EQUIDISTANZA DEL MOVIMENTO DAI PARTITI. POI RICORDA CHE SENZA ALLEANZE NON CI SAREBBERO STATI REDDITO DI CITTADINANZA E SUPERBONUS – GRILLO E' AVVELENATO: NESSUNO GLI HA MOSTRATO SOLIDARIETÀ PER IL PROCESSO AL FIGLIO CIRO