IL FURBETTO EMIRATINO! “QUI LA GIUSTIZIA FUNZIONA” – GLI EMIRATI ARABI RESPINGONO LA RICHIESTA DI ESTRADIZIONE IN ITALIA PER DANILO COPPOLA E “IL FURBETTO DEL QUARTIERINO” GONGOLA: "VIGE LA MERITOCRAZIA. I GIUDICI RITENGONO CHE SONO PERSEGUITATO" – COPPOLA, CONDANNATO A 7 ANNI PER TRE CASI DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA, ERA STATO ARRESTATO A DICEMBRE AD ABU DHABI SU MANDATO D'ARRESTO INTERNAZIONALE - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

LEGALI DANILO COPPOLA, EMIRATI HANNO NEGATO L'ESTRADIZIONE

danilo coppola danilo coppola

(ANSA) - Gli Emirati Arabi hanno respinto la richiesta di estradizione dell'Italia per Danilo Coppola, ex protagonista della stagione dei "furbetti del quartierino", che deve scontare una pena definitiva di oltre 6 anni per una condanna del 2022 per bancarotta. Lo si è appreso da fonti legali.

 

L'immobiliarista romano, difeso nel procedimento estradizionale dall'avvocato Gaetano De Perna, era stato arrestato a dicembre ad Abu Dhabi su mandato d'arresto internazionale e rilasciato. Il mandato era stato emesso dal pm di Milano Adriana Blasco dell'Ufficio esecuzione guidato dall'aggiunto Eugenio Fusco.

danilo coppola danilo coppola

 

Il mandato d'arresto internazionale, a cui era seguita la richiesta di estradizione, era scaturito dalla condanna definitiva a 7 anni del primo luglio del 2022 per tre diversi episodi di bancarotta fraudolenta: i fallimenti del Gruppo Immobiliare 2004, di Mib Prima spa e di Porta Vittoria spa, quest'ultimo dichiarato il 15 settembre 2016, lo stesso anno in cui fu arrestato in passato.

 

La pena definitiva era di 7 anni, poi ridotta a 6 anni, 2 mesi e 12 giorni considerando il periodo già trascorso tra carcere e domiciliari in fase cautelare. A cui sono stati aggiunti, poi, stando al mandato d'arresto, tre mesi per una condanna per diffamazione a Bergamo. Per Coppola, che all'epoca dei "furbetti del quartierino" aveva patteggiato per il caso Antonveneta, lo scorso 19 marzo, a Milano, era arrivata un'altra condanna in primo grado a 2 anni e 8 mesi nel processo milanese per il caso cosiddetto "Porta Vittoria bis" sempre per ipotesi di bancarotta.

danilo coppola danilo coppola

 

Una condanna che ha portato la pena finale, "in continuazione" con quella del precedente filone, a 9 anni e 8 mesi. Inoltre, l'immobiliarista, che negli ultimi anni ha vissuto tra la Svizzera e Dubai, è a processo a Milano anche per il caso Prelios. In questo procedimento le autorità elvetiche avevano negato in passato la sua consegna all'Italia per l'esecuzione di un'ordinanza di custodia in carcere per l'accusa di tentata estorsione.

 

DANILO COPPOLA, 'NEGLI EMIRATI ARABI LA GIUSTIZIA FUNZIONA'

(ANSA) - "Sono molto emozionato, devo dirvi che gli Emirati Arabi Uniti non concedono la mia estradizione, qui la giustizia funziona, non c'è il pregiudizio, non c'è il preconcetto, vige la meritocrazia ".

 

DANILO COPPOLA DANILO COPPOLA

Così l'immobiliarista romano Danilo Coppola, 56 anni, in un video sui suoi canali social ha commentato la decisione degli Emirati di negare l'estradizione richiesta dall'Italia. Coppola spiega nel video che i giudici degli Emirati hanno "analizzato" gli atti e le "persecuzioni - dice - che mi riguardano" e "ritengono che la mia persona è perseguitata".

 

 

LEGALE DI DANILO COPPOLA, 'FINALMENTE UN GIUDICE A BERLINO'

(ANSA) - "Finalmente un Giudice a Berlino ... non conosciamo ancora le motivazioni, ma ce n'erano molteplici per rigettare la richiesta di estradizione. Il mio studio ci ha lavorato tanto, ma alla fine la Giustizia trionfa comunque".

 

Così l'avvocato Gaetano De Perna ha commentato la decisione, comunicata ai legali e a Coppola, dei giudici degli Emirati Arabi Uniti di negare l'estradizione di Danilo Coppola, dopo che negli ultimi mesi si sono tenute diverse udienze del procedimento estradizionale.

SEQUESTRO DELLA VILLA DI DANILO COPPOLA SEQUESTRO DELLA VILLA DI DANILO COPPOLA DANILO COPPOLA DANILO COPPOLA DANILO COPPOLA DANILO COPPOLA pluto il cane di danilo coppola pluto il cane di danilo coppola

 

DANILO COPPOLA DANILO COPPOLA DANILO COPPOLA. DANILO COPPOLA.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

GRILLO VS CONTE: NE RESTERÀ SOLO UNO – BEPPE-MAO CHIEDE UN RITORNO ALLE ORIGINI E RIVENDICA IL LIMITE AI DUE MANDATI, MA PEPPINIELLO APPULO VORREBBE CANCELLARLO PER SEDARE GLI EX BIG M5S FINITI AI MARGINI - CONTE HA CAPITO CHE L’UNICO MODO PER SALVARE LA SUA LEADERSHIP È ANCORARSI AL PD, VISTO CHE GRILLO E RAGGI VOGLIONO UN M5S "NE' DI DESTRA NE' DI SINISTRA" - TRAVAGLIO PROVA A FARE IL PACIERE, MA SI CONTRADDICE: PRIMA DÀ RAGIONE ALL’ELEVATO E ALLA RAGGI SULL’EQUIDISTANZA DEL MOVIMENTO DAI PARTITI. POI RICORDA CHE SENZA ALLEANZE NON CI SAREBBERO STATI REDDITO DI CITTADINANZA E SUPERBONUS – GRILLO E' AVVELENATO: NESSUNO GLI HA MOSTRATO SOLIDARIETÀ PER IL PROCESSO AL FIGLIO CIRO

DAGOREPORT - IL 1 LUGLIO DOVREBBE PARTIRE LA NETCO (EX RETE TIM) TARGATA KKR, E LA SQUADRA È GIÀ PRONTA: IL PRESIDENTE SARÀ MASSIMO SARMI, CARO A GIORGETTI; SIMONE BONANNINI, EX OPEN FIBER E AMICO DEL SOTTOSEGRETARIO ALESSIO BUTTI, DOVREBBE DIVENTARE DIRETTORE COMMERCIALE - PATRIZIA RUTIGLIANO DOVREBBE ESSERE LA CAPA DELLA COMUNICAZIONE - DA TIM DOVREBBERO ARRIVARE ELISABETTA ROMANO COME CTO E GIOVANNI MOGLIA COME DIRETTORE FINANZIARIO - A QUESTO PUNTO LA DOMANDA SORGE SPONTANEA MA AL FUTURO AD, CHE DOVREBBE ESSERE L’EX FERROVIERE LUIGI FERRARIS, GLI FARANNO DECIDERE QUALCOSA? AH SAPERLO…