GRATTA E PERDI – A BOLOGNA È STATO ARRESTATO UN LADRO SERIALE DI BIGLIETTI DELLA FORTUNA: IL FURBACCHIONE È STATO BECCATO DALLA POLIZIA PERCHÉ, DOPO AVER RUBATO I GRATTA E VINCI (CHE SONO TRACCIATI), ANDAVA A RISCUOTERE LE VINCITE - LE MANETTE SONO ARRIVATE MENTRE IL 20ENNE STAVA RAPINANDO UNA FARMACIA - NELLA SUA BREVE CARRIERA DA "LUPIN" È RIUSCITO A RUBARE DENARO PER UN VALORE COMPLESSIVO DI...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Chiara Caravelli per www.ilgiorno.it

 

LADRO DI GRATTA E VINCI A BOLOGNA LADRO DI GRATTA E VINCI A BOLOGNA

Aveva messo a segno quattro rapine, tra agosto e novembre 2022, tutte nel quartiere Bolognina. La gip Maria Cristina Sarli, su richiesta della Procura di Bologna, ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un ventenne italiano. Il ragazzo si trova alla Dozza con l’accusa di rapina con l’aggravante di porto abusivo di armi, nel suo caso un coltello con lama di circa 7 cm.

 

GRATTA E VINCI GRATTA E VINCI

Secondo le indagini, coordinate dal sostituto procuratore Andrea De Feis e condotte dai carabinieri della Compagnia Bologna Centro, in collaborazione con l’Agenzia delle Dogane e del Monopolio settore giochi, il giovane ha colpito in tre tabaccherie (una rapinata due volte) e una farmacia, rubando denaro per un valore complessivo pari a 2.500 euro e circa mille euro in gratta e vinci. […]

 

Il 30 novembre, il ventenne è stato arrestato in flagrante mentre stava tentando di mettere a segno una rapina ai danni di una farmacia, sempre in Bolognina. […]

un gratta e vinci milionario un gratta e vinci milionario

 

"Fondamentale – spiega il comandante dei carabinieri della Compagnia Bologna Centro, maggiore Michelangelo Lobuono – ai fini dell’identificazione dell’esecutore materiale delle rapine, la collaborazione con il settore giochi dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli”.

gratta e vinci in tabaccheria gratta e vinci in tabaccheria

 

Grazie alle tecnologie offerte dalla società Sogei e insieme al concessionario Igt, è stato possibile risalire alle ricevitorie (si tratta di tre tabacchiere nel Bolognese) dove il rapinatore e il suo complice andavano a riscuotere le vincite dei gratta e vinci e, di conseguenza, grazie alle immagini delle telecamere di videosorveglianza e le testimonianze dei titolari, risalire all’identità dei due malviventi.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - SULLA SCENA POLITICA, FITTA DI SCAPPATI DI CASA, MANCAVANO SOLO LORO: FASCINA E GALLIANI - L’ANTICO “CONDOR” DEL CAVALIERE È DIVENTATO LO CHAPERON POLITICO DELLA “VEDOVA INCONSOLABILE”, CON IL CONTORNO DEI SECOLARI AMICI DELLA BUONANIMA DI SILVIO, CONFALONIERI E DELL’UTRI - IN OGNI USCITA PUBBLICA, I DUE SONO INSEPARABILI. DEL RESTO, SI CONOSCONO, E BENE. LA SCALATA DELLA “MARIA GODETTI” CALABRO-NAPOLETANA ALL’INTERNO DELL’INNER CIRCLE BERLUSCONIANO AVVENNE GRAZIE A GALLIANI, ALL’EPOCA BOSS DEL MILAN - ORA È CHIARO CHE A TAJANI HA SEMPRE FREGATO POCO DI COSA COMBINA IL DUPLEX FASCINA-GALLIANI. FINO ALLO SCORSA SETTIMANA ALLORCHÉ È ESPLOSA FORZA ITALIA AL COMUNE DI MILANO, DIETRO LA QUALE CI SAREBBERO LE UNGHIE DELLA FASCINA, CHE HA MANTENUTO UN OTTIMO RAPPORTO CON MARINA, VEDI IL DUELLO CONTINUO CON IL FRATELLO PIER SILVIO CHE VUOLE FAR SLOGGIARE LA “VEDOVA INCONSOLABILE” DALLA COSTOSISSIMA MAGIONE DI ARCORE - VIDEO

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…