FRUTTIVENDOLI NULLATENENTI MA CON L'OROLOGIO D'ORO E LA VACANZA IN YACHT - COME SI GUADAGNAVANO DA VIVERE (DAVVERO) I FRATELLI BIANCHI? SERATE NEI LOCALI, MARCHI DI LUSSO DALLA TESTA AI PIEDI, AUTO E MOTO DI GROSSA CILINDRATA. IL TUTTO ACCOMPAGNATO DA UN DISCRETO NUMERO DI DENUNCE. MARCO PER RISSA, LESIONI PERSONALI E SPACCIO. GABRIELE È STATO ACCUSATO DI MINACCIA, LESIONI, PORTO DI OGGETTI ATTI A OFFENDERE E...

Condividi questo articolo


 

i fratelli bianchi i fratelli bianchi

C.Moz, M.Sba. per ''Il Messaggero''

 

Un negozio di frutta aperto da soli tre mesi e le vacanze a Positano, in giro per la Costiera Amalfitana, in luoghi inavvicinabili a moltissime persone. A vedere le immagini che i due fratelli Bianchi, Marco e Gabriele, postavano sui social per raccontare la vita che conducevano viene da domandarsi con quali risorse si garantivano quel tenore di vita. Ostentato che fosse, a nessuno dei due mancava mai l'abito firmato, l'orologio giusto, gli accessori all'ultima moda, la moto super veloce.

 

LA FRUTTERIA

Ma di cosa vivevamo i due fratelli finiti dietro le sbarre del carcere con l'accusa di aver pestato a morte il giovane Willy Monteiro Duarte? Quali e quante erano le loro fonti di reddito tali da permettersi una vita piena di agi e anche di vizi? Il primo, Marco, da qualche mese, subito dopo il lockdown, aveva aperto un piccolo negozio di frutta verdura a Cori, comune della provincia di Latina.

i fratelli bianchi a miami i fratelli bianchi a miami

 

Non un grande locale su cui tra l'altro il sindaco della cittadina, Mauro De Lellis, ha già avviato le pratiche per il ritiro della licenza. Ci lavorava anche Gabriele ma poteva bastare ad entrambi per spassarsela in giro per locali e posti noti di villeggiatura? La famiglia Bianchi abita in una frazione di Artena, il padre ha un'impresa di pozzi artesiani, gli altri figli (in tutto sono quattro) hanno delle attività commerciali: un'enoteca a Lariano e un negozio di alimentari. Marco e Gabriele, però, al netto della frutteria di Cori risultano nulla tenenti.

 

La scuola interrotta a metà, l'università mai presa, lavori saltuari, dicono ad Artena «quando gli andava voglia». Motivo per cui non si escludono accertamenti di natura patrimoniale nei prossimi giorni.

 

LE DENUNCE

 

gabriele bianchi gabriele bianchi

Di contro, le serate nei locali, il lusso ricercato in ogni modo, la testa calda nota anche alle forze dell'ordine che sui due fratelli hanno accumulato negli ultimi tre anni un discreto numero di denunce. Comprese alcune per spaccio di stupefacenti. Marco, il più piccolo dei due, ha alle spalle almeno due denunce per rissa, altrettante per lesioni personali e spaccio, oltre a una serie di contravvenzioni amministrative. Gabriele non è da meno. In passato è stato accusato di minaccia, lesioni, porto di oggetti atti a offendere e stupefacenti.

 

Qualcosa in più dell'hashish. Tutti reati, per entrambi i fratelli Bianchi, contestati negli ultimi tre anni: dal 2017 a oggi, e nel perimetro di Velletri, Lariano ed Artena. Gabriele sta per diventare padre. La compagna, Silvia Lagada, all'Adnkronos ha detto: «Aspetto un bambino, sto diventando madre e il mio pensiero va alla famiglia del ragazzo che non c'è più, la giustizia farà il suo corso e la verità verrà fuori».

 

gabriele bianchi in umbria gabriele bianchi in umbria

Ma intanto per le strade di Artena e per quelle di Lariano chi si è almeno incontrato una volta per strada o in piazza con i due fratelli Bianchi descrive due ragazzi «sopra le regole», «spocchiosi e chiassosi». Qualcuno si ferma a raccontare anche la loro nomea: «capita in queste piccole città che avvengano a volte le risse di fronte ai locali, per stupidi motivi, e molto spesso ti ritrovavi pure i Bianchi in mezzo».

gabriele bianchi gabriele bianchi gabriele bianchi gabriele bianchi gabriele bianchi gabriele bianchi bianchi bianchi alessandro e gabriele bianchi alessandro e gabriele bianchi bianchi bianchi gabriele bianchi a positano gabriele bianchi a positano

 

Condividi questo articolo

media e tv

LA CANNES DEI GIUSTI - È UN PO’ UNA CAFONATA PASSARE DALL’INCREDIBILE RIPROPOSTA DEL CAPOLAVORO DI JEAN EUSTACHE “LA MAMAN ET LA PUTAIN”, TRE ORE E MEZZA DI DIALOGHI FITTI, DI MONOLOGHI INCREDIBILI, DI CONTINUI CAMBI DI PUNTI DI VISTA, ALL’APERTURA DEL FESTIVAL CON MICHEL HAZANAVICIOUS CHE FA IL REMAKE, ANCHE DIVERTENTE, DEL FILM DI ZOMBI GIAPPONESE “ONE CUT OF THE DEAD”. E, CAFONATA NELLA CAFONATA, FRANCAMENTE DI PESSIMO GUSTO, APRIRE, CON UN MESSAGGIO DI ZELENSKY E POI PARTIRE CON GLI ZOMBI E IL BAGNO DI SANGUE A GOGO… VIDEO

politica

“LA RUSSIA NON SARA’ LA PRIMA A LANCIARE UN ATTACCO NUCLEARE, PUÒ LANCIARLO SOLO COME RAPPRESAGLIA” - IL VICE PRIMO MINISTRO RUSSO, YURY BORISOV, SI “ACCODA” ALLE DICHIARAZIONI PIU’ MITI DI PUTIN SULLO SCONTRO CON L’OCCIDENTE E RASSICURA SUL FATTO CHE MOSCA NON VUOLE SCATENARE UN CONFLITTO ATOMICO - MA SULLE ALTRE ARMI LA RUSSIA SI DA’ DA FARE: IL PORTAFOGLIO ORDINI DI ARMI DESTINATE ALL'EXPORT SI AVVICINA AI 50 MILIARDI DI DOLLARI - PRINCIPALI ACQUIRENTI? INDIA, CINA, EGITTO E ALGERIA…

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute